Segnala alla redazione
STATI UNITI
04.09.2019 - 13:420

La nuova Lana Del Rey è un po' diversa ma resta sempre bellissima

“Norman Fucking Rockwell” è un malinconico e strepitoso disco fuori dal tempo nel quale la californiana si supera ancora una volta

LOS ANGELES - Da sempre altra faccia della medaglia del pop-statunitense è Lana Del Rey che esce proprio in questi giorni con “Norman Fucking Rockwell”, seguito del fortunato e abbastanza clamoroso “Lust for life” e (pure questo) prodotto da Jack Antonoff.

La sirena delle spiagge impasticcate californiane, pur cambiando parecchio, resta fedele a sé stessa. Diversi i suoni, meno sintetici e più puliti (le atmosfere rarefatte e gli echi a catinelle piuttosto sembra averglieli scippati Taylor Swift nel suo "Lover") ma resta inalterato l’approccio ai brani. 

Storie maledette di amori bruciacchiati e personaggi ai limiti estremi raccontati con suoni vintage e scelte decisamente fuori dai canoni. Dimenticatevi le atmosfere e i singoloni del passato: qui la parte del leone la fa la semplicità con ballate piano e voce, folk spartano e – in un paio di casi – pure qualche batteria elettronica un po' trip-hop. 

Insomma, è un po’ diversa, ma è sempre lei. Ed è un gran bel disco.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 12:36:55 | 91.208.130.87