Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
AVANTI
15.09.2019 - 08:000

Gli scienziati stanno crescendo piccoli cervelli umani da collegare ai robot

In un laboratorio della Stazione Spaziale Internazionale gruppi di cellule nervose chiamate mini-cervelli si stanno sviluppando in modi che in precedenza gli scienziati non pensavano fosse possibile

 

Secondo un rapporto del New York Times, a 250 miglia dalla terra un migliaio di minuscole sfere di cellule cerebrali stanno navigando nello spazio. I grappoli, chiamati organoidi cerebrali, sono stati cresciuti poche settimane prima nel laboratorio del biologo Alysson Muotri all’Università della California di San Diego. Insieme ai suoi colleghi Muotri ha alterato le cellule della pelle umana in cellule staminali e le ha spinte a svilupparsi come fanno le cellule cerebrali in un embrione. A luglio poi, la NASA ha trasportato gli organoidi a bordo di un razzo e li ha inviati alla Stazione Spaziale Internazionale per vedere come si sviluppano a gravità zero.
Il team ha scoperto che gli organoidi emettono onde cerebrali, schemi complessi di attività neurale, simili a quelli dei bambini prematuri. Gli organoidi, infatti, sono cresciuti in palline delle dimensioni di una testa di spillo, ognuna contenente centinaia di migliaia di cellule in una varietà di tipi, che producono gli stessi segnali chimici ed elettrici delle cellule del nostro cervello. È una scoperta sorprendente che potrebbe costringere gli scienziati a rivedere i limiti dei mini-organi coltivati ​​in laboratorio e le questioni etiche che li circondano.
Muotri, secondo il New York Times, ha collegato i mini-cervelli a dei robot a forma di ragno per leggere la loro attività neurale. Le scoperte potrebbero essere un segno del fatto che gli scienziati si stanno avvicinando alla capacità di generare una vita almeno parzialmente cosciente in laboratorio. «Più ci avviciniamo al suo obiettivo, più è probabile che avremo un cervello in grado di essere senziente e di provare dolore, agonia e angoscia», ha detto Christof Koch, capo scienziato e presidente dell’Allen Brain Institute di Seattle.
Il cervello umano è così complesso che gli scienziati stanno ancora scoprendo molti aspetti di come funziona. Questo è il fascino dei mini-cervelli: sono sfere di neuroni relativamente semplici che simulano alcune caratteristiche del cervello ma sono ben lontane dall’avvicinarsi alla sua capacità. Ma questo nuovo studio, pubblicato su Cell, suggerisce che i mini-cervelli potrebbero essere più complessi di quanto si pensasse in precedenza.
Se queste onde cerebrali sono un segno del fatto che gli organoidi potrebbero essere capaci di coscienza, i neuroscienziati dovranno allora affrontare un grosso dilemma etico, poiché la continua sperimentazione significherebbe potenzialmente creare e distruggere la vita autocosciente, simile all’essere umano. Ma potremmo non esserci ancora, ha avvertito la biologa dell'Università della California del sud Giorgia Quadrato, che non era coinvolta nello studio. «È piuttosto sorprendente. Nessuno sapeva davvero se ciò fosse possibile», ha detto Quadrato al New York Times, prima di chiarire che non ha concluso che i mini-cervelli hanno raggiunto livelli umani di attività.

Guarda le 2 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 15:25:42 | 91.208.130.85