Deposit
ULTIME NOTIZIE Diamanti e Pietre Preziose
Diamanti e Pietre Preziose
5 gior
Un gigante di inestimabile bellezza
Il Graff Lesedi La Rona – con i suoi 300 ct è il diamante taglio smeraldo più grande e perfetto del mondo
Diamanti e Pietre Preziose
1 sett
Un grande mito: il Rolex Daytona
Il cronografo per eccellenza, nato sulla pista di una delle più famose corse automobilistiche del mondo
Diamanti e Pietre Preziose
2 sett
Corallo: minerale o essere vivente?
Il corallo, antico e sorprendente, ha una storia vecchia quanto il mondo
Diamanti e Pietre Preziose
3 sett
Il cammeo: gioiello dal fascino antico
In questo articolo spiegheremo che cosa è un cammeo, come nasce e le sue origini
Diamanti e Pietre Preziose
4 sett
Lo smeraldo: la gemma degli dei
Il fascino senza tempo della pietra verde il cui mito attraversa la storia
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Come classificare le perle
Valutazione degli elementi che determinano lo standard qualitativo di una perla
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Lo zaffiro: tra mito e leggenda
La pietra preziosa si rivela nelle infinite sfumature dell’arcobaleno
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Come prendersi cura degli orologi
Un concentrato di meccanica realizzato da componenti studiati con cura in ogni più piccolo dettaglio
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Il rubino: etimologia e curiosità
Esploriamo le caratteristiche e la storia del corindone più prezioso
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Diamanti indiani in lockdown
La volatilità incombe sul mercato indiano a causa del Covid
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Le tendenze nella gioielleria del 2021
Ciondoli simbolici con colori vivaci, stili vintage e sostenibili: temi straordinari che definiscono i design dell’anno
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Le preziose uova Fabergé
Storia dei rari e sontuosi doni creati per le feste pasquali presso la corte degli Zar di tutte le Russie
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Piccoli diamanti, grandi controlli
I grandi laboratori di certificazione sviluppano nuove tecnologie per garantire la genuinità dei prodotti
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
2 mesi
I gioielli più famosi della storia del cinema
Luccicanti, enormi, colorati e preziosi.
Diamanti e Pietre Preziose
2 mesi
Acciaio meno inossidabile
Diamanti e Pietre Preziose
28.05.2021 - 08:000

La quarta "C" dei diamanti

Cut – il taglio: un fattore complesso nella valutazione del diamante

Il taglio è il risultato del lavoro di professionisti specializzati, i tagliatori, la cui opera è oggetto del giudizio di altri professionisti altrettanto specializzati, i gemmologi.
I fattori che concorrono alla determinazione generale della qualità del taglio sono le proporzioni, la simmetria e la politura.
Con simmetria si intende la corrispondenza equilibrata fra le parti che compongono la pietra sfaccettata. La grande maggioranza dei diamanti presenta variazioni di simmetria, come circonferenza non perfetta nelle forme tonde, spessore variabile della cintura, faccette distorte, discostamenti da impercettibili a prominenti rispetto alla forma teorica.
La pulitura è lo stato della superficie, che deve essere priva di graffi, abrasioni, irregolarità, segni di lavorazione, scheggiature. Si tratta di danni esteriori, prodotti già durante la lavorazione oppure dall’uso.
Tali imperfezioni possono essere rimosse da una nuova lucidatura in taglieria con perdita di peso minima.
Il diamante è noto per essere il minerale più duro, ma spesso l’opinione comune confonde i concetti di durezza e tenacità. La durezza è la resistenza all’abrasione e alla scalfittura; la tenacità è la resistenza alla frattura e alla sfaldatura. Il diamante può essere scalfito solo da un altro diamante; tuttavia non è immune dalle rotture.
A riprova del fatto che il diamante non è indistruttibile, talvolta lungo la circonferenza si possono osservare, seminascoste sotto le griffes della montatura, delle scheggiature, causate spesso da operazioni di incassatura poco accurate o da un urto che puo’ compromettere anche l’apice o le punte.
Il massimo di brillantezza, fuoco e scintillio è enfatizzato dall’applicazione di principi matematici entro un campo di variazione limitato, oltre il quale la bellezza e il pregio del diamante sarebbero compromessi.
Il rapporto tra le dimensioni delle faccette e gli angoli di corona e padiglione sono fondamentali, tanto che diamanti ben tagliati risultano più brillanti rispetto a quelli meno curati. In un diamante tondo, corrette proporzioni sono fattori fondamentali nell’esaltare la brillantezza, ossia l’effetto originato dalla riflessione interna ed esterna della luce.
I lampi di colori vividi (blu, arancio...) emanati da un diamante tagliato costituiscono il fuoco. Essi scaturiscono principalmente dalle faccette della corona e sono dovuti alla dispersione della luce bianca che viene scissa nei colori dello spettro.
Lo scintillio è il lampeggiamento visibile quando la pietra o la sorgente luminosa sono in movimento.
Dopo 15 anni di ricerca, GIA ha sviluppato il nuovo Cut grade, sistema di classificazione che si applica solo ai diamanti con taglio brillante e colore nella gamma D-Z, applicato dal 2006. I gradi di taglio sono cinque: Excellent, Very Good, Good, Fair, Poor. La valutazione finale del grado di taglio è determinata da proporzioni e finitura. Rispetto ad altri sistemi di classificazione, GIA non considera isolatamente le singole proporzioni, ma valuta il modo in cui esse interagiscono fra loro. Infatti due diamanti con lo stesso cut grade non necessariamente presentano lo stesso aspetto.
I diamanti con gradi bassi, fair e poor, spesso sono sottoposti a ritaglio per migliorarne la qualità.
Nel commercio, a parità di tutti gli altri parametri, tra due pietre, di cui una con grado excellent di simmetria e good di pulitura, è maggiormente valutata la seconda, poiché gli eventuali interventi di ritocco comportano una maggior perdita di peso rispetto alla semplice rilucidatura della superficie.
Esempi di categorie di tagli scadenti sono dati da diamanti che presentano cinture spesse, corone e padiglioni alti e con un diametro inferiore a quello che dovrebbe essere: visti dall’alto appaiono più piccoli di quanto non siano in realtà. In fase di transazione, viene pagato un peso “nascosto” che non è apprezzabile nel diamante quando è montato.
Esiste anche il caso opposto, cioè quello di diamanti con padiglione e corona troppo bassi rispetto al diametro. In questo caso l’esemplare osservato dall’alto appare di peso maggiore rispetto a quello effettivo.
In entrambi i casi la brillantezza non è ottimale, in quanto una parte della luce sfugge dal padiglione invece di tornare all’occhio dell’osservatore, e la pietra ha meno “vita”.
Per quanto riguarda forme e stili diversi da quella a brillante rotondo, i cosiddetti tagli “fantasia”, nel settore non esiste concordanza sulle proporzioni preferibili. Di conseguenza, il campo di variazione è molto più ampio.
Discorso a sé è il cosiddetto “taglio vecchio”: questi diamanti presentano tavole piccole, apici molto ampi, storicamente noti come tavole inferiori, e sono piuttosto alti. I piu’ famosi tagli antichi sono il taglio “Amsterdam” e l’”American Ideal Cut”.
Benché agli occhi di alcuni posseggano il fascino della “patina del tempo”, spesso vengono ritagliati per omologarli al gusto attuale, rendendoli così più commerciali. Il valore di questi old cuts viene rapportato al peso stimato finale successivo al restyling.

 

A cura di Dario Cominotti.

Diamanti
Ingrandisci l'immagine

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-16 13:20:01 | 91.208.130.89