Segnala alla redazione
Keystone
Stormzy al Glastonbury Festival dello scorso giugno, con indosso il giubbotto disegnato da Banksy.
REGNO UNITO
18.12.2019 - 14:000

La corona pesa, ma Stormzy non piega il collo

Heavy Is The Head, il nuovo album del rapper britannico, conferma quanto fatto quasi 3 anni fa con Gang Signs & Prayer

LONDRA - Avercene di rapper come Stormzy. Classe 1993, a soli 26 anni il ragazzo di Norbury è già una delle voci più potenti e rappresentative dell’intero panorama anglosassone (e non solo). “Heavy Is The Head” arriva a quasi 3 anni da quel “Gang Signs & Prayer” che lo ha reso da subito un punto cardinale nell’ecosistema rap d’oltremanica ed è il marchio di un artista ormai a proprio agio con il peso della corona.

A Stormzy riesce bene praticamente tutto. Un momento lo trovi a fare jogging tra gli angoli della sua mente (“Crown”), il momento dopo eccolo irrompere in radio con i colleghi Ed Sheeran e Burna Boy (“Own It”), per poi tornare come se niente fosse sull’asfalto a martellare rime (“Vossi Bop”), con tanto di omaggio al padrino del Grime (“Wiley Flow”).

Ad un certo punto è lui stesso a chiedersi come faccia il «migliore in circolazione nel genere» ad avere tanto successo. Ma è solo un momento di retorica vanità (assolutamente lecito), per farti notare lo scintillio sopra la sua testa.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-21 20:54:23 | 91.208.130.87