Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
3 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
2 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
3 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
AvanTI
31.07.2019 - 08:000

Vestiti intelligenti che regolano la temperatura del corpo per non soffrire né il caldo né il freddo

Un materiale innovativo sviluppato da alcuni ricercatori potrebbe essere integrato negli indumenti per tenere al caldo o per rinfrescare, controllando la temperatura grazie a un’app per smartphone

Arriva da una ricerca di alcuni scienziati dell’Università della California il materiale dinamico e rivoluzionario, ispirato alle cosiddette “coperte spaziali”, in grado di regolare a piacimento la temperatura corporea.
L’idea proviene delle più note coperte spaziali, i sottili fogli di carta metallizzata che vengono utilizzati dagli astronauti al rientro dalle missioni spaziali, o dagli atleti al termine di particolari sforzi o, ancora, da pazienti traumatici durante il trasferimento in ospedale. L’innovazione apportata dai ricercatori statunitensi è stata quella di modificare le proprietà riflettenti del materiale quando viene allungato. Erica Leung, una delle ricercatrici del progetto, spiega che «essenzialmente, il materiale può agire come una normale coperta spaziale, evitando la dispersione di gran parte del calore prodotto dal corpo. Però se l’utente ha troppo caldo, basta ‘allungare’ il materiale per fare sì che rilasci il calore in eccesso».
Il segreto di questo materiale è costituito dall’impiego di un composto creato usando un rivestimento metallico con nanostrutture ancorate in un supporto polimerico elastico. Allo stato normale il metallo mantiene il calore prodotto dal corpo, ma quando viene stiracchiato il rivestimento metallico si interrompe, esponendo il supporto polimerico e rilasciando il calore. Lo stesso foglio di materiale può essere tirato e rilasciato migliaia di volte prima che mostri segni di deterioramento.
Lo sviluppo ulteriore di tale idea innovativa è quello di adoperare il materiale in vestiti del tutto normali, in modo da poter regolare la temperatura del corpo a piacimento. Leung ha dichiarato che «questo materiale potrebbe essere completamente integrato nell’abbigliamento, con un sistema di attuazione che consente il completo controllo dell’utente attraverso, ad esempio, un’app per lo smartphone».
Il materiale, inoltre, potrebbe essere utilizzato anche nella fabbricazione di tende o, addirittura, nell’isolamento degli edifici. La ricerca, pubblicata sulla rivista Nature Communications, è ancora agli inizi e non c’è da aspettarsi un prodotto commercializzabile in tempi brevi. L’idea, tuttavia, oltre che molto interessante sembra proiettarci in un futuro in cui indosseremo vestiti intelligenti.

Guarda le 4 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-11 10:43:30 | 91.208.130.87