SEGNALACI mobile report
focus
LUGANO
24.01.2018 - 06:010

Cocktail che non fanno ingrassare: fantascienza o realtà?

Gli alcolici sono il punto dolente della dieta, per l'elevato apporto calorico. Scopriamo alcuni piccoli accorgimenti, come le materie prime di qualità, che possono rendere i nostri drink più leggeri

LUGANO - Questo articolo è dedicato a voi, appassionati dell’arte del realizzare cocktail, di quella che ormai, anche nella terminologia comune è stata sdoganata come “mixology”! Lo saprete bene quanto me, in tema di alimentazione gli alcolici sono ancora un argomento delicato. Ciò non significa che non siano parte integrante della nostra cultura enogastronomica: non mi riferisco soltanto ai vini o alle birre artigianali, ma anche ai drink. Essere un barman non è più scontato, né tantomeno semplice. Esistono in tutto il mondo, compreso il nostro Ticino, corsi e vere e proprie accademie dedicate alla mixology, curate da esperti di questa interessante disciplina.

Un cocktail, nel giusto contesto e nel giusto momento, non deve essere una scusa per beneficiare degli effetti inebrianti dell'alcol. Se preparato saggiamente, con ingredienti di qualità da un barista formato e creativo, un cocktail può diventare una vera festa dei sensi, un momento di degustazione importante.

Torniamo ora al tema della salute: esistono dei drink salutari? Apprezzare gli alcolici – in quantità misurate, si intende – deve essere per forza una condanna ad ingrassare?

Bisogna mettere in conto, purtroppo, che gli alcolici di qualunque tipo sono estremamente calorici, anche se in piccole quantità. Il nostro corpo fatica a smaltirli e questo rallenta o blocca il nostro metabolismo, rendendo inutili altri sforzi alimentari.

È possibile, tuttavia, arginare i danni con qualche trucco. Perciò, cari appassionati, non disperate e studiatevi questi tre consigli per rendere i cocktail più salutari.

  1. Scegliere frutta fresca

    Molti cocktail, specialmente quelli di gusto più dolce e gradevole, prevedono la frutta nella propria ricetta. Ciò non significa che tutti i bartender utilizzino frutta vera e propria! Succede spesso, per ragioni economiche, di velocità e di comodità, che nei drink vengano utilizzati succhi, puree o sciroppi industriali, a scapito dell’ingrediente vero e proprio. Questi concentrati sono ricchi di zuccheri, ciò fa si che contengano anch’essi una quantità elevata di calorie, tanto quanto l’alcol, se non di più in alcuni casi.

    Per evitare gli effetti nocivi dei succhi industriali, prediligete la frutta fresca: frullandola otterrete un ingrediente della stessa consistenza liquida del succo, togliendo tutte le calorie e gli zuccheri extra. Questo trucco conferirà al drink anche un sapore molto più genuino, comunque dolce, ma diverso. Non lo ripeterò mai abbastanza: la semplicità è fondamentale!

  2. Fare attenzione alle componenti gassate

    C’è poco da fare, alcuni cocktail prevedono chiaramente soft drinks, gazose o Coca Cola nella propria ricetta. In questi casi la strada per evitare gli eccessi è molto semplice: affidarsi alle alternative light delle bevande stesse. Definirle salutari sarebbe una forzatura, in quanto contengono comunque dolcificanti industriali per nulla naturali. Tuttavia, in termini di conta calorica, rappresentano una soluzione che non pregiudica il gusto del drink, se non per leggerissime sfumature che solitamente non si notano, nell’insieme.

  3. Sostituire lo zucchero

    Di zucchero abbiamo già parlato, ma soltanto di quello contenuto nelle sostanze che usiamo per preparare i drink. In questo punto ci concentriamo sullo zucchero come ingrediente autonomo. Innanzitutto, aiuta la salute evitare lo zucchero bianco e prediligere lo zucchero di canna integrale: quest’ultimo, infatti, non subendo processi di raffinazione, mantiene la maggior parte delle proprie sostanze nutritive, tra cui diverse vitamine e minerali.

    Ancora meglio sarebbe limitare l’uso dello zucchero in generale. A tal proposito ci sono diverse alternative utili, come il succo d’acero o di agave, oppure il miele, che proprio qui in Ticino produciamo in alta quantità e qualità. Provate a sciogliere un cucchiaino di miele in un cucchiaio d’acqua calda: scoprirete che insieme formano uno sciroppo perfetto, dolce e naturale.

Se siete curiosi di scoprire le ultime frontiere della mixology, affidatevi ai barman del lounge bar al Ciani Lugano. Nella carta dei cocktail troverete moltissime scelte, da quelle più tradizionali a quelle create da noi, con le combinazioni più efficaci di distillati, estratti naturali e spezie. Dedicateci un brindisi!

Questa rubrica è sponsorizzata dal Ciani Ristorante Lugano.

Articolo di S. Santese e G. Biondo, del Ristorante Ciani Lugano.

Potrebbe interessarti anche
Tags
cocktail
drink
zucchero
quantità
alcolici
frutta
qualità
ciani
ingrediente
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-20 03:27:34 | 91.208.130.87