mobile report Segnala alla redazione
ITALIA
18.09.2018 - 09:150

Romano Gialdini, l’ultimo pontiere del Po

A Boretto si trova un piccolo museo dedicato alla storia del ponte di barche

 

BORETTO – Lo incontriamo in cima alla scalinata che porta al Museo dei Pontieri. Occhi che la sanno lunga, fissi su quell’acqua che gli ha forgiato il carattere. Romano Gialdini ha 80 anni. «Qui mi chiamano Romano del Ponte», scandisce con orgoglio. Tutta la sua vita l’ha trascorsa lì, a Boretto, a monitorare quel ponte di chiatte che prima di lui era stata l’unica fonte di sostentamento di suo padre Dino al quale ha intitolato il prezioso museo.

Quella struttura che collegava la sponda reggiana del Po con quella di Viadana ha chiuso nel 1967; ma Romano non l’ha abbandonata e si è reinventato un mestiere, vincendo un bando per la pulizia fluviale e lagunare. «Arrivavo fino a Jesolo… », sorride. E quando lo fa, sul suo viso compaiono i segni del tempo, quelle rughe che tanto somigliano ai rivoli del fiume, pieni di saggezza, di storie, di umidità e di pazienza.

«Ne abbiamo viste tante, qui, di piene sa? ». E se le ricorda tutte, l’uomo del ponte.
«Qui siamo abituati a vederne almeno due l’anno: una in autunno e una in primavera… Diciamo che quella di adesso è un po’ più grossa del normale… ». Dal pelo dell’acqua spuntavano le sommità dei cartelli, le cime degli alberi. Se non fosse stato per la preoccupazione della nuova ondata in arrivo, si sarebbe anche rimasti incantati davanti allo spettacolo della potenza della natura. Davanti a quell’orizzonte fluido che non trova una fine.

Sul muro costellato di targhe compaiono a scadenza regolare nuova date. Un’altra tacca nella memoria. Gialdini, quando non combatte con l’acqua, traghetta i visitatori dell’Albergo del Po lungo la storia. Dedica la sua vita alla Casa dei Pontieri che porta il nome di suo padre. Mostra le foto che lo vedono bambino, braghette corte e sorriso birichino, a salutare il futuro in bianco e nero di fianco alla sorella tutta treccine. Non lo sapeva, Romano, che quel ponte così avveniristico un giorno sarebbe diventato roba da museo. Ma a lui non interessa. Anche perché lì dentro ha messo tutta la sua vita. Il senso delle piccole cose, della quotidianità consumata in dialetto.

Quel suo sguardo acquoso d’improvviso si fa vispo. Occhi negli occhi, non si può sfuggire. Indica un foglietto, attaccato al telefono dentro una cassetta che utilizzavano per comunicare da una parte all’altra del Grande fiume. “Chi dimentica la storia, dimentica sé stesso”, c’è scritto. Lo legge ad alta voce.

Fuori, boe di lamiera bianche e rosse risplendono sotto il sole, davanti a una Fiat 500 color ocra parcheggiata a mezz’aria su una grata e una casetta che contiene il modellino fedele del vecchio ponte di barche.

Romano del Ponte non aspetta altro che raccontare come si attraversava il Po. Andate a trovarlo, se potete. I gruppi in viaggio a Venezia, a bordo dei gommoni, si fermano per la notte proprio in questo albergo e fanno visita all’ultimo pontiere del fiume Po.

Testo a cura di Claudio Rossetti

Per saperne di più: newsblog@viaggirossetti.ch 

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-14 21:03:02 | 91.208.130.86