Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE Dentro l'economia
DENTRO L'ECONOMIA
4 ore
Nuovi Specialisti della gestione PMI
Si è svolta a metà novembre la cerimonia di diploma dei corsisti che hanno frequentato la Scuola Manageriale della Cc-Ti ottenendo l’attestato federale
DENTRO L'ECONOMIA
4 gior
La creatività è la chiave del successo economico
Nel suo intervento all’Assemblea della Cc-Ti del 18 ottobre scorso il Prof. Lino Guzzella, ex Rettore ETH Zurigo, ha sottolineato l’importanza della creatività per il successo di un sistema economico
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Troppe regolamentazioni soffocano le imprese
Secondo il Presidente Cc-Ti, Glauco Martinetti, le aziende dovranno affrontare nuove sfide nel prossimo futuro. Ecco le sue riflessioni nella nostra intervista
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Pensare a un progetto Ticino condiviso
a 102esima Assemblea Generale Ordinaria della Cc-Ti
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Un’economia diversificata da tutelare
Una riflessione del Direttore Cc-Ti Luca Albertoni sull’economia cantonale, in vista della prossima 102esima Assemblea Generale Ordinaria Cc-Ti del 18.10.2019
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Attori consapevoli della rivoluzione digitale
I nuovi modelli di business sono efficaci perché non hanno costrizioni con il passato, abitudini da rispettare o paure su come affrontare il futuro, spiega Lorenza Bernasconi di Gruppo Sicurezza
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Autunno caldo
Una riflessione del Direttore Cc-Ti Luca Albertoni sui cambiamenti economici in atto
DENTRO L'ECONOMIA
1 mese
Innovare il modello di business assicura il successo dell’impresa
Uno strumento nella gestione aziendale al centro dell’impegno della Cc-Ti
DENTRO L'ECONOMIA
31.08.2019 - 07:000

L’impresa 4.0 sarà sempre più verde

Nell’industria 4.0 l’innovazione tecnologica sarà sempre più correlata anche alla tutela dell’ambiente. È l’opinione di Emanuele Carpanzano, Direttore del Dip. tecnologie innovative SUPSI

«La tutela dell’ambiente – precisa – è ormai un fattore imprescindibile per le imprese che vogliono innovare i propri prodotti e processi per accrescere la loro competitività, il proprio valore aggiunto e la loro immagine presso mercati e società».

In che modo le tecnologie digitali favoriscono la sostenibilità ambientale nei processi produttivi?
«Le tecnologie digitali permettono sempre più di raccogliere ed elaborare dati e, quindi, anche di monitorare, calcolare e ottimizzare consumi ed emissioni, dando così un contributo rilevante alla sostenibilità ambientale delle macchine e degli impianti di produzione, così come alle relative catene del valore».

Anche nel campo della mobilità in Svizzera ci sono state esperienze molto positive con l’uso dei big data. Si profilano, dunque, nuove soluzioni pure per la gestione del traffico?
«Grazie alle grandi quantità di dati disponibili e alla elaborazione degli stessi, la gestione del traffico potrà essere sempre meglio monitorata, analizzata e controllata, allo scopo di ridurne entità e incidenza sull’ambiente e sulla qualità della vita. Fermo restando che problemi infrastrutturali non potranno essere risolti tramite le sole tecnologie digitali».

Solitamente si ritiene che la tutela del clima e dell’ambiente rappresenti un costo notevole per le imprese, ma c’è anche un ritorno economico e d’immagine?
«Un’azienda che tutela clima e ambiente consuma meno energia e materie prime, e utilizza materiali e processi a basso impatto ambientale, necessitando quindi di minori azioni di abbattimento delle emissioni. Tali elementi comportano tutti una riduzione diretta dei costi di produzione. Inoltre, oggigiorno è sempre più importante per un’azienda dimostrare di essere sostenibile per potersi affermare, ovvero per raccogliere il consenso e il favore della società e quindi dei propri clienti. Di fatto, un’azienda la cui impronta ecologica è giudicata negativamente, oggi difficilmente può fidelizzare i consumatori e affermarsi sul mercato».

Si dice che la trasformazione digitale sarà il motore della nuova «economia verde». Previsione realistica?
«La trasformazione digitale favorirà e accelererà la transizione verso una economia sempre più attenta e rispettosa dell’ambiente, per effetto delle considerazioni sopra esposte. Ma il vero motore della “economia verde” saranno in ogni caso: una società sempre più attenta, mercati sempre più selettivi e imprese sempre più sensibili rispetto al tema della tutela dell’ambiente».

 

Articolo a cura della CC-Ti 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 12:35:01 | 91.208.130.85