Segnala alla redazione
CANTONE
25.05.2015 - 11:500
Aggiornamento : 10.01.2018 - 10:20

La moda di Daniela Patrascanu a Lugano Fashion Show

Curiosità, notizie, interviste e tutte le anticipazioni. In esclusiva fashionchannel.ch presenta l’evento di moda e spettacolo Lugano Fashion Show 2015 in programma sabato 13 giugno

 

LUGANO - A poche settimane dalla quattordicesima edizione, fashionchannel.ch ha incontrato Daniela Patrascanu, stilista DANADEA, per la prima volta presenterà la sua collezione a Lugano Fashion Show

Quale collezione vedremo a Lugano Fashion Show 2015?
"Vedremo la collezione “ Romance “ 2015 composta dalle t-shirt d’autore personalizzate con cristalli, nastri, pizzo ed altri accessori che le impreziosiscono e le conferiscono valore anche per un’esibizione serale".

Esiste un capo che consideri emblematico perché legato, inscindibilmente, a un momento fondamentale della tua esistenza?
"Nel mio caso tutti i capi presentati sono legati alla mia esistenza perché contengono dei  miei disegni  surreali correlati ai momenti vissuti e  resi immortali".

Penso sempre allo stilista come un artista: lo scultore dà forma all’essenza in una materia, per il designer esiste il concept. Qual è il filo conduttore, l’essenza delle tue collezioni?
"Io sto muovendo i primi passi in questo senso. Disegno fin da piccola ed espongo dal 2006 in vari paesi. Ma non amo la routine e cerco sempre nuove situazioni e sfide che mi rinvigoriscano. L’artista che disegna e dipinge ha deciso un bel giorno di trasferire la sua arte  non solo su tela e carta ma sui tessuti e farla circolare invece di lasciarla negli ambienti chiusi. L’ho fatto prima come portavoce, indossando io i capi e, visto l’interesse, i complimenti e le richieste ho pensato di allargare in modo altruistico il concetto. Ho immaginato che alcuni dei miei disegni sarebbero stati idonei a certe situazioni vissute anche da altre persone sensibili e ne ho avuto la conferma. Ora mi pongo la domanda: quante donne apprezzerebbero, si identificherebbero e indosserebbero questo mio capo? Quante sceglierebbero di comunicare in questo modo? Quante si sentirebbero più belle, più coraggiose, più attraenti e più interessanti?

Mi descrivi il processo creativo nella realizzazione delle tue collezioni?
"Inizio con la scelta del disegno, poi quella del tessuto e poi con la forma che devo dare all’insieme. Dopo aggiungo i dettagli che la possano impreziosire e farla diventare unica e speciale.
Dipende  tutto dall’ispirazione del momento e in certi giorni mi sento proprio effervescente, l’ immaginazione e la fantasia prendono il sopravvento. E’ un lavoro che mi fa star bene proprio perché combinato con la passione e la creatività e contiene anche l’entusiasmo della novità.

Cosa vorresti che il pubblico di Lugano Fashion Show percepisse dalle tue collezioni?
"Mi piacerebbe che il pubblico percepisse non solo la mia originalità ma che si mettesse in connessione con me e scoprisse che aldilà dei luoghi comuni esiste un mondo a parte, il mondo di chi non è un soldatino o un robot, di chi ragiona con la propria mente e ha il coraggio di esprimere le proprie idee, di chi osa a mettersi in mostra e in discussione, di chi rischia  e vince. Vorrei che le persone riscoprissero la propria individualità senza il timore di quello che potrebbe dire la gente, ecco. I muri della paura degli altri dovrebbero essere abbattuti e ognuno dovrebbe sentirsi libero di esprimersi al meglio, senza maschere".

Cos’è per te l’eleganza?
"L’eleganza è uno stile e non tutti vi possono accedere facilmente perché necessita di portamento, classe, bellezza, finezza e savoire-faire. Un abito elegante non è sufficiente per trasformare  totalmente una persona,  la può  migliorare ma non sempre. Mi succede di pensare con rammarico “Povero abito, su chi è capitato!“ se la persona in questione ha una camminata da papera, un viso volgare o un comportamento da bullo.  Al contrario, certe persone riescono ad essere eleganti indossando una semplice camicia e dei jeans e non il classico tubino nero con la collana di perle".

Quando hai capito che la moda sarebbe stata il tuo futuro e quando hai scoperto questa passione?
"Da piccola disegnavo donne con abiti diversi e mi creavo alcuni capi con l’aiuto di una sarta e di mia nonna. Ho sempre seguito la moda scegliendo quello che mi donasse, evitando accuratamente quello che mi stesse male o i colori meno piacevoli. Non sono mai stata fashion addicted anche perché ho sempre avuto una personalità forte e creativa. Avevo sempre il mio stile che mi distinguesse senza sembrare troppo eccentrica ma permettendomi dei tocchi originali. La moda fa parte di me e combinata con l’arte acquista un valore aggiunto".

Siamo tutti social, per questo chiediamo: oltre a fashionchannel esiste un web site o social contact dove possiamo avere le informazioni sulle tue collezioni?
"Mediamente dedico 4 ore al giorno a Facebook e Instagramm dove pubblico moltissime foto, tra le quali anche di donne e uomini che indossano le mie creazioni. Oltre alla pagina Daniela Patrascanu Artist su FB e al web site www.danielapatrascanu .ch recentemente ho creato anche www.danadea.ch che si occupa esclusivamente della  mia linea di abbigliamento. Vi aspetto numerosi a curiosare e non solo".

Redazione: www.fashionchannel.ch – Intervista di Michele Alippi

Ingrandisci l'immagine
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-18 23:47:52 | 91.208.130.89