Mindwriting, il software che trasforma i pensieri in testo
AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
FOTO
STATI UNITI
2 ore
In arrivo un futuristico drone-bus per collegamenti tra città
Una startup americana ha sviluppato un autobus volante in grado di trasportare 40 passeggeri da una città all’altra.
FOTO
CINA
2 gior
Svelata la turbina eolica più grande del mondo
È dotata di pale lunghe 118 metri, una potenza di 16 MW e sarà in grado di generare 80.000 MWh di elettricità l’anno.
REGNO UNITO
5 gior
Creato in laboratorio il primo batterio inattaccabile dai virus
Il batterio sintetico blocca l’infezione all’origine e potrebbe essere usato per creare farmaci ad ampio spettro.
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Il cristallo temporale è realtà
Secondo una recente ricerca il computer quantistico di Google avrebbe creato un “cristallo temporale”
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Nüwa City: la futura capitale di Marte
Presentato un ambizioso progetto di una città sostenibile e autosufficiente per 250mila persone sul Pianeta Rosso.
INDIA
1 sett
Ecco le bottiglie di carta che sostituiranno la plastica
Una startup indiana ha sviluppato un innovativo materiale che può essere usato negli imballaggi di prodotti liquidi
STATI UNITI
2 sett
Raccogliere energia wireless sfruttando le reti 5G
Creata un’innovativa carta per la raccolta di microonde che può trasformare i sistemi 5G in reti elettriche senza fili
REGNO UNITO
2 sett
AtmosFUEL, il progetto per trasformare la CO2 in carburante per aviazione sostenibile
L’obbiettivo è quello di studiare la fattibilità di un impianto che produrrà più di 100 milioni di SAF al giorno
STATI UNITI
03.09.2021 - 08:000

Mindwriting, il software che trasforma i pensieri in testo

Il programma potrebbe offrire nuove possibilità di comunicazione alle persone che hanno perso l’uso delle braccia

Mindwriting, o scrittura mentale, è un innovativo software che permette di trasformare i pensieri in parole. Realizzato dagli scienziati della Stanford University, il programma potrebbe offrire alle persone che hanno perso l’uso delle braccia nuove opportunità di comunicare in modo autonomo e veloce. La ricerca è stata descritta sulla rivista Nature.
Nello specifico, i ricercatori hanno accoppiato un software di intelligenza artificiale con un dispositivo, un’interfaccia cervello-computer (BCI), impiantato in un uomo con paralisi totale del corpo, denominato per l’esperimento T5. Il programma è stato in grado di decodificare le informazioni ottenute dalla BCI e convertire i pensieri del partecipante in scrittura digitale.
L’interfaccia del software mindwiritng contiene due chip di piccole dimensioni, posizionati sul lato sinistro del cervello del paziente, completamente paralizzato dal collo in giù dal 2007 a causa di un incidente. Ogni chip è dotato di 100 elettrodi che raccolgono i segnali dai neuroni che si attivano nella parte della corteccia motoria, che governa i movimenti della mano. Questi segnali neurali vengono poi inviati a un computer tramite dei cavi, dove degli algoritmi di intelligenza artificiale, progettati presso il Neural Prosthetics Translational Lab della Stanford University, hanno decodificato i segnali ricevuti dai chip e ipotizzato il movimento della mano pensato da T5.
In effetti, come hanno sottolineato gli autori, questo metodo ha permesso al partecipante di scrivere a una velocità doppia rispetto alle strumentazioni precedenti ideate dallo stesso team nel 2017. In particolare, la tecnologia mindwriting ha consentito a T5 di ricopiare un testo a una velocità di circa 18 parole al minuto, una rapidità quasi paragonabile a quella caratteristica di individui normodotati della stessa età, che è di circa 23 parole al minuto. Per quanto riguarda la scrittura libera, invece, che richiedeva piccoli intervalli di riflessione, la velocità di composizione di T5 è stata di circa 15 parole al minuto.
Il tasso di errore nella copiatura delle frasi per T5 è stata di circa uno ogni 18,5 caratteri, mentre nella composizione libera è stata di uno ogni 11,5 caratteri. Adoperando una funzione di correzione automatica, la frequenza di errori è scesa all’1 e al 2% rispettivamente per la copiatura e la composizione. «Questi tassi sono piuttosto bassi rispetto ad altre BCI. Speriamo che il nostro lavoro possa offrire una possibilità per i pazienti immobilizzati, in modo che possano comunicare in modo più efficace», ha dichiarato Krishna Shenoy, docente presso la Stanford University e tra gli autori dell’articolo.
La speranza degli studiosi, dunque, è che tale scoperta possa condurre a ulteriori progressi che possano andare a beneficio di milioni di persone che hanno perso l’uso degli arti superiori o la capacità di esprimersi a causa di lesioni del midollo spinale, ictus o sclerosi laterale amiotrofica.

AvanTi
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 10:21:39 | 91.208.130.87