Xenobots 2.0: la nuova generazione dei robot biologici viventi
AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
FOTO
STATI UNITI
3 ore
In arrivo un futuristico drone-bus per collegamenti tra città
Una startup americana ha sviluppato un autobus volante in grado di trasportare 40 passeggeri da una città all’altra.
FOTO
CINA
2 gior
Svelata la turbina eolica più grande del mondo
È dotata di pale lunghe 118 metri, una potenza di 16 MW e sarà in grado di generare 80.000 MWh di elettricità l’anno.
REGNO UNITO
5 gior
Creato in laboratorio il primo batterio inattaccabile dai virus
Il batterio sintetico blocca l’infezione all’origine e potrebbe essere usato per creare farmaci ad ampio spettro.
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Il cristallo temporale è realtà
Secondo una recente ricerca il computer quantistico di Google avrebbe creato un “cristallo temporale”
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Nüwa City: la futura capitale di Marte
Presentato un ambizioso progetto di una città sostenibile e autosufficiente per 250mila persone sul Pianeta Rosso.
INDIA
1 sett
Ecco le bottiglie di carta che sostituiranno la plastica
Una startup indiana ha sviluppato un innovativo materiale che può essere usato negli imballaggi di prodotti liquidi
STATI UNITI
2 sett
Raccogliere energia wireless sfruttando le reti 5G
Creata un’innovativa carta per la raccolta di microonde che può trasformare i sistemi 5G in reti elettriche senza fili
REGNO UNITO
2 sett
AtmosFUEL, il progetto per trasformare la CO2 in carburante per aviazione sostenibile
L’obbiettivo è quello di studiare la fattibilità di un impianto che produrrà più di 100 milioni di SAF al giorno
STATI UNITI
2 sett
Mindwriting, il software che trasforma i pensieri in testo
Il programma potrebbe offrire nuove possibilità di comunicazione alle persone che hanno perso l’uso delle braccia
STATI UNITI
3 sett
La fusione nucleare è sempre più vicina
Durante un esperimento è stata innescata una reazione che ha prodotto il 70% dell’energia usata per avviare il processo
ITALIA
3 sett
Il computer quantistico italiano batte Google
Sviluppato con il deep learning un compilatore che può programmare un algoritmo per qualsiasi computer quantistico
STATI UNITI
3 sett
Il primo grande parco eolico offshore degli Stati Uniti
Approvato il progetto per realizzare a largo delle coste orientali un impianto da 800 MW che alimenterà 400mila case.
FOTO
REGNO UNITO
4 sett
Gli alieni? Assomigliano a macchine o intelligenze artificiali
Secondo un noto astronomo gli alieni che dovessero mai arrivare sulla Terra non potrebbero essere creature biologiche.
FOTO
SVIZZERA
1 mese
Il CERN di Ginevra entra nell’IBM Quantum Network
Il centro diventa Quantum Hub e avrà accesso a una rete di 20 computer quantistici per i propri studi sulle particelle.
FOTO
STATI UNITI
1 mese
PDK, la plastica riciclabile all’infinito
Sviluppato un nuovo tipo di polimero ecologico che può essere riciclato all’infinito senza perdite qualitative.
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
1 mese
La NASA annuncia ufficialmente il suo ritorno su Venere
Le missioni DAVINCI+ e VERITAS, a cui parteciperà anche l’Italia, cercheranno di svelare i misteri del pianeta infernale
STATI UNITI
04.08.2021 - 08:000

Xenobots 2.0: la nuova generazione dei robot biologici viventi

Questa versione di robot biologici è più veloce, vive più a lungo, può registrare informazioni e assemblarsi da sola

Lo scorso anno una collaborazione fra scienziati dell’University of Vermont (UVM) e della Tufts University in Massachusetts ha prodotto un’importante scoperta, ovvero gli Xenobots, minuscole macchine biologiche create da cellule di rana. Questi bot erano in grado di autorigenerarsi, muoversi, spingere carichi utili e agire come un’unità collettiva. Oggi, lo stesso team ha dato vita a una nuova generazione di robot-organismi, appunto gli Xenobots 2.0.
La nuova versione di Xenobots è capace di assemblarsi da sola a partire da una singola cellula e ha persino dimostrato una memoria registrabile. Rispetto ai loro predecessori, si muovono più velocemente in ambienti differenti e hanno una durata di vita più lunga. Allo stesso tempo, possono lavorare insieme e curarsi se danneggiati. I risultati della nuova ricerca sono stati pubblicati nella rivista Science Robotics.

