AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
FOTO
STATI UNITI
3 ore
In arrivo un futuristico drone-bus per collegamenti tra città
Una startup americana ha sviluppato un autobus volante in grado di trasportare 40 passeggeri da una città all’altra.
FOTO
CINA
2 gior
Svelata la turbina eolica più grande del mondo
È dotata di pale lunghe 118 metri, una potenza di 16 MW e sarà in grado di generare 80.000 MWh di elettricità l’anno.
REGNO UNITO
5 gior
Creato in laboratorio il primo batterio inattaccabile dai virus
Il batterio sintetico blocca l’infezione all’origine e potrebbe essere usato per creare farmaci ad ampio spettro.
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Il cristallo temporale è realtà
Secondo una recente ricerca il computer quantistico di Google avrebbe creato un “cristallo temporale”
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Nüwa City: la futura capitale di Marte
Presentato un ambizioso progetto di una città sostenibile e autosufficiente per 250mila persone sul Pianeta Rosso.
INDIA
1 sett
Ecco le bottiglie di carta che sostituiranno la plastica
Una startup indiana ha sviluppato un innovativo materiale che può essere usato negli imballaggi di prodotti liquidi
STATI UNITI
2 sett
Raccogliere energia wireless sfruttando le reti 5G
Creata un’innovativa carta per la raccolta di microonde che può trasformare i sistemi 5G in reti elettriche senza fili
REGNO UNITO
2 sett
AtmosFUEL, il progetto per trasformare la CO2 in carburante per aviazione sostenibile
L’obbiettivo è quello di studiare la fattibilità di un impianto che produrrà più di 100 milioni di SAF al giorno
STATI UNITI
2 sett
Mindwriting, il software che trasforma i pensieri in testo
Il programma potrebbe offrire nuove possibilità di comunicazione alle persone che hanno perso l’uso delle braccia
REGNO UNITO
25.08.2021 - 08:000

Gli alieni? Assomigliano a macchine o intelligenze artificiali

Secondo un noto astronomo gli alieni che dovessero mai arrivare sulla Terra non potrebbero essere creature biologiche.

LONDRA - In un recente articolo pubblicato sul giornale britannico The Guardian, Seth Shostak, astronomo e direttore del Centro di ricerca SETI (Search for Extraterrestrial Intelligence), ha sostenuto che caso mai un giorno gli alieni entrassero in contatto con la Terra, questi molto probabilmente non potrebbero essere creature biologiche, bensì macchine o intelligenze artificiali.

Shostak ha dedicato la propria vita alla ricerca di forme di vita intelligenti nel cosmo e, nella sua lunga carriera, ha ottenuto importanti riconoscimenti, tra cui il Carl Sagan Awards per la divulgazione scientifica. Nel suo articolo, il noto astronomo smonta diversi luoghi comuni sugli alieni e, alla luce delle informazioni scientifiche attualmente in nostro possesso, ha provato a formulare alcune ipotesi.

Innanzitutto, dato che una stella su tre nella nostra galassia potrebbe ospitare un pianeta delle dimensioni della Terra, è abbastanza probabile che su qualcuno di questi si siano sviluppate forme di vita intelligenti. «Penso che sia estremamente probabile che gli alieni siano presenti nella nostra galassia», ha dichiarato Shostak, che allo stesso tempo però ritiene altamente improbabile che queste forme di vita stiano perdendo tempo a sorvolare il nostro spazio aereo e, soprattutto, che assomiglino alle creature rappresentate negli ultimi 60 anni dalla fantascienza o dall’immaginario cinematografico.

Anzi, considerando la questione da un punto di vista prettamente scientifico, se qualche forma di vita aliena dovesse mai riuscire ad arrivare sul nostro pianeta, è molto difficile che questa sarà una creatura biologica. «Probabilmente sono andati oltre l’intelligenza biologica e, anzi, oltre la biologia stessa», ha affermato Shostak. La ragione è relativamente semplice: le grandi distanze da un sistema stellare all’altro possono richiedere decenni per essere attraversate.

Tuttavia, Shostak riconosce il fatto che il nostro sistema solare ha un’età relativamente giovane e che, invece, altri sistemi molto più antichi potrebbero ospitare civiltà inimmaginabilmente più avanzate di noi. Ma questo non consentirebbe comunque loro d'infrangere le leggi della fisica. Ad esempio, presupponendo che gli alieni abbiano a disposizione tecnologie da fantascienza che consentano loro di coprire la distanza tra la Terra e la stella più vicina a noi, Proxima Centauri (circa 38mila miliardi di chilometri) in appena 10 anni, dovrebbero comunque viaggiare a poco più di metà della velocità della luce e un simile viaggio richiederebbe 600 milioni di volte l’energia del razzo Saturn V.

Pertanto, secondo Shostak, un ipotetico alieno che dovesse mai raggiungere la Terra non potrebbe essere altro che un’intelligenza artificiale oppure una macchina particolarmente evoluta in grado di viaggiare per migliaia di anni e rappresentare, una volta a destinazione, il popolo che l’ha costruita. «I ricercatori che lavorano all’IA stimano che le macchine in grado di battere gli umani in un test del QI usciranno dal laboratorio entro la metà del secolo. Se possiamo farlo noi, alcuni alieni lo avranno già fatto», ha concluso Shostak.

AvanTi
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 11:40:49 | 91.208.130.85