AvanTi
ULTIME NOTIZIE AvanTI
FOTO
ISLANDA
1 gior
Entrato in funzione Orca, il più grande impianto al mondo per la cattura della CO2
Realizzato in Islanda, potrà assorbire circa 4.000 tonnellate di CO2 ogni anno, pari alle emissioni di 870 auto.
FOTO
STATI UNITI
6 gior
In arrivo un futuristico drone-bus per collegamenti tra città
Una startup americana ha sviluppato un autobus volante in grado di trasportare 40 passeggeri da una città all’altra.
FOTO
CINA
1 sett
Svelata la turbina eolica più grande del mondo
È dotata di pale lunghe 118 metri, una potenza di 16 MW e sarà in grado di generare 80.000 MWh di elettricità l’anno.
REGNO UNITO
1 sett
Creato in laboratorio il primo batterio inattaccabile dai virus
Il batterio sintetico blocca l’infezione all’origine e potrebbe essere usato per creare farmaci ad ampio spettro.
FOTO
STATI UNITI
1 sett
Il cristallo temporale è realtà
Secondo una recente ricerca il computer quantistico di Google avrebbe creato un “cristallo temporale”
FOTO
STATI UNITI
2 sett
Nüwa City: la futura capitale di Marte
Presentato un ambizioso progetto di una città sostenibile e autosufficiente per 250mila persone sul Pianeta Rosso.
INDIA
2 sett
Ecco le bottiglie di carta che sostituiranno la plastica
Una startup indiana ha sviluppato un innovativo materiale che può essere usato negli imballaggi di prodotti liquidi
STATI UNITI
2 sett
Raccogliere energia wireless sfruttando le reti 5G
Creata un’innovativa carta per la raccolta di microonde che può trasformare i sistemi 5G in reti elettriche senza fili
EUROPA
22.06.2020 - 06:000

Energia pulita e sostenibile grazie a un’ala gonfiabile

Un progetto finanziato dall’UE punta ad abbattere i costi di produzione dell’energia eolica e aumentarne l’efficienza

L’idea è alquanto semplice ma allo stesso tempo davvero geniale: sostituire le attuali pale eoliche con degli “aquiloni”, o meglio, con ali gonfiabili connesse a terra a un generatore a tamburo tramite un cavo in plastica ad elevate prestazioni. Si tratta di un progetto finanziato dall’Unione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020 con lo scopo di abbattere i costi di produzione, trasporto e funzionamento dell’energia eolica, aumentandone al contempo produzione ed efficienza.

Al progetto partecipano diverse realtà industriali e accademiche francesi, tedesche e olandesi, con a capo l’Università di Delft. Il sistema è stato già messo a punto e testato a partire dal 2017. È così facile da utilizzare che richiede appena una giornata di apprendimento da parte degli operatori.

Questo aquilone volante, poi, adopera solo il 10% del materiale necessario per una turbina eolica.

«E poiché l’intero sistema si inserisce in un piccolo contenitore per il trasporto e il generatore è a terra, è più facile da installare e manutenere», ha spiegato il ‎coordinatore del progetto Roland Schmehl, della Delft University of Technology.

L’aquilone lavora in “cicli di pompaggio”: in una prima fase decolla, salendo fino alla massima altezza consentita, in veloci manovre trasversali alla direzione del vento. Così facendo l’aquilone tira con forza il cavo a cui è connesso, azionando in tal modo il generatore a tamburo. Una volta raggiunta l’altezza massima, l’aquilone viene recuperato per essere quindi rilasciato nuovamente.

Le ali in sviluppo potranno volare fino a 500 metri di altezza, dove i venti sono molto più forti, così da sfruttare con la massima efficienza tutta l’energia dei venti, diminuendo allo stesso tempo i costi e l’impatto ambientale rispetto alle attuali pale eoliche.

Il lancio commerciale di questo innovativo sistema dovrebbe avvenire molto presto e inizialmente si punterà a servire le comunità più isolate che non sono connesse alla rete elettrica principale.

Non a caso, proprio nel 2017 era stato già finanziato un primo progetto pilota capace di produrre fino a 100 kW, cioè una quantità di energia sufficiente ad alimentare circa 200 piccole abitazioni.

Inoltre, a differenza delle pale eoliche, l’ala gonfiabile si è rivelata essere una soluzione abbastanza silenziosa, visivamente discreta e non pericolosa per i volatili.

Al momento i ricercatori stanno raccogliendo ulteriori dati per cercare di definire con più precisione l’impatto ambientale del dispositivo. Intanto, Schmehl e due suoi colleghi, amministratori delegati rispettivamente di uno spin-off della Delft University e di un consorzio di cinque aziende partecipanti alla ricerca, ne hanno depositato il brevetto in Olanda, avviando il processo anche per un brevetto europeo, con l’obbiettivo di farsi trovare pronti per il mercato già entro la fine di quest’anno.

AvanTi
Guarda le 4 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-28 16:16:26 | 91.208.130.85