Segnala alla redazione
Avanti
+1
ULTIME NOTIZIE AvanTI
STATI UNITI
11 ore
Online il primo progetto al mondo di reattore nucleare open source
L’Energy Impact Center ha lanciato il primo progetto open source al mondo per la progettazione di centrali nucleari
STATI UNITI
2 gior
Droni controllati dai soldati tramite le onde cerebrali
Il Pentagono vuole costruire una tecnologia che dia ai soldati la possibilità di guidare con la mente i droni militari
FOTO E VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Sensori per dispositivi indossabili più resistenti grazie al kirigami e al grafene
La tecnica del kirigami applicata al grafene permette ai dispositivi di conformarsi meglio ai movimenti del corpo
GIAPPONE
1 sett
Robot e avatar: il futuro dei viaggi in telepresenza
La compagnia aerea All Nippon Airways ha svelato i robot che fungeranno da avatar per viaggiare al posto nostro
CINA
1 sett
L’Intelligenza Artificiale in campo contro il virus Covid-19
Alibaba ha sviluppato un sistema di Intelligenza Artificiale che esegue il test per il coronavirus in soli 20 secondi
STATI UNITI
1 sett
In arrivo HARP, la super stampante 3D
Gli scienziati americani hanno costruito una stampante 3D capace di creare in due ore oggetti grandi come una persona
VIDEO
GERMANIA
2 sett
H-1: il robot dalla pelle sensibile come quella umana
Grazie a una pelle di ispirazione biologica H-1 può avere una migliore interazione con l’uomo e l’ambiente esterno
STATI UNITI
2 sett
Contaminare Marte con microrganismi per dare avvio alla colonizzazione
Alcuni scienziati propongono di contaminare Marte con microbi terresti per creare l’ambiente adatto a colonizzarlo
BELGIO
24.11.2019 - 15:280

Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti

Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone

Thomas è il nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea per creare le officine industriali del futuro, in cui vi saranno robot autonomi, mobili, in grado di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e anche con gli esseri umani tramite il ragionamento.
Il presupposto di tale progetto è che nelle fabbriche e nei poli produttivi la presenza di bracci robotici e sistemi automatizzati di produzione sarà sempre più massiva, ma ad oggi i robot industriali sono abbastanza limitati nelle loro capacità e non sono in grado di collaborare tra loro.
Per questa ragione, i ricercatori di Grecia, Francia, Germania, Spagna e Lussemburgo stanno lavorando per concretizzare entro il 2020 un’idea che sarà indispensabile nel medio periodo, cioè fare in modo che i robot collaborino.
Nello specifico, con il progetto Thomas i ricercatori stanno cercando di creare un ambiente di lavoro dinamicamente riconfigurabile, utilizzando robot autonomi, mobili, a due bracci. Questi robot dovranno essere estremamente precisi e coerenti nel tempo come la maggior parte di quelli attuali, ma in più dovranno saper gestire eventi imprevisti, come l’introduzione nella linea produttiva di prodotti nuovi o modificati, mantenendo la stessa efficienza.
Proprio in questo senso dovrà essere applicato il concetto di dinamicità riconfigurabile. I robot, infatti, non dovranno essere ogni volta modificati, riassemblati o sostituiti. L’idea sembra certamente fantasiosa, ma concretamente realizzabile se si pensa alle Intelligenze Artificiali, alle reti neurali e all’apprendimento profondo che già oggi stanno portando avanti un nuovo concetto di robot e di sistemi automatizzati.
Un altro obbiettivo importante che il progetto Thomas intende perseguire riguarda la mobilità, una caratteristica fondamentale per i siti produttivi. Si sta infatti cercando di creare robot che possano muoversi, e possano farlo automaticamente, usando i propri sensori e quelli degli altri robot per percepire l’ambiente circostante e muoversi senza recare danni. Ciò permetterebbe loro anche di eseguire più operazioni. Inoltre, se tutti questi robot sapessero regolare automaticamente il loro comportamento per condividere o riallocare le attività, si potrebbe ottenere un’efficienza altissima.
Infine, ma non meno importante, si sta lavorando affinché questi robot siano in grado di collaborare con gli esseri umani. In effetti, se i robot avessero vere e proprie capacità cognitive potrebbero rilevare il personale umano presente nello spazio di lavoro e comprendere le loro intenzioni. Questo nuovo modello di officine industriali sarebbe l’ideale per alcuni settori produttivi molto redditizi come ad esempio quello automobilistico e aeronautico.

Avanti
Guarda le 4 immagini
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-30 22:13:00 | 91.208.130.85