Segnala alla redazione
Avanti
+ 1
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
5 gior
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
STATI UNITI
2 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Gli scienziati creano un’Intelligenza Artificiale da una lastra di vetro
I ricercatori dell’Università del Wisconsin-Madison hanno trovato il modo per creare vetri artificialmente intelligenti che funzionano senza il bisogno di sensori, circuiti e persino dell’elettricità
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Il serpente robot che potrebbe rivoluzionare gli interventi di neurochirurgia
La nuova tecnologia messa a punto dai ricercatori del MIT consiste in un filo per procedure endovascolari rivestito in idrogel e controllato magneticamente che riduce i rischi per medici e pazienti
BELGIO
24.11.2019 - 15:280

Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti

Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone

Thomas è il nuovo progetto finanziato dalla Commissione Europea per creare le officine industriali del futuro, in cui vi saranno robot autonomi, mobili, in grado di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e anche con gli esseri umani tramite il ragionamento.
Il presupposto di tale progetto è che nelle fabbriche e nei poli produttivi la presenza di bracci robotici e sistemi automatizzati di produzione sarà sempre più massiva, ma ad oggi i robot industriali sono abbastanza limitati nelle loro capacità e non sono in grado di collaborare tra loro.
Per questa ragione, i ricercatori di Grecia, Francia, Germania, Spagna e Lussemburgo stanno lavorando per concretizzare entro il 2020 un’idea che sarà indispensabile nel medio periodo, cioè fare in modo che i robot collaborino.
Nello specifico, con il progetto Thomas i ricercatori stanno cercando di creare un ambiente di lavoro dinamicamente riconfigurabile, utilizzando robot autonomi, mobili, a due bracci. Questi robot dovranno essere estremamente precisi e coerenti nel tempo come la maggior parte di quelli attuali, ma in più dovranno saper gestire eventi imprevisti, come l’introduzione nella linea produttiva di prodotti nuovi o modificati, mantenendo la stessa efficienza.
Proprio in questo senso dovrà essere applicato il concetto di dinamicità riconfigurabile. I robot, infatti, non dovranno essere ogni volta modificati, riassemblati o sostituiti. L’idea sembra certamente fantasiosa, ma concretamente realizzabile se si pensa alle Intelligenze Artificiali, alle reti neurali e all’apprendimento profondo che già oggi stanno portando avanti un nuovo concetto di robot e di sistemi automatizzati.
Un altro obbiettivo importante che il progetto Thomas intende perseguire riguarda la mobilità, una caratteristica fondamentale per i siti produttivi. Si sta infatti cercando di creare robot che possano muoversi, e possano farlo automaticamente, usando i propri sensori e quelli degli altri robot per percepire l’ambiente circostante e muoversi senza recare danni. Ciò permetterebbe loro anche di eseguire più operazioni. Inoltre, se tutti questi robot sapessero regolare automaticamente il loro comportamento per condividere o riallocare le attività, si potrebbe ottenere un’efficienza altissima.
Infine, ma non meno importante, si sta lavorando affinché questi robot siano in grado di collaborare con gli esseri umani. In effetti, se i robot avessero vere e proprie capacità cognitive potrebbero rilevare il personale umano presente nello spazio di lavoro e comprendere le loro intenzioni. Questo nuovo modello di officine industriali sarebbe l’ideale per alcuni settori produttivi molto redditizi come ad esempio quello automobilistico e aeronautico.

Avanti
Guarda le 4 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-08 16:26:58 | 91.208.130.86