Immobili
Veicoli

REGNO UNITOContrastare l’invecchiamento: il business del futuro?

27.10.21 - 08:00
Secondo uno studio ritardare l’invecchiamento è un affare che potrebbe valere trilioni di dollari in guadagni economici
AvanTi
Contrastare l’invecchiamento: il business del futuro?
Secondo uno studio ritardare l’invecchiamento è un affare che potrebbe valere trilioni di dollari in guadagni economici

Nell’ultimo secolo l’aspettativa di vita è aumentata vertiginosamente in tutto il mondo grazie ai miglioramenti nella medicina, nella dieta e nell’istruzione. Tuttavia, molto spesso gli esseri umani non sono in grado di fare un uso produttivo degli anni in più che hanno a disposizione a causa del fatto che la vecchiaia è associata a una serie di malattie, fragilità fisiche e disabilità. Ritardare la vecchiaia e il declino fisico ad essa associato, quindi, sarebbe davvero importante.
A tal proposito, un recente studio suggerisce che i trattamenti che mirano a contrastare l’invecchiamento, prolungare l’aspettativa di vita e migliorare le condizioni di salute generale potrebbero tradursi in un ritorno di trilioni di dollari in termini di guadagni economici. Lo studio in questione, pubblicato sulla rivista Nature Aging, è stato condotto dagli scienziati della London Business School, i quali hanno valutato il valore economico dell’invecchiamento sano.
Il team, guidato da Andrew Scott, ha realizzato un modello adoperando i dati economici, sanitari e demografici esistenti negli Stati Uniti per assegnare un valore monetario ai guadagni derivanti dall’allungamento della vita media della popolazione, dai cambiamenti nel tasso di invecchiamento e dal miglioramento della salute. I ricercatori hanno cercato di aumentare l’accessibilità del modello applicando quattro diversi scenari di test, illustrati rispettivamente da quattro famosi personaggi di fantasia.
Peter Pan rappresenta la giovinezza prolungata, Wolverine la prospettiva di salute più lunga possibile, Dorian Gray l’inversione dell’invecchiamento, e gli Struldbrug, i personaggi tratti da “I viaggi di Gulliver” che sebbene non muoiano continuano a invecchiare dotati di immortalità ma non dell’eterna giovinezza, rimandano al peggioramento delle condizioni di salute nonostante l’allungamento della prospettiva di vita.
Ebbene, secondo i risultati della ricerca il valore economico di ogni anno di vita aggiunto significherebbe un guadagno di 37,6 trilioni di dollari, e per un aumento di 10 anni questo salirebbe fino a 366,8 trilioni di dollari. Il dato più interessante della scoperta è che questo scenario anti-invecchiamento creerebbe un circolo virtuoso perché, siccome l’invecchiamento ritardato aumenta l’età media della società e la qualità della vita negli anni successivi, ulteriori miglioramenti nelle terapie anti-invecchiamento si tradurrebbero in un numero crescente di persone che ne trarrebbero beneficio.
Ad ogni modo, i ricercatori osservano che lo studio omette due dettagli importanti che potrebbero avere impatti significativi sul valore di un tale intervento, ovvero le disuguaglianze di salute tra la popolazione studiata e la disparità di reddito. È infatti probabile che il primo aumenti ulteriormente il valore degli approcci anti-invecchiamento, ma il secondo potrebbe causare riduzioni significative del valore se il costo delle terapie risultasse elevato. Ciò significa, dunque, che mentre il potenziale delle terapie anti-invecchiamento potrebbe essere enorme, il loro vero valore diventerà evidente solo se si potrà garantire un accesso diffuso a tali terapie.

ULTIME NOTIZIE AVANTI