Segnala alla redazione
CC-ti
ULTIME NOTIZIE Dentro l'economia
DENTRO L'ECONOMIA
3 sett
Due misure immediate a sostegno dell’economia
La Cc-Ti chiede l'introduzione di ulteriori misure.
DENTRO L'ECONOMIA
3 sett
Aziende ticinesi fra apprensione per la salute e conseguenze pesanti per l’economia
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Obiettivi ideali e realizzabili
Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti, parla della ‘Responsabilità sociale delle imprese’
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Uno sviluppo sostenibile è erede di aziende determinate
La Cc-Ti affianca le imprese nel rafforzamento e nella promozione di una responsabilità sociale consapevole
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Tipi di contratto
Si è tenuto il 17 febbraio il primo Networking Business Breakfast volto ad approfondire un tema giuridico
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Dati attesi e non disattesi!
Vi proponiamo l’opinione di Luca Albertoni, Direttore Cc-Ti sul tema CSR – aziende ticinesi
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Saliamo in cattedra
Vi proponiamo l’esperienza della Scuola Manageriale sotto una prospettiva differente, ovvero la voce di alcuni dei docenti
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
La Cc-Ti sostiene Espoprofessioni 2020
Il nostro impegno per la formazione professionale
DENTRO L'ECONOMIA
2 mesi
Export svizzero da record anche nel 2019
Malgrado un clima internazionale caratterizzato da guerre commerciali e tensioni politiche, l’export svizzero ha nuovamente segnato numeri da record
DENTRO L'ECONOMIA
2 mesi
Campione d’Italia: cambiamenti in atto
Dal 1.1.20, con l’entrata in vigore della direttiva UE 2019/475, Campione d’Italia è entrato a far parte del territorio doganale dell'UE
DENTRO L'ECONOMIA
15.11.2019 - 10:450

La creatività è la chiave del successo economico

Nel suo intervento all’Assemblea della Cc-Ti del 18 ottobre scorso il Prof. Lino Guzzella, ex Rettore ETH Zurigo, ha sottolineato l’importanza della creatività per il successo di un sistema economico

Come sviluppare e trasmettere la creatività? E, ancora, la creatività è solo un problema di educazione e formazione o dipende anche dal clima socio-politico di un Paese?
«Credo che nessuno abbia una risposta esaustiva a questa domanda. Un paio di idee però si possono formulare – afferma il Professore -. Una  completa e diversificata formazione di ba-se è sicuramente una condizione necessaria, perciò faccio un appello a tutta la società affinché non si trascuri questa risorsa. Come disse Ann Landers: “Se pensi che l’istruzione sia costosa, prova l’ignoranza”. Un altro elemento è offrire degli spazi ai giovani  dove possano sviluppare e testare le loro idee, anche se poi non raggiungono il successo. Non da ultimo, voglio ricordare l’importanza del pensiero critico, che si fonda su un’analisi propria e non segue ciecamente la moda del giorno».

L’innovazione è da sempre il propulsore della crescita svizzera, ma nell’ultimo rapporto del WEF sulla competitività mondiale il nostro paese è retrocesso dal quarto al quinto posto. Come spiega questa frenata?
«Una delle ragioni è che gli altri paesi si muovono sempre più rapidamente, specialmente i Paesi asiatici. La Svizzera ha avuto molto successo, ma dobbiamo stare sempre attenti a non riposare sugli allori. In un mondo globalizzato e competitivo, dobbiamo correre più veloci solo per restare dove siamo».

Il rapporto annuale dell’UE sull’innovazione ha visto, invece, il Ticino balzare addirittura al secondo posto in una classifica con 230 Paesi e regioni dell’Europa. I motivi di questo successo, secondo lei?
«Il Ticino ha avuto una fase abbastanza difficile dopo i cambiamenti e gli scossoni nel settore finanziario. Ma questa crisi è stata il punto di  partenza per sviluppare nuove idee e liberare nuove energie. Le risorse di base – educazione, economia e politica – del Ticino sono forti e il talento necessario per sfruttare queste opportunità c’è o può essere attirato dall’Europa».

Quali sono gli asset più promettenti per il futuro economico del Cantone?
«Guardando all’aspetto tecnico e industriale, si può dire che la presenza di due solide università, l’USI e la SUPSI, combinata con i diversi centri di ricerca, quali IRB, Cardiocentro, IOR, IDSIA e altri istituti, rappresenta una base sicura per un futuro sempre più promettente».

In Svizzera e in Ticino si registra uno squilibrio tra le competenze richieste dall’economia e quelle che riesce a garantire il sistema formativo nel suo complesso. È possibile colmare questo scarto?
«Non è facile, ma si deve trovare un equilibrio. La formazione professionale è certamente l’elemento più importante. Il sistema  dell’apprendistato ha permesso alla Svizzera di arrivare ad un tasso di disoccupazione giovanile molto basso. Spero che l’economia, ma anche tutta la società, si rendano conto del valore di questo sistema e continuino a sostenerlo nella misura necessaria». 

Intervento all'Assemblea della CC-Ti del 18 ottobre

Articolo a cura della CC-Ti

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-10 08:27:42 | 91.208.130.89