mobile report Segnala alla redazione
Foto Dreamstime
Tutto pronto per la nuova stagione
LUCERNA
09.12.2018 - 07:000

Apripista, le stazioni si lanciano nella gara dei superlativi

Le novità 2019: nuovi impianti, alberghi di lusso, rimborsi in caso di brutto tempo ed una slittovia quattro-stagioni

 

LUCERNA – La nuova stagione è aperta e la competizione tra le diverse stazioni sciistiche è iniziata con tantissime novità: nuove funivie milionarie, alberghi nei comprensori, slittovie, sale per eventi e manifestazioni. Chi più ne ha, più ne metta…

La stagione sciistica nella Ski-Arena Andermatt-Sedrun, per esempio, da questo inverno durerà sette mesi: da novembre fino a maggio. Questo è stato reso possibile grazie a investimenti globali nell’innevamento artificiale e grazie allo snowfarming. In questa stagione entreranno in funzione nella Ski-Arena tre nuovi impianti di risalita (per esempio funivia del Schneehüenerstock che collegherà la Svizzera centrale con i Grigioni) permetteranno di sciare tra Andermatt e Sedrun. Con l’espansione, l’ampliamento e l’ammodernamento, il comprensorio sciistico di Andermatt-Sedrun diventerà così estremamente attraente per tutti gli atleti. Ad Andermatt ha pure aperto i battenti il nuovo Hotel Radisson Blu con ben 180 camere.

Nella regione di Engelberg gli sciatori resteranno anche questo inverno incantati da magiche discese di profonda e polverosa neve, alloggi da sogno, e una stupenda vita notturna. Scoprite a anche voi le bellezze naturali, i magnifici panorami innevati, una selezione di sport invernali senza fine per sciatori, snowboarder e amanti del telemark. La meteo è cattiva, nessun problema, sarete rimborsati (a condizione di aver prenotato con almeno 7 giorni di anticipo). Progetto per il futuro?
La nuova stazione di arrivo al Titlis progettata da Jacques Herzog e Pierre de Meuron con un investimento globale di 100 milioni.

A Montana-Crans verrà inagurato nel mese di febbraio il nuovo Chalet Alaia con un centro sportivo per lo skatboard, il BMX e il rollerblade con pumptraks ed un’architettura particolarmente integrata nella natura della regione vallesana.

E in Ticino? A Bosco Gurin, si sa, l’inverno è sinonimo di sci! Dai primi piccoli scilift degli anni '60, si è passati alla fine degli anni '90 alla costruzione delle seggiovie e dei successivi ampliamenti degli impianti fino a giungere all'odierna offerta di piste ampia e variata che non può lasciare indifferenti gli amanti di questo sport. Oggi Bosco Gurin offre oltre 30 chilometri di piste adatte sia per i principianti che per chi cerca piste impegnative e divertenti. La novità si chiama slittovia a monorail. Bosco Gurin potrebbe inaugurare la sua nuova slittovia a gennaio, un progetto annunciato da tempo. A rivelarlo è il titolare unico della Centri Turistici Montani Giovanni Frapolli, che non nasconde la sua soddisfazione: «Ho atteso due anni di lavori con il Masterplan per lo sviluppo dell’Alta Vallemaggia e poco prima di Natale ho ricevuto dal Consiglio di Stato il nullaosta per iniziare i lavori quanto prima. Sono entusiasta». La slittovia dovrebbe funzionare in tutte e quattro le stagioni e costerà 1.3 milioni di franchi, andando ad inserirsi nella strategia di “destagionalizzazione”, come dire: non più solo inverno. Una strategia sostenuta e auspicata anche dal Governo ticinese.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Contatto: newsblog@viaggirossetti.ch 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-03-25 23:48:07 | 91.208.130.87