Segnala alla redazione
Avanti
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
14 ore
Provato a New York il primo servizio di navette a guida autonoma
La start-up Optimus Ride ha sperimentato l’utilizzo di sei veicoli a guida autonoma nel distretto industriale di Brooklyn Navy Yard
STATI UNITI
3 gior
Costruito il primo acceleratore di particelle in miniatura
Un team di ricercatori è riuscito a dimostrare la possibilità di accelerare fasci di elettroni in un canale nanoscopiche ricavato in un
STATI UNITI
6 gior
Il drone a guida autonoma cinese EHang ha potuto solcare i cieli americani
Il velivolo autonomo cinese che potrebbe rivoluzionare la mobilità urbana ha compiuto per la prima volta un test sperimentale nei cieli della North Carolina, negli Stati Uniti
FINLANDIA
1 sett
Sviluppato un nuovo tipo di materiale che in futuro potrebbe sostituire la plastica
Un team di ricercatori finlandesi ha ideato un nuovo materiale basato su fibra di legno e seta di ragnatela con una resistenza e rigidità superiori a quelli sintetici e naturali oggi in commercio
DANIMARCA
1 sett
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
2 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
2 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
STATI UNITI
3 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
1 mese
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
GERMANIA
1 mese
Gli aerei a guida autonoma diventano realtà e potrebbero decollare già nei prossimi anni
Una tecnologia di visione artificiale insieme a un sistema di guida autonoma hanno permesso a un aereo di trovare la pista di atterraggio e toccare terra senza l’ausilio di un pilota umano
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 mese
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 mesi
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 mesi
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
KENYA
03.01.2020 - 18:330

Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici

Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo

Oltre 2 miliardi di persone nel mondo non hanno accesso al credito o non hanno un conto corrente bancario. Il problema è principalmente infrastrutturale in quanto, soprattutto nei paesi più poveri, i costi per costruire e mantenere aperte delle filiali bancarie eccedono il valore che queste possono generare. Tale fattore contribuisce enormemente alla persistenza di uno stato di povertà cronico nelle fasce più basse della popolazione dei cosiddetti paesi in via di sviluppo.
Oggi, grazie alle nuove tecnologie questa situazione sta per fortuna cambiando. In primo luogo, si può considerare ad esempio il fatto che la maggior parte delle persone che non ha una storia creditizia e non riesce ad accedere a un conto bancario, allo stesso tempo dispone di un telefono cellulare. Il più grande mercato mondiale di telefonia mobile, infatti, è costituito da persone “unbanked”, ovvero senza alcun posto dove conservare il proprio denaro. Ciò ha permesso di affrontare, in diverse zone del globo, una delle più grandi questioni economiche a livello internazionale: la microfinanza.
Già nel 2002, al Summit Mondiale per lo Sviluppo Sostenibile, il dirigente di Vodafone Nick Hughes cercò di convincere le grandi multinazionali ad aiutare le nazioni più povere stanziando del denaro per la ricerca di idee definite ad alto rischio e ad alta ricompensa. La proposta fu accolta da un funzionario del Department for International Development del Regno Unito, presente al Summit. Il
Dipartimento, a tal proposito, aveva iniziato già da diverso tempo a prestare attenzione all’uso che veniva fatto in alcune parti del mondo dei telefoni cellulari.
In effetti, soprattutto in alcune zone dell’Africa, le persone utilizzavano i minuti del traffico del proprio cellulare come se fosse una vera e propria moneta, scambiandoli con beni e servizi che normalmente richiederebbero del contante. Il funzionario in questione, scrutando in questo del potenziale e, soprattutto, avendo un milione di dollari da investire, fece a Hughes una proposta altrettanto inusuale, ovvero sostenne che il Dipartimento britannico era pronto a sovvenzionare un progetto pilota se Vodafone avesse accettato di co-finanziarlo.
Dal momento che prendere in prestito del denaro è uno dei maggiori problemi che devono affrontare le persone unbanked, la loro idea iniziale di progetto pilota si focalizzava appunto sulla microfinanza. Utilizzare un determinato microcredito per comprare una mucca, una macchina da cucire o una motocicletta, vale a dire i costi di avvio per una piccola impresa, rappresenta spesso l’inizio della fine del ciclo della povertà per migliaia di persone. Dando quindi a queste la possibilità di prelevare e rimborsare il loro prestito tramite i minuti del telefono cellulare, il Dipartimento prevedeva di poter avviare l'imprenditoria nei paesi che ne avevano maggiormente bisogno.

