Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
GERMANIA
29.09.2019 - 08:000

Un nuovo esperimento per stabilire una volta per tutte se l’EmDrive è realizzabile

In caso di successo si potrebbe finalmente realizzare un motore in grado di far volare i veicoli spaziali senza l’utilizzo di carburante

L’EmDrive è un ipotetico tipo di propulsione che potrebbe spingere un’astronave senza bisogno di combustibile e sulla cui fattibilità gli scienziati di tutto il mondo stanno dibattendo da circa 20 anni.

Si tratta di qualcosa che sfiderebbe tutte le leggi della fisica, pertanto sembra irrealizzabile. Ma ciò non ha impedito gli scienziati delle principali organizzazioni di ricerca, tra cui la NASA e DARPA, di perseguire tale tecnologia, appunto perché il risultato sarebbe straordinario.

Ora, però, è un team di scienziati tedeschi che si sta apprestando a compiere un nuovo esperimento in grado di stabilire se l’EmDrive sia realizzabile o meno e che potrebbe porre fine al dibattito sul controverso concetto una volta per tutte.

L’idea alla base dell’EmDrive venne formulata nel 2001 dallo scienziato inglese Roger Shawyer, il quale propose di generare propulsione pompando all’interno di una camera conica delle microonde che, rimbalzando, avrebbero fornito l’energia necessaria per spingere un’astronave. Il problema è che ciò si scontrerebbe con la legge di conservazione dell’energia, in quanto è impossibile creare forza dal nulla.

Tuttavia, alcuni ricercatori hanno affermato di essere riusciti a generare una certa spinta nei loro esperimenti EmDrive, anche se la quantità era talmente minima che è stato finora difficile stabilire se il dispositivo stesse effettivamente generando la spinta oppure se questa fosse causata da qualche influenza esterna, come il magnetismo terrestre o le vibrazioni sismiche.

Per chiarire la controversia, è in programma un nuovo esperimento da parte dei ricercatori della Technische Universität di Dresda grazie all’utilizzo di uno strumento super sensibile in grado di misurare la spinta in maniera da non risentire delle interferenze esterne che finora hanno afflitto le altre ricerche. Gli scienziati hanno anche dichiarato che i risultati dell’esperimento sarebbero stati pubblicati ad agosto sulla rivista Acta Astronautica.

In poche parole, proprio in questo periodo potremmo finalmente scoprire se l’astronautica entrerà in una nuova era grazie a questo nuovo straordinario tipo di propulsione.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 19:38:08 | 91.208.130.86