Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
DANIMARCA
4 gior
Due chip hanno comunicato per la prima volta attraverso il teletrasporto quantistico
Gli scienziati di due università grazie al fenomeno dell’entanglement quantistico hanno teletrasportato un’informazione tra due chip senza alcun tipo di collegamento fisico e senza limiti di distanza
ARABIA SAUDITA
1 sett
L’Arabia Saudita sta progettando di costruire la città del futuro
Sarà estesa quasi quanto il Belgio e si chiamerà Neom, la smart city più grande al mondo con taxi volanti, camerieri robot, pioggia nei periodi di siccità e persino una luna artificiale
STATI UNITI
1 sett
Cosa accadrebbe se esistesse un dispositivo tecnologico in grado di creare qualsiasi cosa?
Il nano-fabbricatore, la macchina teorica che produce qualunque cosa manipolando la materia a livello degli atomi, potrebbe rivoluzionare per sempre il mondo e la società umana così come li conosciamo
KENYA
2 sett
Le monete del futuro: ovvero nuove forme di scambio per nuovi sistemi economici
Grazie alla tecnologia, l'emergere di valute completamente nuove che aprono l'accesso all'imprenditorialità e alla mobilità verso l'alto è già realtà in alcune economie in via di sviluppo
STATI UNITI
2 sett
Le batterie al litio del futuro saranno più leggere, più sicure ed economiche
Uno studio americano ha sviluppato una nuova promettente tecnica per realizzare batterie al litio con materiali più economici, facili da reperire e ugualmente sicuri
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Toybox: la stampante 3D per bambini che consente di realizzare giocattoli
È da poco entrata in commercio la stampante 3D appositamente progettata per i bambini con un’interfaccia user-friendly che ha una vasta gamma di giocattoli tra cui scegliere
VIDEO
STATI UNITI
3 sett
Mini Cheetah, il robot quadrupede del MIT in grado di fare acrobazie
La nuova versione del robot quadrupede Mini Cheetah sviluppata dai ricercatori del Massachusetts Institute of Technology è ora capace di eseguire movimenti davvero straordinari
STATI UNITI
4 sett
Colonizzare Marte in futuro potrebbe essere possibile grazie a un materiale chiamato aerogel
Una sperimentazione effettuata da alcuni ricercatori di Harvard e della NASA con un materiale simile al polistirolo ma composto al 99% di aria potrebbe consentire di “terraformare” il Pianeta Rosso
GERMANIA
1 mese
Gli aerei a guida autonoma diventano realtà e potrebbero decollare già nei prossimi anni
Una tecnologia di visione artificiale insieme a un sistema di guida autonoma hanno permesso a un aereo di trovare la pista di atterraggio e toccare terra senza l’ausilio di un pilota umano
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 mese
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 mese
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 mese
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
1 mese
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
2 mesi
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
STATI UNITI
18.10.2019 - 06:000
Aggiornamento : 09:29

Un nuovo studio dimostra che i farmaci potrebbero portare indietro l’età biologica

Dopo decenni di ricerche ecco la prima prova promettente che un cocktail di farmaci potrebbe invertire l’orologio epigenetico, una misura dell’età e della salute biologica dell’uomo

Nel film “Il curioso caso di Benjamin Button” il protagonista interpretato da Brad Pitt nasce anziano per poi ringiovanire e diventare bambino. Nessuno vorrebbe nascere già vecchio, certo, ma se fosse possibile ringiovanire, portando indietro l’età biologica? La risposta a questa domanda è stata data da alcuni ricercatori americani che avrebbero ringiovanito di 2 anni e mezzo l’età biologica di individui sani, con segni di ringiovanimento anche nel loro sistema immunitario.

Che l’età anagrafica non corrisponda all’età biologica è ormai risaputo anche al di fuori della comunità scientifica. Infatti, fattori genetici e fattori ambientali possono far “invecchiare” in modo differente i vari tessuti del nostro corpo. Ciò vuol dire, in poche parole, che se la nostra età anagrafica segue esclusivamente lo scorrere del tempo, la nostra età biologica viene influenzata anche da fattori genetici e ambientali, come ad esempio lo stile di vita. Serve quindi una metodologia che trascenda il tempo e che possa misurare con una certa oggettività l’età dei nostri tessuti in un determinato momento. Ed è qui che entrano in gioco l’epigenetica e “l’orologio epigenetico” teorizzato dal biomatematico Steve Horvath.

