Segnala alla redazione
EDILO
28.02.2019 - 10:380

I colori che scaldano la casa

Scegliere i colori con cui dipingere la nostra casa, non è sempre facile. Bisogna trovare il giusto equilibrio. Non esistono colori giusti o sbagliati, ma esisotno colori troppo intensi che stancano

 

Quale colore mettiamo dove? Non possiamo semplicemente distribuire i colori in base alla fantasia. Ci sono delle semplici regole da considerare che vi semplificheranno le cose.

 

Colorare tutta la stanza o no?

La prima considerazione importante da fare riguarda le dimensioni della stanza da pitturare. Un colore sbagliato utilizzato in tutto il locale potrebbe farlo risultare più piccolo.

La tendenza attuale suggerisce di non colorare tutte le pareti, ma di sceglierne una o due che risultano più adatte.

Un’altra idea potrebbe essere quella di pitturare delle porzioni singole, come un pilastro o una trave facendo risaltare questi elementi. Oppure lasciare le travi e i pilastri in bianco e colorare le pareti

 

La nostra percezione dei colori

La fisica insegna che il colore nero non riflette né trasmette alcuna energia, quindi funziona come una sorta di spugna e assorbe tutta la luce in una stanza che apparirà molto più piccola.
Se non ci credete provate a dipingere un oggetto di nero: vi apparirà rimpicciolito. Non a caso nella moda si sa che il nero “snellisce”.

Al contrario invece, un colore che riflette la luce è il bianco, che funziona come uno specchio negli ambienti. Per questo comportamento del colore, gli ambienti risultano percettivamente più grandi.

E gli altri colori? Anche questi assorbono la luce, ovviamente in percentuali diverse dal nero. Infatti, osservandoli, i colori bianco e nero ci appaiono grigi. Quindi, se avete un appartamento di piccole dimensioni fate molta attenzione a colorare una parete se non volete che la stanza diventi percettibilmente più piccola ai vostri occhi. Il bianco dona luce dona anche dei centimetri quadrati in più.

 

Quali toni usare?

Tutte le tonalità hanno la loro bellezza. Bisogna considerare il resto dell’arredamento, il pavimento, gli infissi,… Quello che detta legge è sicuramente il buon gusto.
Comunque, dovendo scegliere, operiamo una prima distinzione tra tonalità accese (per esempio rosso, arancio, giallo, blu, verde) più adatti per un ambiente sbarazzino e tonalità neutre (per esempio tonalità di beige, marroni, verdoni, grigio,...) più adatte a un ambiente
classico.

Ecco un esempio concreto. Con un divano verde, per esempio, va bene una parete in tinta, abbinata a un colore meno saturo (un rosa neutro). Arancione o rosso in cucina? Sì, ma poi stancano: le tonalità più accese dovrebbero essere riservati agli ambienti di passaggio, come l’ingresso.

Altro esempio è la zona in cui si lavora, nella quale sarebbe opportuno scegliere una tonalità neutra. I colori troppo accesi distraggono e affaticano. Questo non vuol dire creare un ambiente triste e freddo, perché anche due colori neutri hanno ‘temperature’ diverse e
possono scaldare un ambiente.

Desiderate realizzare un lavoro di tinteggio nella vostra abitazione? Andate su www.edilo.ch e richiedete una consulenza specifica o un preventivo gratuito ai migliori professionisti sul territorio Ticinese.

Guarda le 2 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-05-23 17:36:31 | 91.208.130.87