Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Open & Wiki
OPEN & WIKI
3 sett
Wikimedia Svizzera e la Croce Rossa Internazionale iniziano una collaborazione
La Croce Rossa Internazionale è interessata a migliorare le voci di Wikipedia ma anche a registrare i propri dati su Wikidata
OPEN & WIKI
4 sett
Wikidata: lavorare con i dati ma anche gareggiare con i dati
Il 23 e il 24 novembre i data scientists di tutta la Svizzera si danno appuntamento all’Università di Zurigo
OPEN & WIKI
2 mesi
Fonoteca e Wikimedia Svizzera collaborano ad una giornata wikipediana
Dal 25 al 27 Ottobre oltre 20 wikipediani dalla Germania, dalla Svizzera e dall’Italia si incontreranno in Fonoteca nazionale svizzera per scrivere voci di Wikipedia
OPEN & WIKI
2 mesi
Wikidata: imparare uno dei maggiori hub di dati aperti
Wikidata è uno dei maggiori hub di dati aperti e cresce in maniera esponenziale. Molti data scientists vogliono imparare a integrare questi dati nelle proprie applicazioni. Come fare?
OPEN & WIKI
3 mesi
La guerra a suon di tastiera tra Cina e Hong Kong
Come al solito capita Wikipedia, grazie alla possibilità di poter scrivere facilmente, diventa un campo di battaglia virtuale tra due fazioni
OPEN & WIKI
3 mesi
Negapedia: il lato oscuro di Wikipedia
Uno strumento per mettere in evidenza il complicato lavoro di conciliazione che esiste sui contenuti
OPEN & WIKI
4 mesi
Lo sapevi che: 99942 Apophis
Un piccolo asteroide che aveva allarmato la Terra
OPEN & WIKI
4 mesi
Cosa c’è dietro gli assistenti vocali?
Strumento molto usato sugli smartphone ma dove vengono prese le informazioni?
OPEN & WIKI
10.08.2019 - 08:000

La prima teoria cospirativa in internet: Ong’s hat

Una città fantasma nel New Jersey è anche il luogo dove è stata basata la prima teoria cospirativa dell’era internet

Una città fantasma del vecchio West a venti miglia a ovest dell'Oceano Atlantico, cioè a metà strada tra la costa e Philadelphia è Ong’s Hat ed ha tutti gli ingredienti di una città fantasma: un nome strano, una origine ancora più bizzarra ma quello che è più strano è che ha un ruolo centrale nella prima teoria del complotto di Internet.

La città è in realtà formata dal solo edificio: lo Ong's Hut (letteralmente “la capanna di Hut”). Infatti, è possibile che Ong's Hut sia il nome corretto del luogo ma sulle mappe appare Ong's Hat (la "città" è apparsa sulle mappe nel 2006) da cui l’Ong's Hat Road nelle vicinanze.

Secondo la leggenda, la città prende il nome da un vero e proprio cappello (in inglese “hat” per cui in italiano il nome suonerebbe come “il cappello di Ong”). Un uomo con il cognome di Ong (un cognome comune nella zona in epoca coloniale) era famoso per corteggiare le donne grazie alla ricercatezza del suo abbigliamento, in particolare un cappello di seta. Un amante geloso calpestò il cappello e Ong, per la frustrazione, lo gettò in aria per cui rimase bloccato su un albero, così Ong's Hat divenne un punto di riferimento locale. In alcune versioni della storia, Ong possedeva invece una taverna, con il cappello come logo.

La storia vera è stata riportata nel 1968 da un membro della famiglia Ong che disse al New York Times che la sua famiglia aveva vissuto a Little Egg Harbor e trasportava grano. Costruirono una capanna a metà strada per riposare durante il loro viaggio, e Ong's Hut divenne Ong's Hat.

Tuttavia l’Ong’s Hat è famosa per essere stato il centro di una teoria della cospirazione. Wikipedia la definisce "una delle prime teorie cospirative di storia segreta basate su Internet", iniziata come un'opera di narrativa collaborativa. La teoria coinvolgeva i professori di Princeton che si pensava avessero costruito qui un laboratorio segreto di fisica quantistica per assemblare un dispositivo chiamato EGG, che permettesse viaggi interdimensionali. La teoria si ispirava chiaramente al film “Le avventure di Buckaroo Banzai nella quarta dimensione” che era uscito nelle sale proprio in quegli anni.

I creatori della teoria della cospirazione avevano voluto dare credito alla teoria diffondendola su più media, quindi su BBS (un primo sistema di comunicazione internet), radio, televisione ma soprattutto zine, cioè giornali prodotti con fotocopiatrici, e mail art. Quest'ultimo sistema è stato per lo più dimenticato, ma nell'era pre-internet, c'è stato un movimento per inviare opere d'arte attraverso la posta (spesso su buste o cartoline).

 

Per approfondire clicca qui 

Per informazioni: www.wikimedia.ch/it/contatti 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 16:08:24 | 91.208.130.89