Kojima Productions/Sony
+5
ULTIME NOTIZIE Games
FOTO
GAMES
15 ore
Genshin Impact, quando il fenomeno è gratuito e arriva dalla Cina
Non un clone, ma qualcosa di più, il titolo per console e cellulari ha fatto davvero il botto. Ma sarà giusto per voi?
GAMES
1 sett
Tribune piene e nessuna quarantena: il calcio nella "bolla" di FIFA 21
L'ultimo capitolo della saga sportiva di EA gioca in difesa ma propone anche alcune novità. E la formula funziona
GAMES
3 sett
Per i 35 anni di Super Mario una compilation tutta in 3D
“Super Mario 3D All-Stars” inaugura l'anno di celebrazioni per il mitico idraulico italiano, ma non convince
GAMES
1 mese
“Holly & Benji” in versione game: il tiro della tigre basta solo a metà
"Captain Tsubasa: Rise of New Champions", da poco disponibile, è bellissimo da vedere ma ha i suoi difettucci
FOTO E VIDEO
GAMES
1 mese
La serie Netflix sui games un po' ci azzecca, un po' no
“High Score”, che racconta la storia dei videogiochi, ha inventiva ma problemi di ritmo. Ai nostalgici però piacerà molto
FOTO
GAMES
2 mesi
In “Mortal Shell” morire non è poi la fine del mondo
L'omaggio indipendente a “Dark Souls” di un mini-team di veterani è un mostriciattolo bonsai con qualcosa da dire
FOTO
GAMES
2 mesi
“Fall Guys”, la corsa deficiente che (a sorpresa) è diventata un fenomeno
È il titolo dell'estate in grado di rivaleggiare con roba tipo “GTA Online” e altri colossi, e voi ci state giocando?
GAMES
2 mesi
Sword Art Online, e il videogame ti imprigiona... in un videogioco
La celebre meta-serie giapponese torna con un colossale nuovo episodio che divertirà parecchio i fan
FOTO
STATI UNITI
2 mesi
Né Sekiro, né Tenchu: Ghost of Tsushima è una storia a sé
L'ultima esclusiva per la console Sony, targata Sucker Punch, convince per design e azione. La narrazione però si rivela
FOTO
GAMES
3 mesi
Deadly Premonition 2: così il gioco si fa ancora più strano
Un dei titoli più improbabili della storia dei games ha ottenuto un ancor più improbabile seguito. Ma ne vale la pena?
GAMES
20.11.2019 - 12:280
Aggiornamento : 21.11.2019 - 21:03

Death Stranding: lo zen e l'arte di consegnare i pacchi

Il nuovo gioco del papà di “Metal Gear” è una delle cose più strane a cui abbiamo mai giocato, e va bene così

TOKYO - Videogiochi e cinema hanno da sempre una relazione complicata. Grandi narratori di storie e duttili strumenti nelle mani del regista gli uni, interattivi e avveniristici gli altri. Due mondi che hanno provato più volte a incontrarsi senza però riuscirci mai veramente.

Regista o game designer? - Se c'è qualcuno che davvero ha tentato il sodalizio, questo è sicuramente Hideo Kojima. Papà della sterminata saga di ”Metal Gear”, vero e proprio inventore del videogioco moderno, ma per la sua attitudine un po' da regista criticato spesso e volentieri.

Il dopo "Metal Gear" - Dopo anni a Konami a lavorare alle avventure dello stentoreo Snake, Kojima ha finalmente potuto esordire con un'opera tutta sua in cui ha dato sfogo al suo estro visionario. Il risultato è questo "Death Stranding", esclusiva Playstation 4, e una delle cose più bizzarre (ma anche ispirate) che il mondo dei videogiochi abbia mai visto da un po' di tempo a questa parte.

Pacchi nel dopobomba - Vestiremo i panni di Sam (interpretato da Norman Reedus), un pony express in un mondo post-apocalittico le cui pianure sterminate sono abitate da fantasmi invisibili e dove la pioggia ti fa invecchiare. Per sopravvivere è meglio munirsi di speciali feti in vitro (sì davvero), gli unici in grado di vedere i mortali spettri. 

Una missione importante - Compito di Sam, oltre a sbarcare il lunario consegnando pacchi, sarà quello - impegnativo - di riunire gli ormai sparpagliati Stati Uniti e, nel frattempo, soccorrere la sorella finita nelle mani di un manipolo armato e senza scrupoli. Se pensate che il tutto suoni decisamente fuori dagli schemi, provate... a giocarci.

Camminata simulata - Di titoli come "Death Stranding" di sicuro non se ne vedono tutti i giorni. Fulcro vero e proprio dell'esperienza è la meraviglia dell'esplorazione e un'accurata simulazione del camminare.  Spostarsi a piedi con tanto peso sulle spalle, infatti, non è affatto scontato e ci richiederà di gestire costantemente, e al meglio, l'equilibrio del nostro avatar.

Consegne a nastro - La dinamica di gioco - per gran parte del tempo, perché a un certo punto il titolo svolta in una chiave decisamente action - è quella del "prendi x e portalo al posto y". A rendere il lavoro tedioso un poco meno tedioso ci penseranno un paesaggio mozzafiato, una colonna sonora notevole e i gadget e le strutture lasciate sul web dagli altri giocatori.

A più di uno andrà stretto... - Insomma, già così per molti potrà sembrare una gran noia. Aggiungiamoci poi i filmati d'intermezzo - lunghi lunghi in puro stile Kojima  ma con diversi volti noti (Lea Seydoux, Mads Mikkelsen) - e la ricetta per far scappare il videogiocatore dinamico e in cerca di adrenalina è servita.

... ma lasciarsi stupire è una gioia - Per chi desidera qualcosa di più, qualcosa di originale e in grado di stupire (come ormai nei videogiochi capita troppo poco spesso) però "Death Stranding" sarà una vera e propria boccata d'aria fresca. Perché di creatività, e di estro, Kojima ne ha ancora da vendere.

VOTO: 9

"Death Stranding" è disponibile per Playstation 4 (versione provata) e Pc Windows. Lo abbiamo recensito con una copia gentilmente messa a disposizione da Sony.

 

Kojima Productions/Sony
Guarda tutte le 9 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-22 23:14:40 | 91.208.130.85