SEGNALACI mobile report
focus
RUSSIA
10.07.2018 - 07:000

Russia 2018: la creatività diventa…mondiale!

Assenze illustri, emozioni, tecnologia. La Coppa del Mondo di calcio in Russia si è trasformata in una rassegna di idee pubblicitarie a volte veramente sorprendenti!

 

I grandi eventi sportivi di copertura mondiale, come le Olimpiadi o gli stessi Mondiali di Calcio, scatenano puntualmente la creatività di aziende ed agenzie pubblicitarie sparse in tutto il mondo.

Sono soprattutto gli sponsor ufficiali a doversi difendere dalla genialità di alcuni outsider che, grazie ai Social Media, possono diventare virali e ottenere, inaspettatamente, una visibilità mondiale.

In occasione della FIFA World Cup di quest’anno, che ormai volge al termine, i temi topic sono stati l’auto-ironia di chi è rimasto escluso (Italia su tutti), ma anche la simpatia dell’Islanda, autentica rivelazione delle fasi eliminatorie europee.

In questa breve carrellata ecco cinque spot di diversa natura che hanno colpito il loro target con idee inusuali. Questo nonostante i vari brainstorming abbiano spesso portato risultati simili:

5) La papera di Buffon: l’Italia è l’assente eccellente di questi mondiali, benché anche un’altra habitué, l’Olanda, abbia guardato la kermesse solo dai televisori. Birra Moretti ha creato uno spot in cui un Gigi Buffon (rigorosamente coi baffi per rispettare l’identità visiva del marchio) viene investito dalle freddure del vero uomo coi baffi della famosa birra. Ottima la trovata, apprezzabile l’ironia. Così come l’invito a “far ridere” Buffon chiamando o scrivendo qualcosa ad un numero dedicato. Un solo dubbio ci viene: non era forse il caso di lanciare un hashtag ufficiale?

4) Pirlo in cerca di squadra: anche qui il topic dello spot di Uber Eats e McDonald’s è l’assenza dell’Italia dai Mondiali, benché lo spot non sia andato in onda nel Belpaese, ma solo nei Paesi di lingua anglosassone. Nel video, dopo esser stato “insultato” da Andrea Pirlo per non aver saputo che l’Italia non si è qualificata, il giornalista che lo intervista gli dice che può godersi comunque il mondiale davanti alla tv e scegliersi una squadra. Nasce così l’hashtag #teamforpirlo. Divertenti le situazioni con l’ex Campione del Mondo che “tenta” di scegliere una squadra per cui simpatizzare.

3) Ibra contro tutti: proprio a spese dell’Italia, si è qualificata la Svezia, che a sua volta ha registrato un assente d’eccezione, Zlatan Ibrahimovic, escluso per scelta dal CT Andersson. Visa ha elaborato due spot dal mood diverso dove prima il campione svedese annuncia di partecipare da solo ai mondiali, e poi si trova a guardarli davanti allo schermo di un pub. La genialità dell’operazione è stata convincere un calciatore dai metodi duri e dall’autostima altissima a prendersi un po’ in giro e a essere comunque presente in Russia, a modo suo.

 

2) La realtà dei sogni: l’Islanda è stata la nazionale che, mediaticamente, ha ottenuto più simpatia nella fase a gironi della manifestazione iridata. Se lo spot della Coca Cola sia suggestivo e ci porta con suoni ed immagini alla realtà della piccola isola, la compagnia di bandiera Icelandair ci regala un’ipotetica finale tra Islanda e Brasile (vedi video allegato). Trasmesso prima dei mondiali, lo spot non ha portato fortuna alla nazionale vichinga, ma ha sicuramente invitato molti turisti a visitare una terra affascinante come l’Islanda.

1) Droni mondiali: una delle idee più azzeccate dei mondiali è stata quella della birra ufficiale di Russia 2018, Budweiser. Il celebre marchio ha simulato un’invasione pacifica di droni in tutto il mondo, specie nei Paesi che hanno preso parte alla manifestazione. Destinazione finale dell’ultimo drone, una tifosa speciale sugli spalti di Mosca, l’unica ancora…a non avere tra le mani la sua birra fresca!

Articolo a cura di Clublab Sagl, siti web e grafica in Ticino

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-07-17 17:20:45 | 91.208.130.86