CC-ti
ULTIME NOTIZIE Dentro l'economia
DENTRO L'ECONOMIA
1 gior
Tra fatti e illusioni
L’opinione del Direttore della Camera di commercio, dell’industria, dell’artigianato e dei servizi del Cantone Ticino
DENTRO L'ECONOMIA
4 gior
Ciò che gli esportatori dovrebbero sapere sulla proprietà intellettuale
L’esportazione in un mercato globale richiede la conoscenza dei diritti di proprietà intellettuale
DENTRO L'ECONOMIA
1 sett
Le incognite dell’eventuale rinuncia agli Accordi con l’UE
Il 27.9.20 si vota sull’iniziativa “Per un’immigrazione moderata” che punta ad abolire la libera circolazione
DENTRO L'ECONOMIA
1 sett
E tu, azienda, che piattaforma di video call utilizzi?
L’esplosione delle video conferenze è legata a diversi fattori correlati alla pandemia del Covid19
DENTRO L'ECONOMIA
1 sett
Settembre 2020: un mese anche di decisioni cruciali
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Riaprire il Mondo: attenzione ai passi falsi
Il ‘giro del mondo’ in chiave delle ripartenze dell’export. Spunti e prospettive.
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Di baby boomers e formazione continua
La popolazione svizzera è sempre più longeva. I ‘baby-boomers’ andranno in pensione. Cosa significa questo cambiamento?
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Studiare in remoto
La formazione a distanza è un elemento decisivo per l’aggiornamento delle competenze. Ne parliamo con Fulvio Bottinelli
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Nuove disposizioni per l’Indennità per lavoro ridotto (ILR)
Il 31.8.20 scade l’Ordinanza COVID-19. Dal 1.9.20 la procedura per il lavoro ridotto torna in regime normale
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Evitare l’obsolescenza programmata delle competenze
Con ‘obsolescenza programmata’ si definisce la fine pianificata del ciclo vitale di un prodotto. E per le HR?
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Per salvaguardare l’export svizzero sono necessarie stabilità e certezze
Svizzera al terzo posto nella classifica mondiale della competitività. Come si riflette ciò sull’export svizzero?
DENTRO L'ECONOMIA
05.12.2019 - 08:000

Aggiornamento delle competenze digitali

Risulta sempre di più importante il perfezionamento dei collaboratori anche nell’ottica delle nuove tecnologie

In una società sempre più tecnologica e dove termini quali ‘digitalizzazione’, ‘digitale’ e ‘progresso tecnologico’ sono all’ordine del giorno, è bene che ogni azienda si concentri anche sull’aggiornamento delle competenze digitali delle proprie risorse umane.
Proprio perché il capitale umano risulta essere quello più importante per la struttura aziendale, concentrarsi sul perfezionamento delle qualifiche (anche digitali) dei dipendenti è una strategia sulla quale puntare. Parliamo di “digital upskilling“. Nella mattina del 18 novembre la Cc-Ti, in collaborazione con PWC, vi ha dedicato un evento di networking, in cui sono intervenuti Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti e Glenda Brändli, Partner financial service e Responsabile PwC, Lugano.

Verso una maggiore consapevolezza, cavalcando l’onda del cambiamento
È noto come l’economia digitale possa offrire prospettive di crescita in svariati ambiti aziendali, come pure facilitare la vita di tutti i giorni (professionale e privata). Occorre però porre l’accento sulla richiesta di consapevolezza da parte degli attori in gioco degli effetti e sviluppi tecnologici, che mutano in modo repentino. Come? La diffusione delle nuove tecnologie in ogni ambito produttivo e sociale genera l’affermarsi di modelli di business e di gestione aziendale innovativi. In questo contesto è imperativo che ogni azienda possa disporre di personale qualificato per rispondere alle rinnovate esigenze del mondo del lavoro. Il cambiamento in atto è inarrestabile, con un’apertura verso le opportunità da cogliere è possibile sfruttare i vantaggi che il ‘digitale’ porta con sé.

Parola d’ordine: formazione continua
Un’analisi e il monitoraggio frequente delle performances aziendali – nell’ottica di una strategia a 360° – può identificare le aree dove si necessitano misure da intraprendere: la formazione è una di queste.
I ‘mestieri del futuro’ andranno immaginati e preparati con corsi ad hoc, vista la rapidità con cui le competenze specifiche diventano obsolete. A fronte di ciò la manodopera sarà sempre più specializzata. Ecco dunque perché ogni azienda dovrebbe “mappare” le competenze, specialmente quelle digitali, di ogni collaboratore e pianificare azioni volte all’incremento delle stesse.

Quali skills verranno richieste in futuro?
Vengono identificati 3 tipi di competenze, che si suddividono in: cognitive, sociali e digitali. Nell’ambito digitale occorrerà far leva sugli aspetti tecnici di conoscenza delle infrastrutture e dei tool con cui si opera, accanto all’interazione tra uomo e macchina.

Un esempio concreto
In sala durante il Networking Business Breakfast è stata presentata la testimonianza di PWC, che ha introdotto da un lato un’app tramite la quale ogni dipendente ha potuto conoscere il proprio QI digitale e migliorarlo costantemente grazie agli input offerti dall’app, dall’altra degli e-learning di ‘digital upskilling’ con l’obiettivo di migliorare la propria conoscenza di determinati programmi quali Alterix e Power BI. L’invito ai dipendenti a seguire gli e-learning e a usare l’app è stato attivato con due metodologie: quale obiettivo personale delle performaces annuali e con la creazione di una competizione interna più ludica. Il tutto ha portato ad un allineamento delle competenze digitali di base per tutti i collaboratori.

 

Articolo a cura della CC-Ti


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-22 20:33:06 | 91.208.130.89