I nuovi Xenobots

La prima generazione di Xenobots era stata realizzata tramite la modellazione e l’applicazione manuale di pelle di rana e di cellule cardiache, la cui contrazione riusciva a generare movimento. I nuovi Xenobots, invece, sono stati prodotti con un approccio decisamente differente.
La versione 2.0 continua a usare le cellule staminali prelevate dagli embrioni della rana africana “Xenopus laevis” (da cui il nome Xenobots), cellule che vengono separate in una piastra di petri, dove si assemblano liberamente e crescono in sferoidi. Dopo alcuni giorni, le sfere iniziano a differenziarsi e a produrre ciglia, estensioni filamentose che si muovono avanti e indietro o ruotano in un modo specifico.
Queste ciglia forniscono ai nuovi robot un tipo di “gambe” che consente loro di viaggiare più rapidamente e su diverse superfici. Nel mondo biologico, le ciglia, o minuscole proiezioni simili a peli, si trovano spesso su superfici mucose, come i polmoni, e aiutano a spingere fuori materiale estraneo e agenti patogeni. Negli Xenobot, invece, forniscono una rapida locomozione.
«Nell’embrione della rana, le cellule cooperano per produrre un girino. In questo caso, rimosse dal loro contesto originale, le cellule sono comunque in grado di riprodurre le loro formazioni genetiche, come le ciglia, ma le destinano ad altre funzioni, come la locomozione. È Incredibile che le cellule possono interpretare altri ruoli e creare nuovi piani per il proprio organismo, senza dei lunghi periodi di selezione evolutiva», ha affermato Michael Levin, Professore di Biologia e direttore dell’Allen Discovery Center alla Tufts University, nonché autore dello studio.

Xenobots simili a robots

Gli Xenobots sono costruiti in modo molto simile a un robot tradizionale, solo che al posto dell’hardware vengono adoperati cellule e tessuti per realizzare la forma e creare comportamenti prevedibili. Questo approccio ha aiutato gli scienziati a capire come le cellule comunicano mentre interagiscono tra loro durante lo sviluppo e come è possibile controllare meglio queste interazioni.
All’UVM i ricercatori si sono occupati di seguire il comportamento di Xenobots con forme differenti, in programmi di simulazione computerizzata. Utilizzando il Supercomputer Deep Green presso il Vermont Advanced Computing Core, capace di attualizzare miliardi di computazioni al secondo, il team guidato da Josh Bongard e Sam Kriegman ha analizzato il comportamento degli Xenobots in centinaia di migliaia di condizioni ambientali attraverso l’uso di un algoritmo evolutivo. Grazie a queste simulazioni, i ricercatori sono riusciti a scoprire quali forme di Xenobots erano capaci di lavorare meglio in gruppo.
«Vogliamo che gli Xenobots siano utili. Al momento gli stiamo dando dei compiti molto semplici, ma speriamo che questo nuovo strumento vivente possa, per esempio, pulire le microplastiche nell’oceano o i contaminanti nel suolo», ha dichiarato Bongard. La nuova versione di Xenobots si è dimostrata infatti più veloce ed efficiente in attività come la raccolta dei rifiuti. Lavorando insieme in una piastra di petri, i bot possono spazzare via particelle di ossido di ferro, ma possono anche coprire superfici piane più estese e viaggiare attraverso vie capillari.

Altre importanti caratteristiche

La caratteristica più impressionante di questa nuova tecnologia è la capacità degli Xenobots di registrare informazioni complesse e utilizzare la memoria per modificare azioni e comportamenti.
La funzione di memoria è stata sperimentata in laboratorio e i test hanno dimostrato che potrebbe essere estesa in futuro per rilevare e registrare la luce, la presenza di contaminazione radioattiva, inquinanti chimici e altro ancora.
«Quando aggiungiamo nuove capacità agli Xenobots, possiamo utilizzare le simulazioni del computer per modellare una forma adatta ad un comportamento più complesso e con l’abilità di portare a termine compiti più elaborati. Potenzialmente potremmo ingegnerizzare i bot sia per documentare l’ambiente sia per modificarlo e ripararlo», ha spiegato Bongard.
L’altro vantaggio di un robot biologico è quello di avere un metabolismo. Gli Xenobots, infatti, a differenza di un robot fatto di metallo e di plastica, possono assorbire e distruggere sostanze chimiche e allo stesso tempo sintetizzarne di nuove. Nel campo della biologia sintetica, finora focalizzata sulla programmazione di organismi unicellulari, si potranno quindi produrre organismi pluricellulari utili alla conservazione dell’ambiente e del corpo umano.
Questa nuova versione di bot, inoltre, è anche in grado di auto-curarsi in modo molto efficiente, dimostrando la capacità di chiudere la maggior parte di una grave lacerazione in soli cinque minuti.
Se mantenuti in un mix liquido di nutrienti, i nuovi Xenobots possono resistere anche fino a diversi mesi. Senza ulteriori nutrienti, l’energia embrionale che permette alle cellule di compiere le loro funzioni ha una durata di 10 giorni.

AvanTi
Guarda le 3 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-22 11:34:45 | 91.208.130.86