Id/Bethesda
+6
ULTIME NOTIZIE Games
FOTO
GAMES
2 gior
Genshin Impact, quando il fenomeno è gratuito e arriva dalla Cina
Non un clone, ma qualcosa di più, il titolo per console e cellulari ha fatto davvero il botto. Ma sarà giusto per voi?
GAMES
1 sett
Tribune piene e nessuna quarantena: il calcio nella "bolla" di FIFA 21
L'ultimo capitolo della saga sportiva di EA gioca in difesa ma propone anche alcune novità. E la formula funziona
GAMES
3 sett
Per i 35 anni di Super Mario una compilation tutta in 3D
“Super Mario 3D All-Stars” inaugura l'anno di celebrazioni per il mitico idraulico italiano, ma non convince
GAMES
1 mese
“Holly & Benji” in versione game: il tiro della tigre basta solo a metà
"Captain Tsubasa: Rise of New Champions", da poco disponibile, è bellissimo da vedere ma ha i suoi difettucci
FOTO E VIDEO
GAMES
1 mese
La serie Netflix sui games un po' ci azzecca, un po' no
“High Score”, che racconta la storia dei videogiochi, ha inventiva ma problemi di ritmo. Ai nostalgici però piacerà molto
FOTO
GAMES
2 mesi
In “Mortal Shell” morire non è poi la fine del mondo
L'omaggio indipendente a “Dark Souls” di un mini-team di veterani è un mostriciattolo bonsai con qualcosa da dire
FOTO
GAMES
2 mesi
“Fall Guys”, la corsa deficiente che (a sorpresa) è diventata un fenomeno
È il titolo dell'estate in grado di rivaleggiare con roba tipo “GTA Online” e altri colossi, e voi ci state giocando?
GAMES
2 mesi
Sword Art Online, e il videogame ti imprigiona... in un videogioco
La celebre meta-serie giapponese torna con un colossale nuovo episodio che divertirà parecchio i fan
FOTO
STATI UNITI
2 mesi
Né Sekiro, né Tenchu: Ghost of Tsushima è una storia a sé
L'ultima esclusiva per la console Sony, targata Sucker Punch, convince per design e azione. La narrazione però si rivela
GAMES
01.04.2020 - 12:000
Aggiornamento : 12:58

Per sfogarsi non c'è niente di meglio dell'ultraviolenza di “Doom: Eternal”

Anche se bisogna avere un (bel) po' di pelo sullo stomaco e il grilletto decisamente facile

IRVINE - In queste giornate chiusi in casa, mentre fuori c'è la pandemia, i videogiochi possono anche tenerci un po' su d'animo permettendoci di sublimare lo stress, la tensione e la pressione. "Doom: Eternal", da poco pubblicato da Id Software per Bethesda, è probabilmente uno dei migliori titoli per sfogarsi - a patto di avere la giusta età (vedi box in calce) - in circolazione.

Seguito di "Doom" (2016) - che già era remake, ben fatto, del papà di tutti gli sparatutto uscito su computer nel 1993 - lo migliora sotto praticamente tutti i punti di vista, concedendosi anche di reinventarlo in maniera abbastanza radicale. Un'evoluzione che segue pari pari quella che "Doom 2" fece nel 1994 rispetto al predecessore.

Così come il primo episodio era raffinato e claustrofobico nella struttura dei livelli, il secondo era folle e adrenalinico e proponeva situazioni estreme da centinaia di avversari demoniaci da affrontare contemporaneamente in una corsa di distruzione spietata. "Doom: Eternal" sceglie pure lui questa seconda via e la mette in piedi in maniera davvero impeccabile.

La storia (ma davvero vi interessa?): l'inferno si è riversato sulla terra e noi, armati fino ai denti, dobbiamo salvare baracca e burattini. Ok, c'è qualche sottigliezza in più (ma davvero poco) e comunque non è che questa cosa del plot vi mancherà particolarmente. Già perché il fulcro di tutto quanto è l'azione frenetica, i mostri, le armi e il sangue. 

Con la sua impostazione "Doom: Eternal" rivede lo sparatutto moderno e lo riporta in dietro di un paio di decenni: niente barra della vita che si autoricarica, niente ripari: solo corsa, schivate e più istinto che mira da cecchino. Mettetelo di fianco a un "Call of Duty" qualsiasi e vi sembreranno due giochi diversi. Cosa che farà piacere ad alcuni e storcere il naso ad altri.

Ma al di là dei gusti personali, è innegabile che il gioco di Id sia stato assemblato con maestria e cesellato fino all'ultimo frame. Il risultato è un'esplosione di violenza al fulmicotone come non se ne vedevano da tempo. Forse non potrà essere per tutti, ma per chi ci si ritroverà sarà una vera e propria manna.

Due parole sull'impianto tecnico: “Doom: Eternal” è davvero bello da vedere (soprattutto sulle macchine più potenti) e non molla mezzo frame nemmeno nelle situazioni più concitate (e saranno parecchie). Insomma, tanto di cappello a id.

 

Non è un gioco per tutti (PEGI 18)

“Doom: Eternal“ è uno sparatutto che non lesina lo splatter e con momenti parecchio violenti da PEGI 18, per intenderci. Pertanto è sconsigliato a i deboli di stomaco e ai facilmente impressionabili. Se vedete che vostro figlio di 10 anni ci sta giocando o vi chiede di comprarlo, ecco, magari non è proprio il caso.

VOTO: 9

"Doom: Eternal" è disponibile per Playstation 4 (versione provata), Xbox One e Pc Windows. Lo abbiamo recensito con una copia gentilmente fornita da Bethesda.

ZAF

Id/Bethesda
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-25 00:50:34 | 91.208.130.89