Immobili
Veicoli
AvanTi
+1
ULTIME NOTIZIE AvanTI
AUSTRALIA
7 ore
Il primo “Treno Infinito” a emissioni zero
La società australiana Fortescue costruirà un treno in grado di ricaricarsi da solo con la gravità senza emettere CO2
AvanTI
2 gior
L’Intelligenza Artificiale trasforma le immagini in oggetti 3D
La nuova tecnologia di NVIDIA converte in pochi istanti le foto in oggetti tridimensionali grazie alla rete neurale
GIAPPONE
4 gior
In Giappone un robot riparerà le linee elettriche delle ferrovie
Un robot pilotato da remoto grazie a un visore per la realtà virtuale aggiusterà le reti ferroviarie meno accessibili
FOTO E VIDEO
CINA
1 sett
AutoFlight ha testato il suo aerotaxi sostenibile
Il taxi a decollo verticale Prosperity I di AutoFlight ha effettuato con successo il suo primo volo di transizione.
REGNO UNITO
1 sett
Il Regno Unito mira all’energia solare spaziale
La Gran Bretagna potrebbe costruire una centrale solare orbitale in grado di fornire energia verde e illimitata.
CINA
1 sett
Superati i 100 km nella trasmissione di un segnale quantistico
Ricercatori cinesi hanno annunciato di aver trasmesso informazioni usando la fibra ottica e tecnologie quantistiche.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
2 sett
Un pesce bioibrido alimentato da cellule cardiache umane
Un team di ricercatori ha sviluppato un pesce cyborg usando cellule del muscolo cardiaco derivate da staminali umane
CINA
2 sett
Un transistor da record grazie alla tecnologia al grafene
Una ricerca sperimentale ha dimostrato la possibilità di produrre un gate spesso 0,34 nanometri, quanto un singolo atomo
VIDEO
STATI UNITI
2 sett
SpinLaunch: una nuova tecnologia per i lanci sub-orbitali
La NASA introdurrà un acceleratore suborbitale che gira a una velocità di 8.000 km/h per lanciare piccoli satelliti.
AvanTI
30.03.2022 - 08:000

I volti deepfake creano più fiducia di quelli reali

Secondo uno studio le persone credono che le facce create dall’Intelligenza Artificiale siano più vere di quelle reali.

Una ricerca congiunta del Department of Psychology della Lancaster University (UK) e del Department of Electrical Engineering and Computer Sciences dell’Università di Berkeley, in California, ha indagato l’impatto dell’Intelligenza Artificiale sul meccanismo cognitivo che porta l’essere umano a fidarsi di più dei volti deepfake rispetto a quelli reali. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences).

La dottoressa Sophie Nightingale dell’Università di Lancaster e il professor Hany Farid dell’Università di Berkeley hanno condotto dei test in cui è stato chiesto ai partecipanti di riconoscere la differenza tra i volti reali e quelli creati artificialmente dalla rete generativa avversaria StyleGAN2, sviluppata dai laboratori di Nvidia, così come il livello di fiducia che queste immagini suscitavano. I ricercatori hanno utilizzato l’AI per generare 400 volti falsi, equamente suddivisi per genere ed etnia. A ognuno di questi volti sono stati abbinati 400 volti reali di persone esistenti nella realtà, estratti dal database utilizzato per allenare la GAN.

Nel primo test, è stato chiesto a 315 partecipanti di classificare 128 volti da un totale degli 800 come reali o falsi. La loro percentuale di precisione è stata del 48%. Nel secondo test, a 219 nuovi partecipanti è stato chiesto di eseguire lo stesso compito, ma questa volta previa formazione e feedback iniziale. L’accuratezza media registrata è leggermente migliorata fino al 59%. Nell’ultimo esperimento, a 223 individui è stato chiesto di esprimere un giudizio, dopo un’esposizione di qualche secondo, su un tratto come l’affidabilità dei 128 volti estratti dalla serie degli stessi 800, senza conoscere nulla delle persone alle quali i volti appartenevano. Da una scala di voti da 1 (molto inaffidabile) a 7 (molto affidabile), la valutazione media complessiva per i volti reali è stata di 4,48 inferiore alla valutazione dei volti sintetici, ritenuti del 7,7% più affidabili.

In sintesi, guardando le immagini utilizzate durante i test in tema di deepfake e percezione del falso, è emerso che i volti generati per mezzo dell’AI sono praticamente indistinguibili dai volti reali. Inoltre, a livello di percezione visiva, sono stati giudicati più affidabili rispetto ai secondi. La ragione, secondo i ricercatori, è che probabilmente i volti deepfake possiedono, nell’insieme, caratteristiche più vicine alla  «normalità media», privi di eccessi e di tratti peculiari, e tale senso di normalità li fa percepire come immagini rassicuranti e che ispirano fiducia. Le immagini reali, invece, appaiono meno omogenee proprio perché vere, rispondenti a persone esistenti nella realtà, e che pertanto presentano aspetti unici, personalissimi e, per questo, non replicabili.

A preoccupare gli autori è l’aspetto psicologico alla radice di questa percezione, cioè il fidarsi di qualcosa che non esiste semplicemente perché alla vista appare omologato alla realtà, conforme a modelli acquisiti. Questo, se usato con intenzioni sbagliate, può arrecare danno ai singoli soggetti e alla società. Inoltre, in un mondo digitale in cui tutto può essere oggetto di falsificazione, il pericolo è che anche la realtà, soprattutto se scomoda, possa essere messa in discussione.

AvanTi
Guarda tutte le 5 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-05-20 15:51:40 | 91.208.130.85