Blizzard
+1
ULTIME NOTIZIE Games
FOTO
GAMES
2 gior
Genshin Impact, quando il fenomeno è gratuito e arriva dalla Cina
Non un clone, ma qualcosa di più, il titolo per console e cellulari ha fatto davvero il botto. Ma sarà giusto per voi?
GAMES
1 sett
Tribune piene e nessuna quarantena: il calcio nella "bolla" di FIFA 21
L'ultimo capitolo della saga sportiva di EA gioca in difesa ma propone anche alcune novità. E la formula funziona
GAMES
3 sett
Per i 35 anni di Super Mario una compilation tutta in 3D
“Super Mario 3D All-Stars” inaugura l'anno di celebrazioni per il mitico idraulico italiano, ma non convince
GAMES
1 mese
“Holly & Benji” in versione game: il tiro della tigre basta solo a metà
"Captain Tsubasa: Rise of New Champions", da poco disponibile, è bellissimo da vedere ma ha i suoi difettucci
FOTO E VIDEO
GAMES
1 mese
La serie Netflix sui games un po' ci azzecca, un po' no
“High Score”, che racconta la storia dei videogiochi, ha inventiva ma problemi di ritmo. Ai nostalgici però piacerà molto
FOTO
GAMES
2 mesi
In “Mortal Shell” morire non è poi la fine del mondo
L'omaggio indipendente a “Dark Souls” di un mini-team di veterani è un mostriciattolo bonsai con qualcosa da dire
FOTO
GAMES
2 mesi
“Fall Guys”, la corsa deficiente che (a sorpresa) è diventata un fenomeno
È il titolo dell'estate in grado di rivaleggiare con roba tipo “GTA Online” e altri colossi, e voi ci state giocando?
GAMES
2 mesi
Sword Art Online, e il videogame ti imprigiona... in un videogioco
La celebre meta-serie giapponese torna con un colossale nuovo episodio che divertirà parecchio i fan
FOTO
STATI UNITI
2 mesi
Né Sekiro, né Tenchu: Ghost of Tsushima è una storia a sé
L'ultima esclusiva per la console Sony, targata Sucker Punch, convince per design e azione. La narrazione però si rivela
FOTO
GAMES
3 mesi
Deadly Premonition 2: così il gioco si fa ancora più strano
Un dei titoli più improbabili della storia dei games ha ottenuto un ancor più improbabile seguito. Ma ne vale la pena?
FOTO
GAMES
4 mesi
“The Last of Us - Part II” porta il videogioco là dove non è mai andato
Il titolo più atteso di questa generazione non delude le attese ma potrebbe non essere per tutti
GAMES
4 mesi
Il ritorno a Skyrim è tutto online, “Greymoor” dolce nostalgia
L'espansione a tema per “The Elder Scrolls Online” è un bel viaggio che però non c'entra (quasi) niente con l'originale
FOTO E VIDEO
GIAPPONE
4 mesi
Dite buongiorno alla nuova Playstation 5
La macchina da gioco di Sony annunciata in pompa magna ieri in serata con un paio di novità molto accattivanti
GAMES
13.02.2020 - 12:000
Aggiornamento : 18:43

Per ora la resurrezione di "Warcraft III" sta andando malino

Il ritorno "Reforged" del capolavoro di Blizzard è una delusione che ha fatto arrabbiare i fan ma non è detto che le cose non possano cambiare

IRIVINE – Si possono contare sulle dita di due mani i videogiochi che, se non ci fossero stati, oggi le cose sarebbero davvero differenti.

Uno di questi titoli-cardine della storia del joypad (pardon, qui si parla di mouse e tastiera) è senz'ombra di dubbio “Warcraft III”: strategico in tempo reale, fra costruzioni, eserciti da reclutare ed eroi quasi onnipotenti. Pubblicato nel 2002 da Blizzard, che ormai era già una potenza affermata, era il terzo capitolo di una saga che si apprestava così a conquistare il mondo.

