Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
AVANTI
20.09.2019 - 08:000

Le lenti a contatto ad alta tecnologia che fanno lo zoom con due battiti di ciglia

Arriva dai ricercatori dell’Università di San Diego il sistema che mima i movimenti oculari permettendo alle lenti biometriche di rispondere agli impulsi modificando la lunghezza focale

In futuro basterà un movimento dell'occhio per comandare le lenti a contatto e un doppio battito di ciglia per ingrandire automaticamente quello che si sta guardando. È questa la particolarità delle lenti a contatto sviluppate da un team di ricercatori dell’Università di San Diego, che hanno messo a punto un sistema in grado di misurare i segnali elettrooculografici generati dall'occhio in base a movimenti specifici, creando una lente biomimetica che risponde a questo impulso.
La biomimetica consiste nell’osservare un fenomeno biologico e riprodurlo in versione tecnologica ed è alla base dell’invenzione di moltissimi prodotti di uso comune. Anche l’elettrooculografia è una tecnica consolidata, largamente impiegata per la diagnosi di distacco retinico, maculopatie e altro. Consiste nella registrazione dei movimenti oculari durante il sonno, attraverso la misurazione della differenza di potenziale fra cornea e retina. Si esegue con elettrodi e il risultato è un elettrooculogramma.
Jinrong Li e il suo team hanno misurato i segnali elettrooculografici generati quando gli occhi effettuano movimenti specifici, come guardare in alto, in basso, a sinistra, a destra, sbattere le palpebre una e due volte. Usando queste informazioni i ricercatori hanno creato una lente a contatto biomimetica che risponde agli impulsi elettrici. Lo studio che spiega il funzionamento di questa lente innovativa è stato diffuso dalla rivista Advanced functional materials.
Si tratta, in sostanza, di una lente morbida, i cui movimenti e deformazioni sono ottenuti mediante l’attivazione di diverse aree di pellicola di elastomero dielettrico, materiale ampiamente impiegato nella robotica, imitando i meccanismi di funzionamento degli occhi degli umani e della maggior parte dei mammiferi. Il risultato raggiunto è stato quello di modificare la lunghezza focale in base ai segnali prodotti dall’occhio, in poche parole si può zoomare ciò che si sta guardando semplicemente sbattendo le palpebre.
Nello studio gli scienziati hanno spiegato che le lenti, allo stato attuale, rispondono ai segnali elettrici prodotti da movimenti specifici e che il progetto sta proseguendo, con l’obiettivo futuro di applicare questa tecnologia per la creazione di “protesi visive, occhiali regolabili e robotica”. Il lavoro da fare, dunque, è ancora molto, anche perché i ricercatori hanno finora usato elettrodi disponibili in commercio, che sono poco flessibili ed estensibili, e che dovranno quindi essere rimpiazzati da elettrodi sicuramente più adatti a questo tipo di utilizzo.

Guarda le 4 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-10 20:50:22 | 91.208.130.87