AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
CINA
12 ore
Nuovo record per il reattore a fusione nucleare cinese
Il reattore cinese EAST ha raggiunto la temperatura record di 120 milioni di gradi mantenendola per 101 secondi
STATI UNITI
3 gior
Mesh, la piattaforma di comunicazione che ci trasforma in ologrammi
Microsoft ha svelato un’innovativa piattaforma che riproduce i partecipanti a una conversazione come fossero ologrammi
GIAPPONE
5 gior
Cellule di corallo coltivate in laboratorio
Per provare a salvare le barriere coralline uno studio giapponese ha creato linee cellulari di corallo in laboratorio
SPAZIO
1 sett
Estrarre energia dai buchi neri
L’enorme quantità di energia dei buchi neri potrebbe essere liberata sfruttando le proprietà dell’ergosfera
MADAGASCAR
1 sett
La prima scuola al mondo stampata in 3D
In Madagascar sta per essere realizzato il progetto futuristico di una scuola stampata in 3D economica e veloce
STATI UNITI
1 sett
Creato il primo embrione metà uomo e metà scimmia
Un team di ricerca internazionale ha creato per la prima volta in laboratorio un embrione ibrido uomo-scimmia
CINA
1 sett
Un robot spazzino spaziale
La Cina ha lanciato in orbita un prototipo di robot capace di raccogliere i detriti spaziali con una rete gigante
AvanTI
2 sett
Trasformare il Canton Ticino in una regione ad impatto positivo
Rendere il Ticino un territorio a impronta di carbonio positiva. Un obiettivo ambizioso ma concretamente raggiungibile
STATI UNITI
2 sett
Taxi volanti nei cieli di Los Angeles
Una startup californiana ha in programma di lanciare una rete di aerotaxi a Los Angeles entro il 2024
SVEZIA
26.04.2021 - 12:480

Un nuovo prototipo di batteria strutturale

Dalla fibra di carbonio l’accumulo senza massa con risultati 10 volte migliori rispetto a tutte le precedenti versioni

Nelle attuali auto elettriche le batterie possono arrivare anche al 25% del peso complessivo senza tuttavia svolgere alcuna funzione portante. Una soluzione alternativa potrebbe essere quella delle cosiddette “batterie strutturali”, ovvero batterie che funzionano sia come fonte di alimentazione che come struttura del veicolo, ad esempio nella carrozzeria. Tale sistema viene anche definito “accumulo senza massa” perché il peso della batteria svanisce quando appunto diventa parte della struttura portante.
Il primo tentativo di realizzare una batteria strutturale risale già al 2007, ma finora si è dimostrato difficile produrre batterie con buone proprietà elettriche e meccaniche. Oggi, i ricercatori della Chalmers University of Technology di Göteborg, in Svezia, hanno realizzato una batteria strutturale che promette di offrire prestazioni dieci volte migliori rispetto a tutte le versioni precedenti. La nuova batteria, sviluppata in collaborazione con il KTH Royal Institute of Technology di Stoccolma, contiene celle in fibra di carbonio, un composto che funge contemporaneamente da elettrodo, conduttore e materiale portante. Ciò conferisce proprietà superiori a qualsiasi tentativo fatto finora, in termini di energia stoccata, rigidità e resistenza.
La batteria, nello specifico, ha una densità di energia di 24 Wh/kg, pari al 20% di capacità rispetto alle batterie agli ioni di litio oggi disponibili. Essendo però integrabile nella struttura dei veicoli, ne permette di ridurre drasticamente il peso. Ciò significa che occorrerà meno energia per guidare un’auto elettrica, mentre la minore densità si tradurrà in una maggiore sicurezza. Inoltre, con una rigidità di 25 GPa, il dispositivo può competere con molti altri materiali da costruzione normalmente utilizzati.
«I precedenti tentativi di realizzare batterie strutturali hanno portato a celle con buone proprietà meccaniche o buone proprietà elettriche. Ma qui, utilizzando la fibra di carbonio, siamo riusciti a progettare ed ottenere una capacità di accumulo competitiva assieme alla rigidità», ha dichiarato il responsabile del progetto Leif Asp.
L’unità possiede un elettrodo negativo in fibra di carbonio e uno positivo costituito da un foglio di alluminio rivestito di fosfato di ferro e litio, che sono separati da un tessuto in fibra di vetro, in una matrice elettrolitica. Lo step successivo prevede la sostituzione del foglio di alluminio con un’altra fibra di carbonio e il separatore in fibra di vetro con una variante ultrasottile. L’obbiettivo del professor Asp e del suo team è di arrivare a una densità di energia gravimetrica di 75 Wh/kg e a una rigidità di 75 GPa. Questo nuovo progetto dovrebbe essere completato entro due anni.
«La prossima generazione di batterie strutturali ha un potenziale fantastico. Se si guarda alla tecnologia dell’elettronica di consumo, potrebbe davvero essere possibile entro pochi anni costruire smartphone, laptop, o e-bike che pesino la metà di quelle attuali e siano più compatti», ha concluso Asp.

AvanTi
Guarda le 3 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 22:18:00 | 91.208.130.86