Diamanti
ULTIME NOTIZIE Diamanti e Pietre Preziose
Diamanti e Pietre Preziose
2 gior
Acciaio meno inossidabile
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
1 sett
I gioielli della corona inglese
Un tesoro di inestimabile valore conservato sulle rive del Tamigi.
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
2 sett
Un futuro crypto per i diamanti?
La Blockchain e le nuove tecnologia a garanzia della trasparenza nell’industria dai preziosi
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
2 sett
Gli orecchini: cenni storici e attualità
L’evoluzione del gioiello che illumina il viso indossato da uomini e donne sin dall’antichità
Diamanti e Pietre Preziose
3 sett
I riferimenti normativi del settore preziosi
Non tutto quel che brilla è un diamante e non tutto quel che luccica è oro
LUGANO
3 sett
L'andamento del listino Rapaport del 2020
Il 20 marzo 2020 è una data che rimarrà impressa a lungo nelle menti di tutti i commercianti di diamanti.
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Report annuale sull'industria dei diamanti
Un’analisi completa sull’andamento del mercato dei diamanti dall’estrazione alla vendita al dettaglio
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
1 mese
La dolce stagione dei fiori d'arancio
Suggerimenti preziosi per gli sposi che si accingono al grande passo
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
La collana punto luce
Un gioiello sobrio ed essenziale adatto ad ogni occasione
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
1 mese
Le tiare reali più famose della storia moderna
Alla scoperta dei celebri tesori delle dinastie regnanti europee
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Il significato delle fedi e delle verette
Un gioiello eterno con origini radicate fino alla notte dei tempi
DIAMANTI E PIETRE PREZIOSE
1 mese
L'unicità dei diamanti rossi naturali
Viaggio alla scoperta delle gemme naturali più rare e preziose di tutto il mondo
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
La ricerca del meglio a ogni costo
Gli aspetti emotivi, talvolta agrodolci, che commercianti e clienti affrontano quotidianamente nella compravendita
Diamanti e Pietre Preziose
1 mese
Tutti i segreti dei diamanti blu
Origini e peculiarità dei rari diamanti dalle sfumature del cielo e del mare
Diamanti e Pietre Preziose
08.04.2021 - 18:090

Le scuole orafe dal passato ad oggi

La conoscenza delle scuole tradizionali traghetta i giovani ai centri di formazione professionali dell’arte orafa

La gioielleria è sempre stata considerata un’arte aulica e ha goduto in ogni epoca di un prestigio particolare. San Eligio, vissuto tra il 588 e il 660 in Francia è il protettore degli orafi: la sua storia è raffigurata in due cattedrali francesi (Angers e Le Mans) e nel Duomo di Milano, con la vetrata di Niccolò da Varallo, dono degli orefici milanesi nel Quattrocento. Eligio venne assunto come apprendista dall’orefice lionese Abbone, che dirigeva la zecca reale. Sotto il re Clotario divenne orefice di corte e patrono della categoria, grazie alla sua creatività e dedizione all’arte orafa e al re. Sono passati 1.400 anni ma il gioiello continua a essere realizzato non solo per creare e celebrare la ricchezza, ma per donare gioia, come ogni oggetto intrinsecamente bello.
I distretti orafi più strutturati, a cui la maggior parte delle maison di fama mondiale affidano la loro produzione, sono collocate in Piemonte (Valenza Po), Veneto (Vicenza) e Toscana (Arezzo). Subito dopo viene la Lombardia, le cui radici millenarie vanno cercate negli orafi attivi a partire dal Medioevo.
I tesori longobardi sono conservati nel Duomo di Monza, nella Basilica di Sant’Ambrogio a Milano, in alcune chiese di Bergamo e di Chiavenna. L’arte orafa raggiunse a Milano il suo pieno sviluppo nel XV secolo. Per l’argento, sono famosi gli esperti cesellatori di Como, Cernobbio e Fino Mornasco.
Negli ultimi anni si può notare un fenomeno di concentrazione: diminuisce il numero di imprese, ma crescono gli addetti.
Il settore è legato alla moda e al design e riesce a esprimere la creatività degli artisti e il buon gusto che le aziende sanno proporre anche in altri ambiti. Si tratta di un comparto legato alla manualità artigiana: l’offerta sul territorio tra laboratori e negozi diventa un fattore di attrattività e di richiamo proprio per l’alta qualità della produzione.
In Svizzera la formazione professionale nel settore orafo può durare dai 3 ai 7 anni. Dopo la qualifica del terzo anno, il 50% degli studenti trova occupazione e il restante 50% prosegue nella specializzazione con l’apprendistato di I livello e frequenta i percorsi di alta formazione.
Gli orafi usano metalli preziosi (oro, argento e platino) acquistati sotto forma di placche, barre o fili presso ditte specializzate. Per le realizzazioni impiegano anche pietre preziose, semipreziose, perle e coralli.
Gli artigiani realizzano pezzi unici o in serie. Svolgono anche lavori di riparazione, adattamento e restauro di pezzi di oreficeria.

Esistono 3 principali indirizzi di formazione:

Indirizzo oreficeria
Elaborazione di disegni, campioni e modellini, stima dei costi e preparazione del preventivo;
Fabbricazione del gioiello tramite stampi, fusione dei metalli grezzi, composizione delle leghe, forgiatura del metallo, incisioni, iscrizioni, lucidatura.

Indirizzo argenteria
Creazione del disegno e produzione delle matrici necessarie; fabbricazione tramite taglio delle lastre di metallo, modellando la forma col martello, assemblamento dei pezzi con saldatura o inchiodatura;
Abbellimento dell’oggetto attraverso il cesello con motivi decorativi incisioni e limatura delle saldature.

Indirizzo incastonatura
Montaggio della pietra e finiture (posa della pietra nella sua sede, lucidatura dei bordi e verifica della solidità della posa).
L’incassatura delle pietre avviene tramite tecniche diverse: ad artiglio (griffes ripiegate sulla gemma), a grani (piccoli trucioli arrotondati ripiegati sulla pietra), incastonatura chiusa (la pietra è posta in sede e poi circondata da lastra di metallo ripiegata).

Il tirocinio dura 4 anni e avviene in laboratori o aziende del settore. Contestualmente si devono frequentare i corsi alla Scuola professionale artigianale e industriale (SPAI) 1 giorno alla settimana.
La persona in formazione segue inoltre i corsi interaziendali organizzati dall'associazione professionale di categoria.
Al termine della formazione, superati gli esami, si ottiene l'attestato federale di capacità (AFC) di ORAFO con menzione alla specializzazione.
Il perfezionamento avviene tramite la maturità professionale che agevola l'accesso alle scuole universitarie professionali (SUP), oppure è possibile accedere alla maturità artistica o tecnica.
Il perfezionamento in gemmologia avviene in scuole specializzate a Ginevra o a Basilea o attraverso formazione completa all'estero (Germania, Inghilterra, Stati Uniti, anche per corrispondenza);
La formazione può completarsi attraverso la scuola universitaria al Dipartimento ambiente, costruzioni e design (DACD), o di un'altra SUP di arte applicata della Svizzera.
Nella Svizzera romanda è possibile frequentare scuole d'arte applicata nel Canton Ginevra o Neuchâtel.
Gli orafi e gli incassatori con esperienza, soprattutto con competenze anche in ambito gemmologico, possono accedere ad impieghi in atelier di grandi imprese presso manifatture di oreficeria o d'orologeria o mettersi in proprio.

A cura di Dario Cominotti


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-15 13:49:51 | 91.208.130.86