L’epigenetica è quella branca della biologia che esamina determinati processi che avvengono a livello del codice genetico. Pur non alterando il codice genetico, imprimono delle modificazioni particolari che inducono o reprimono l’espressione di alcuni geni, alterando così il fenotipo, cioè la manifestazione dell’espressione genetica. Sfruttando le scoperte nel campo dell’epigenetica, Horvath ha proposto un algoritmo che esamina uno dei processi più conosciuti dell’epigenetica, la metilazione del DNA. Attraverso questo algoritmo, dunque, sarebbe possibile fornire una stima molto attendibile dell’età epigenetica del soggetto a cui appartiene il campione di DNA.

Il focus iniziale del nuovo studio, pubblicato su Aging Cell, non erano gli orologi epigenetici bensì il sistema immunitario. Il team di ricerca, infatti, aveva progettato la sperimentazione per qualcosa di diverso, ovvero guardare gli effetti dell'ormone della crescita umano sul timo , la culla del sistema immunitario. Il timo, nello specifico, è una piccola ghiandola situata nel torace, tra i polmoni e lo sterno, che aiuta a nutrire i globuli bianchi immunitari nella loro piena funzione per combattere infezioni e tumori. Il timo è fondamentale per il mantenimento del sistema immunitario ma è fragile in quanto, superata la pubertà, comincia a ridurre la sua massa e con essa la sua funzione. Una rigenerazione del timo, quindi, rinvigorirebbe il sistema immunitario dei soggetti anziani, fornendo un’arma concreta nella lotta a infezioni e tumori.

Lo studio, denominato TRIIM (Thymus Regeneration Immunorestoration and Insulin Mitigation), si basa su una ricerca condotta su un ristretto trial in cui i genetisti dell’Università della California di Los Angeles hanno reclutato nove uomini di etnia caucasica tra i 51 e i 65 anni. Dopo aver misurato l’età biologica dei tessuti del timo con varie metodologie (in primis quella epigenetica di Horvath) all’inizio del trial, hanno sottoposto i partecipanti ad un cocktail composto da ormone della crescita ricombinante umano (rhGH) e, per contrastare gli effetti diabetogeni di questo ormone, a metformina e deidroepiandrosterone (DHEA). Per tutta la durata della sperimentazione, i partecipanti sono stati sottoposti ad esami di routine, valutazioni dell’età biologica del timo e risonanze magnetiche della zona toracica.

Terminato il periodo di studio e raccolti i dati, i risultati sono stati sorprendenti. È stato infatti constatato un miglioramento delle performance da parte del sistema immunitario e una riduzione degli indici di rischio per gran parte delle malattie legate all’età. Inoltre, è stata osservata una riduzione della matrice lipidica (che dopo la pubertà prende fisiologicamente il posto dei tessuti timici) all’interno del timo e addirittura una rigenerazione dei tessuti timici. I ricercatori, in sostanza, sono riusciti a ringiovanire i tessuti dei partecipanti alla sperimentazione tramite la somministrazione del particolare mix di farmaci.

Tali risultati sono stati una sorpresa sia per il Dr. Gregory Fahy dell’Intervene Immune, autore dello studio, che per lo stesso Horvath. In particolare, usando quattro diversi orologi epigenetici, Horvath ha misurato l'età biologica di ciascun partecipante, scoprendo ogni volta che l’orologio si riavviava. L’età epigenetica dei partecipanti era, in media, 1,5 anni più lenta rispetto a quando avevano iniziato per la prima volta il test. Piuttosto che invecchiare, quindi, si verificava un effetto di “ringiovanimento”, e più a lungo prendevano il farmaco, più velocemente i loro orologi epigenetici sembravano riavvolgersi. Inoltre, i ricercatori hanno osservato come questo processo di ringiovanimento continuasse anche dopo sei mesi dall’interruzione della sperimentazione.

Poiché i risultati sono stati così coerenti e duraturi, Horvath è ottimista, nonostante la piccola dimensione del campione. Ci sono anche altre questioni da comprendere, come il funzionamento concreto dei farmaci, ma indipendentemente da ciò gli esiti sono promettenti. L’Intervene Immune sta ora pianificando una sperimentazione più ampia con una popolazione più diversificata, includendo età, gruppi etnici e generi diversi, per valutarne ulteriormente l'efficacia.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-18 16:30:39 | 91.208.130.87