Il risultato di questa collaborazione è stato la nascita del servizio M-Pesa, avviato in Kenya nel 2007, attraverso il quale gli utenti della rete mobile possono trasferire denaro tra loro. Il termine deriva appunto dall’unione delle parole “Mobile” e “Pesa”, che in swahili significa denaro. In assenza di filiali bancarie e di postazioni ATM, M-Pesa si fonda su un antica tecnologia, ovvero le persone. In questo senso, tramite M-Pesa i singoli agenti possono vendere il tempo di trasmissione del cellulare nei mercati locali, negoziando minuti per soldi e viceversa. I clienti caricano il tempo di trasmissione sulla propria carta SIM, quindi sul loro cellulare, trasformando i minuti in denaro, che a sua volta può essere inviato ad altre persone tramite messaggio di testo.
Il microcredito da così avvio ad un processo che le rimesse poi trasformano in forza. Poter traferire soldi senza commissioni bancarie, infatti, consente ai lavoratori delle città di inviare denaro ai parenti nelle campagne, con un risparmio per entrambe le parti del 12% dei costi addebitati da compagnie come ad esempio Western Union. Per capire l’importanza di questo innovativo processo basti pensare che otto mesi dopo l’avvio del servizio, un milione di kenioti stava usando M-Pesa. Oggi, viene utilizzato da quasi l’intera nazione. Inoltre, secondo una ricerca condotta dal MIT, M-Pesa ha aiutato il 2% della popolazione del Kenya, cioè circa 200 mila persone, ad uscire da una situazione di povertà estrema.
E questo non è accaduto solo in Kenya. M-Pesa, infatti, oggi fornisce servizi bancari ad oltre 30 milioni di persone in 10 differenti nazioni. In Afghanistan è utilizzato per pagare l’esercito, in India le pensioni, e in alcuni paesi è diventato un mezzo usato dai governi per arginare il problema della corruzione endemica. E non è solo M-Pesa ad offrire tali servizi. In Bangladesh, ad esempio, BKash è utilizzato da oltre 23 milioni di utenti, mentre in Cina Alipay da quasi 1 miliardo. Più di 500 milioni di utenti, inoltre, adopera “Ant Forest”, che consente di guadagnare punti che possono poi essere riscattati per far si che vengano piantati veri alberi nel mondo reale.
Grazie alla tecnologia, dunque, il sistema economico mondiale si sta rivoluzionando. Le banche, che in questo sistema occupano uno spazio rilevante, stanno vedendo ridimensionato il loro ruolo.
Un esempio formidabile di tale processo di trasformazione viene fornito dalla blockchain. Con la blockchain, infatti, poiché la fiducia è integrata nel sistema, il sistema non è più necessario. Si prenda il caso di uno scambio azionario, dove vi sono un compratore, un venditore, una serie di banche che detengono i loro soldi, la stessa borsa, le stanze di compensazione, ecc. In sostanza, circa una decina di intermediari. Bene, la blockchain rimuove ognuno di questi, tranne il venditore e il compratore. Il risultato è che, oggi, ogni grande banca si sta riversando nella blockchain, così come i migliaia di imprenditori che utilizzano la blockchain per disgregare queste stesse banche.
In definitiva, queste rivoluzionarie valute e forme di scambio che emergono grazie alle nuove tecnologie stanno dando il via a un sistema di rete e di relazioni in grado di rompere le gerarchie.
La blockchain eliminerà pian piano gli intermediari finanziari, detentori della fiducia nelle transazioni, poiché sarà la rete stessa a verificare le transazioni che una volta richiedevano gerarchie bancarie. I nostri soldi saranno rimpiazzati da bits e bytes, andando dai minuti del cellulare alle criptomonete. Queste nuove valute, allora, non solo contribuiranno a far uscire dalla povertà i paesi in via di sviluppo, ma potrebbero anche stravolgere le economie delle nazioni sviluppate.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 20:44:15 | 91.208.130.89