Segnala alla redazione
Foto di Cliff Mason
La terza età a Disneyland
MONDO
11.01.2020 - 08:000

Evviva, arrivano i baby boomer

Gli addetti si preparino ad accogliere e a coccolare questo nuovo segmento di mercato

LUGANO – Sono i figli del “baby boom”, coloro che hanno vissuto il periodo della grande ripresa economica e del boom demografico esplosi alla fine della seconda guerra mondiale. Sono i nati tra il 1945 ed il 1965 (i primi quest’anno avranno l’éta della pensione). È la generazione delle rivoluzioni culturali, delle lotte per i diritti civili, del movimento hippy, della rivoluzione sessuale, del pacifismo, del femminismo e della musica rock.

Sono orientati al lavoro e alla carriera, ambiziosi, con redditi mediamente elevati, ma anche con una grande predisposizione al risparmio. Continuano a lavorare fino alla quarta età. Ma si tratta anche della prima generazione attenta alla forma fisica ed ai «rimedi» contro la mezza età. Generazione che, secondo gran parte dell’opinione pubblica, ha rovinato i propri figli, crescendoli nel mito del «puoi avere tutto quello che vuoi», senza capire che il mondo nel frattempo era cambiato, che la certezza si è trasformata in precarietà.

Il settore turistico, ma non solo, deve farsi trovare preparato. I pensionati del grande boom, sono pronti a consumare i prodotti turistici. Sono insaziabili. Nel settore dell’ospitalità e del leisure, questo segmento della popolazione in crescita rappresenta un vero e proprio business. I baby boomers sono istruiti, sofisticati e hanno un gusto raffinato; amano il comfort, la stabilità e la sicurezza economica e richiedono qualità nel servizio.

Nel web ho trovato alcuni consigli dell’architetto Henry Wong sui servizi che l’albergatore dovrebbe considerare per poter soddisfare le esigenze particolari di questo segmento di mercato. Nelle camere da letto è preferibile usare colori blu, giallo chiaro, verde chiaro, per un’atmosfera calma e rilassata, evitando quindi il rosso e quadri d’arte troppo inquietanti.
Inoltre si dovrebbero evitare gli specchi di fronte o vicino al letto: a molti non piace specchiarsi appena svegli. L’albegatore attento mette a disposizione delle fonti di luce più potenti per gli ospiti che faticano a leggere: non solo nelle stanze, ma anche al bar e al ristorante. Ah, la cassaforte deve essere abbastanza grande per poter inserire un computer portatile! I baby boomer, si sa, sono iperconnessi.

 

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 
Link utile: www.viaggirossetti.ch 

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 23:28:16 | 91.208.130.86