Se, al momento dell'uscita, la storia della caduta del paladino umano Arthas e dell'ascesa dell'orco sciamano Thrall aveva convinto pubblico e critica, la vera grandezza di “Warcraft III” si è poi palesata negli anni a venire.

Fra i vari meriti del titolo, l'aver posto le fondamenta per il colossale “World of Warcraft” (che a 15 anni dal lancio può ancora contare su milioni di cittadini virtuali), rilanciato il dibattito (allora ancora embrionale) sugli esport e fornito ai gamer lo strumento per una piccola grande rivoluzione. Stiamo parlando dell'editor interno al gioco, che permetteva di creare mappe e campagne completamente inedite.

È proprio da quell'umile programmino che è poi nato, esplodendo, il fenomeno Moba: con la nascita dell'originale e strapopolare mod “Defense of the ancients” (Dota), dal quale discendono due dei più importanti videogiochi al mondo: “League of Legends” di Riot e “Dota 2” di Valve.

Comprensibile, quindi, che all'annuncio da parte di Blizzard di una nuova edizione riveduta e aggiornata - o “riforgiata” come l'hanno definita loro - della pietra miliare bellica, la reazione si sia equamente divisa fra speranza e preoccupazione.

L'azienda prometteva non solo un completo restyling grafico ma anche una revisione importante e uno snellimento e aggiornamento delle meccaniche per renderle più al passo con i tempi. L'idea dell'azienda di Irvine era quindi quella di ridare vita al titolo sperando in una nuova primavera fra youtuber, streamer ed eatleti di oggi.

Fra gli scettici all'operazione, quelli che temevano che la novità cambiasse troppe carte in tavola e travisasse un gioco che, ancora oggi, viene giocato appassionatamente da migliaia di gamer.

Arrivato finalmente sugli scaffali (virtuali) “Warcraft III: Reforged” ha mantenuto le promesse solo in parte e ha confermato i dubbi di chi già ce li aveva.

Se, da una parte, le migliorie grafiche ci sono dall'altra molti aspetti del gioco originale (quelli un po' più vecchiotti, tipo l'interfaccia, la regia e i dialoghi) non sono stati debitamente affrontati. Non si capisce bene se per volontà o pura e semplice mancanza di tempo.

Intendiamoci, il gioco c'è sempre così come la storia, che resta une delle più epiche mai raccontate in un videogioco. Quello che appare evidente già dopo pochi clic è la mancanza di levigatura generale e la non-attualizzazione di cose davvero superate nel 2002. Un esempio su tutti? Per aprire il menu bisogna schiacciare il tasto F10 e non Esc...

Approssimativo e incasinato, soprattutto a ridosso del lancio, pure il vitale online che soppianta la piattaforma del titolo originale (rimuovendo i clan e le leaderboard) anche per chi “Reforged” non l'ha comprato. Grandi cambiamenti anche per quanto riguarda l'editor che sancisce il diritto di possesso di Blizzard da qualsiasi mod venga realizzato.

Insomma, tanto è bastato per generare un bel putiferio online e l'azienda, che ha chiesto subito scusa, sta già offrendo rimborsi agli acquirenti insoddisfatti.

Al di là dell'inizio burrascoso, non è detto che per questo nuovo volto di “Warcraft III” sia condannato all'oblio, anzi. L'intenzione da parte dei creatori di sistemare la faccenda, attraverso una serie di “pezze” tecniche già c'è. Anche se diverse questioni resteranno probabilmente, e inevitabilmente, aperte.

Confidiamo che fra sei mesi, il prodotto che abbiamo fra le mani sarà radicalmente differente. Ma, se così sarà, la domanda sorge spontanea: perché non aspettare ancora un pochino prima di pubblicare?

VOTO: 7

“Warcraft III: Reforged” è disponibile per Pc Windows e Mac OS. Lo abbiamo recensito con una copia gentilmente fornitaci da Blizzard.

 

 

 

 

 

Blizzard
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-25 06:25:13 | 91.208.130.89