AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
UNIONE EUROPEA
1 gior
SuperTwin, l’innovativo microscopio che sfrutta la fisica quantistica per osservare i virus
Il progetto finanziato dall’UE intende superare il limite di risoluzione di 250 nanometri dei microscopi ottici attuali
REGNO UNITO
2 gior
Creato il primo robot-scienziato
Si tratta di un robot chimico che in una settimana ha fatto già oltre 600 esperimenti e impara dal proprio lavoro
RUSSIA
4 gior
L’Intelligenza Artificiale che analizza la personalità in base alle foto
Un team di ricercatori ha sviluppato un’AI che identifica i tratti psicologici di una persona a partire dai selfie
STATI UNITI
1 sett
E-Skin, il dispositivo indossabile del futuro
Si tratta di una “pelle elettronica” che misura i parametri vitali e usa il sudore come biocarburante
PAESI BASSI
1 sett
Airbus punta sul primo aereo ad idrogeno
La compagnia ha presentato tre concept di aerei commerciali alimentati ad idrogeno che solcheranno i cieli entro il 2035
SPAZIO
1 sett
Le incredibili immagini della nascita di un pianeta
Grazie allo strumento Sphere gli astronomi hanno fotografato per la prima volta nella storia la nascita di un pianeta
AvanTI
1 sett
Omaggi aziendali per Natale: dal Ticino un'idea originale e intelligente
Per ogni regalo verrà piantato un albero nella foresta amazzonica. Ma non solo…
STATI UNITI
2 sett
Dal PET agli elettrodi per batterie: scoperta una nuova tecnica per il riciclo della plastica
Sviluppata una tecnologia che sfrutta le microonde per trasformare il PET in materiali utili all’accumulo energetico
STATI UNITI
2 sett
Persone affette da cecità riescono a “vedere” grazie a un impianto cerebrale
Sviluppato un impianto cerebrale che consente alle persone non vedenti e ipovedenti di “vedere” la forma delle lettere
STATI UNITI
2 sett
Speciali pinzette ottiche per afferrare singole molecole
Ingegneri costruiscono pinzette così piccole da poter raccogliere singole molecole e proteine senza danneggiarle
STATI UNITI
25.09.2020 - 06:000

Una “fionda orbitale” per osservare gli oggetti interstellari

Scienziati del MIT stanno sviluppando insieme alla NASA un’idea innovativa per studiare gli oggetti interstellari

Gli oggetti interstellari che attraversano la nostra galassia sono davvero molti, ma altrettanto difficili da studiare perché, di solito, arrivano e se ne vanno molto rapidamente. Ora, un team di scienziati del MIT ritiene di aver trovato un’idea innovativa per ottenere uno sguardo ravvicinato su questi oggetti spaziali. I ricercatori, infatti, stanno sviluppando in collaborazione con la NASA una specie di “fionda orbitale dinamica” per cercare di intercettare queste rocce interstellari.

Gli oggetti interstellari hanno iniziato solo di recente ad attirare l’attenzione dei ricercatori scientifici. In particolare, l’asteroide interstellare chiamato Oumuamua, avvistato per la prima volta nel 2017, e la cometa Comet 2L / Borisov scoperta lo scorso anno dall’astronomo dilettante Gennadiy Borisov, hanno lasciato piuttosto perplessi gli astronomi a causa delle loro forme e traiettorie estremamente insolite. Questi oggetti sono difficili da studiare anche per la loro velocità. La cometa Borisov, ad esempio, viaggiava a 32,2 km/s rispetto al Sole.

Sarebbe bello poter inviare un veicolo spaziale per intercettare e studiare da vicino questi visitatori stellari, ma come ha spiegato Richard Linares, assistente professore nel Dipartimento di Aeronautica e Astronautica (AeroAstro) del MIT, «dovremmo arrivarci molto velocemente e le attuali tecnologie di propulsione sono un fattore limitante». Per tale ragione Linares ha pensato di sviluppare una fionda orbitale costituita da minuscoli satelliti da inviare all’inseguimento degli oggetti interstellari oltre il Sistema Solare. Nel progetto è coinvolta anche la NASA, attraverso il programma NIAC (NASA Innovative Advanced Concepts).

L’idea prende spunto dalle vele solari, che hanno una propulsione basata sulla pressione del vento solare o sulla pressione dei fotoni emessi dal Sole. Utilizzando un materiale sottile, leggero e riflettente per catturarli, proprio come la vela di una barca cattura il vento, i veicoli spaziali possono essere spinti attraverso lo spazio. Anche le vele solari, tuttavia, hanno i loro limiti, sono cioè efficaci se adoperate su veicoli molto leggeri. Linares, quindi, ha pensato a una flotta di satelliti statici ai bordi del nostro Sistema Solare, che avrebbero un rapporto massa-vela-area molto basso.

Questi veicoli, che Linares ha chiamato “statiti”, essendo fermi avrebbero velocità iniziale pari a zero e manterrebbero le proprie posizioni fino a quando non verrebbero rilevati oggetti interstellari in arrivo. Come ha infatti dichiarato il professore del MIT, «una volta rilasciato, l’energia immagazzinata nella vela solare sfrutterebbe l’attrazione gravitazionale del Sole per lanciare lo statite in una traiettoria di caduta libera verso l’ISO, permettendogli di raggiungerlo».

Nel caso le cose andassero bene, il veicolo spaziale potrebbe inviare un nano-satellite per orbitare attorno all’oggetto interstellare e raccogliere con i suoi sensori informazioni su di esso.

Il NIAC ha già approvato la Fase Uno e ora il team di ricerca ha nove mesi per elaborare il progetto e capire se è fattibile. In caso di risultati positivi, il NIAC potrà approvare un’ulteriore Fase Due e quindi implementare lo studio dell’eventuale Fase Tre. Ciò darebbe agli scienziati più tempo per sviluppare al meglio il loro piano per studiare i misteriosi oggetti interstellari.

AvanTi
Guarda le 3 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-27 22:25:41 | 91.208.130.85