AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
2 gior
Memorizzare dati nei genomi dei batteri
Grazie a un approccio rivoluzionario che va oltre il DNA è possibile memorizzare dati nei genomi dei batteri viventi
SPAZIO
4 gior
Il primo modello realizzabile di motore a curvatura
Due fisici hanno proposto un nuovo tipo di propulsione a curvatura che non dovrebbe infrangere le leggi della fisica
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Nuova svolta per le batterie allo stato solido
Sviluppata una batteria allo stato solido con prestazioni molto migliori rispetto alle batterie agli ioni di litio
STATI UNITI
1 sett
Nuovo record sulla distanza per il teletrasporto quantistico
Per la prima volta sono stati trasferiti due qubit più velocemente della luce su una distanza di 43,5 chilometri
ISRAELE
1 sett
Scienziati creano un piccolo buco nero in laboratorio
Un team di fisici israeliani ha ricreato un buco nero artificiale per confermare una teoria di Stephen Hawking
DANIMARCA
2 sett
Ecco la fattoria verticale più grande d’Europa
Sarà alimentata dal vento e coltivata da robot. Potrà aiutare l’ambiente migliorando produzione e distribuzione di cibo
STATI UNITI
2 sett
Un nuovo satellite commerciale “spia”: utile o pericoloso?
Una società americana ha messo in orbita il satellite commerciale con la qualità di immagini più alta in assoluto
REGNO UNITO
2 sett
Nano-origami di grafene per i microchip dei dispositivi elettronici del futuro
Grazie a delle pieghe create nel grafene si posso realizzare microchip 100 volte più veloci di quelli convenzionali
STATI UNITI
3 sett
Ologrammi al posto delle videochiamate? Presto potrebbero essere realtà
Un’azienda americana ha creato una cabina per trasmettere ologrammi dal vivo direttamente nel salotto di casa
STATI UNITI
14.11.2020 - 08:000

Un super-enzima in grado di divorare la plastica

Gli scienziati hanno creato in laboratorio un super-enzima che degrada la plastica a una velocità incredibile

È noto ormai che il pianeta Terra, e soprattutto gli oceani, sono ricoperti da una quantità enorme di plastica. Trovare un modo per smaltirla in modo pulito, magari scomponendola nelle sue molecole elementari così che sia meno dannosa per l'ambiente, è una questione che attira sempre di più l’attenzione da parte degli scienziati.
Di recente, sulla rivista scientifica americana Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), è stato pubblicato un articolo riguardante la scoperta di un super-enzima in grado appunto di degradare la plastica ad una velocità davvero incredibile. Lo studio è stato condotto da un team di 21 scienziati guidati dal Prof. John McGeehan, direttore del Centre for Enzyme Innovation (CEI) dell’Università di Portsmouth, insieme al collega americano, il Dr. Gregg Beckham.
L’incredibile scoperta riguarda un enzima di seconda generazione che è stato progettato collegandone due separati, chiamati PETase e MHETase, entrambi trovati nell’insetto mangia-plastica (Ideonella sakaiensis) rinvenuto in un sito di rifiuti giapponese nel 2016. A dire il vero, già nel 2018 l’equipe del Prof. McGeehan aveva scoperto accidentalmente una versione ingegnerizzata dell’enzima PETase in grado di decomporre la plastica in poco tempo.
Nell’attuale studio, invece, si è unito l’enzima PETase all’enzima MHETase attraverso le tecniche dell’ingegneria genetica, dando vita a un super-enzima che può degradare la plastica sei volte più velocemente della PETase da sola. Inoltre, il nuovo enzima riesce a degradare anche un altro tipo di plastica, cioè il PEF (polietilene furanoato).
«Quando abbiamo collegato gli enzimi, in modo piuttosto inaspettato, abbiamo ottenuto un notevole aumento dell’attività. Questa è la direzione giusta verso il tentativo di produrre enzimi più veloci che sono più rilevanti a livello industriale», ha affermato McGeehan. L’enzima da laboratorio funziona a temperatura ambiente e, mentre il deterioramento naturale può richiedere centinaia di anni, il super-enzima è in grado di riconvertire la plastica in pochissimi giorni.
Lo sviluppo del super-enzima è stato possibile grazie all’utilizzo di intensi fasci di raggi X presso la Diamond Light Source ad Harwell, Oxfordshire, al fine di mappare le strutture 3D degli enzimi.
Questi modelli molecolari hanno permesso di realizzare l’enzima potenziato con una maggiore capacità appunto di attaccare la plastica.
Il prossimo obbiettivo dei ricercatori è quello di velocizzare ulteriormente il processo. Secondo McGeehan, proprio la combinazione di approcci diversi potrebbe accelerare il progresso verso un uso commerciale: «Se possiamo creare enzimi migliori e più veloci collegandoli insieme e fornendoli ad aziende come Carbios, lo si potrebbe iniziare a fare entro il prossimo anno o due».
Questo sarebbe molto importante dal punto di vista ambientale se si vuole ridurre l’inquinamento dovuto all’uso eccessivo di plastica. Anzi, ciò potrebbe avviare un processo virtuoso, indirizzando l’umanità verso un’economia della plastica circolare e sostenibile.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-10 20:23:00 | 91.208.130.86