Segnala alla redazione
+ 2
GAMES
13.02.2019 - 09:000
Aggiornamento : 14:57

Terremoto “Apex Legends” è arrivato l'ammazza “Fortnite”?

Il seguito battle royale di “Titanfall” (ma senza robottoni) è una hit stratosferica e inattesa che fa tremare Epic. Ma riuscirà a tenere botta?

 

LOS ANGELES - È arrivato, ha visto, ha preso quello che funzionava dagli avversari e poi ha colpito. E ha dominato. Così ha fatto “Fortnite”, mettendo k.o. “Playerunknow's Battlegrounds” e reclamando lo scettro di videogame più popolare (e di fenomeno globale).

È la fine di un'era? - In molti si domandavano quanto sarebbe potuta durare, quando sarebbe arrivato qualcuno in grado di scalzarlo dal suo trono dorato. Quel qualcuno, forse, potrebbe essere “Apex Legends” firmato Respawn Entertainment e pubblicato da Electronic Arts giusto settimana scorsa.

Nei primi tre giorni i suoi numeri sono davvero da record. Anche “Legends” è uno sparatutto battle royale, ma in prima persona, che – per la sua formula – prende a piene mani da altri titoli di successo da “Overwatch” passando per “Titanfall” (di cui è seguito ma senza robottoni) fino a “Call of Duty”.

Simile ma diverso - Fra le differenze radicali con “Fortnite” c'è l'impostazione in classi/eroi differenti (8 di cui 2 da sbloccare giocando o pagando) e l'accento sulla cooperazione (si gioca sempre in squadre di tre giocatori). C'è anche la possibilità di resuscitare i compagni di squadra, facendoli riatterrare sulla mappa, sfruttando delle apposite stazioni hi-tech.

Non potrebbe essere più diverso pure l'approccio estetico: un po' meno cartoonoso, ma comunque non fotorealistico e con delle palette di colori completamente all'opposto dello spettro cromatico. Diciamo che ricorda un po' il taglio dato da Blizzard con i suoi eroi di “Overwatch“ ma con un taglio meno Pixar e più cupo.

Per chi cercava un'alternativa - Dal punto di vista delle meccaniche, bisogna dirlo, è estremamente solido e premia la precisione e l'abilità balistica più di quanto faccia lo stesso “Fortnite”. Particolarmente profondo anche l'accento messo sull'equipaggiamento protettivo e non. Il suo arrivo è stato accolto a braccia aperte da tutti quelli che cercavano un'alternativa al colosso di Epic, tanto che si è generato un vero e proprio fuggi-fuggi di streamer, youtuber e semplici curiosi verso i lidi targati Ea.

Per capire se questo iniziale periodo di successo possa tradursi in un vero e proprio (nuovo) regno bisognerà aspettare però ancora un po'. Fondamentale dovrà essere l'impegno degli sviluppatori a mantenere il gioco fresco e interessante.

Staremo a vedere.

“Apex Legends” è disponibile per Playstation 4, Xbox One e Microsoft Windows.

Guarda tutte le 5 immagini
Commenti
 
Andy Da Silva 7 mesi fa su fb
Fortnite, gioco acchiappa bimbi mongoli
Alessio Bernardi 7 mesi fa su fb
Fan cagare entrambi 😂
Mike Pereira 7 mesi fa su fb
Apex illusi
Nicolas Fedrigo 7 mesi fa su fb
Mike Pereira disse il tipico giocatore di fortnite
Mike Pereira 7 mesi fa su fb
Apex non richiede nessun tipo di skills, entri e inizi a sparare, gioco per nabbi
Alfredo Corradi 7 mesi fa su fb
Come fortnite... Basta avere cromosomi in più per giocarci
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-16 11:15:47 | 91.208.130.89