AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
UNIONE EUROPEA
2 gior
Una tecnologia laser per proteggere dai fulmini le strutture sensibili
Un progetto dell’UE intende impiegare un parafulmine laser per controllare i punti colpiti dai fulmini
FRANCIA
4 gior
Iniziata la costruzione del più grande reattore a fusione nucleare del mondo
Ha preso il via nel sud della Francia la fase di assemblaggio dell’impianto a fusione nucleare che sarà attivo dal 2025
STATI UNITI
1 sett
Topi messi in animazione sospesa: funzionerà anche per gli esseri umani?
Scoperto nel cervello dei topi la chiave dell’ibernazione: questo potrebbe consentire i viaggi spaziali di lunga durata
SINGAPORE
1 sett
Produrre energia solare dall’ombra
Sviluppato un prototipo in grado di sfruttare i contrasti tra le zone d’ombra e quelle illuminate per generare energia
REGNO UNITO
1 sett
Uno spettacolare jetpack per soccorsi rapidi in montagna
In Inghilterra un jetpack ha permesso a un paramedico di raggiungere il luogo dell’incidente in soli 90 secondi
STATI UNITI
1 sett
Hyperloop, effettuato il primo test con persone a bordo
Nel deserto del Nevada il treno supersonico della Virgin ha trasportato per la prima volta dei passeggeri umani
SPAZIO
2 sett
Impianti fotovoltaici spaziali: una possibile soluzione per il futuro?
Testata l’antenna PRAM per studiare la possibilità di trasmissione dell’energia solare sulla Terra tramite microonde
STATI UNITI
2 sett
Ecco Flippy Roar, lo chef robot
Una startup californiana ha sviluppato un efficiente robot da fast food per ottimizzare il lavoro in cucina
REGNO UNITO
3 sett
Il super-condensatore che potrebbe rivoluzionare il sistema di stoccaggio dell’energia
Un team di ricercatori ha usato un materiale polimerico che accumula quantità di energia fino a 10.000 volte superiori
STATI UNITI
14.11.2020 - 08:000

Un super-enzima in grado di divorare la plastica

Gli scienziati hanno creato in laboratorio un super-enzima che degrada la plastica a una velocità incredibile

È noto ormai che il pianeta Terra, e soprattutto gli oceani, sono ricoperti da una quantità enorme di plastica. Trovare un modo per smaltirla in modo pulito, magari scomponendola nelle sue molecole elementari così che sia meno dannosa per l'ambiente, è una questione che attira sempre di più l’attenzione da parte degli scienziati.
Di recente, sulla rivista scientifica americana Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS), è stato pubblicato un articolo riguardante la scoperta di un super-enzima in grado appunto di degradare la plastica ad una velocità davvero incredibile. Lo studio è stato condotto da un team di 21 scienziati guidati dal Prof. John McGeehan, direttore del Centre for Enzyme Innovation (CEI) dell’Università di Portsmouth, insieme al collega americano, il Dr. Gregg Beckham.
L’incredibile scoperta riguarda un enzima di seconda generazione che è stato progettato collegandone due separati, chiamati PETase e MHETase, entrambi trovati nell’insetto mangia-plastica (Ideonella sakaiensis) rinvenuto in un sito di rifiuti giapponese nel 2016. A dire il vero, già nel 2018 l’equipe del Prof. McGeehan aveva scoperto accidentalmente una versione ingegnerizzata dell’enzima PETase in grado di decomporre la plastica in poco tempo.
Nell’attuale studio, invece, si è unito l’enzima PETase all’enzima MHETase attraverso le tecniche dell’ingegneria genetica, dando vita a un super-enzima che può degradare la plastica sei volte più velocemente della PETase da sola. Inoltre, il nuovo enzima riesce a degradare anche un altro tipo di plastica, cioè il PEF (polietilene furanoato).
«Quando abbiamo collegato gli enzimi, in modo piuttosto inaspettato, abbiamo ottenuto un notevole aumento dell’attività. Questa è la direzione giusta verso il tentativo di produrre enzimi più veloci che sono più rilevanti a livello industriale», ha affermato McGeehan. L’enzima da laboratorio funziona a temperatura ambiente e, mentre il deterioramento naturale può richiedere centinaia di anni, il super-enzima è in grado di riconvertire la plastica in pochissimi giorni.
Lo sviluppo del super-enzima è stato possibile grazie all’utilizzo di intensi fasci di raggi X presso la Diamond Light Source ad Harwell, Oxfordshire, al fine di mappare le strutture 3D degli enzimi.
Questi modelli molecolari hanno permesso di realizzare l’enzima potenziato con una maggiore capacità appunto di attaccare la plastica.
Il prossimo obbiettivo dei ricercatori è quello di velocizzare ulteriormente il processo. Secondo McGeehan, proprio la combinazione di approcci diversi potrebbe accelerare il progresso verso un uso commerciale: «Se possiamo creare enzimi migliori e più veloci collegandoli insieme e fornendoli ad aziende come Carbios, lo si potrebbe iniziare a fare entro il prossimo anno o due».
Questo sarebbe molto importante dal punto di vista ambientale se si vuole ridurre l’inquinamento dovuto all’uso eccessivo di plastica. Anzi, ciò potrebbe avviare un processo virtuoso, indirizzando l’umanità verso un’economia della plastica circolare e sostenibile.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-02 19:02:35 | 91.208.130.87