Segnala alla redazione
ULTIME NOTIZIE AvanTI
VIDEO
STATI UNITI
2 gior
Un guanto elettronico riesce a far provare ai portatori di protesi sensazioni simili a quelle umane
I ricercatori della Purdue University hanno creato un guanto elettronico da applicare sulle protesi della mano che consente di far percepire a chi lo indossa temperatura,pressione e altre informazioni
VIDEO
STATI UNITI
6 gior
Gli scienziati creano ologrammi che si possono vedere, toccare e addirittura sentire
Attraverso la tecnica della levitazione acustica, un sistema interattivo produce immagini sospese nello spazio proiettando i colori su piccole sferette che fluttuano nello spazio ad alta velocità
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Orion, l’impianto neurale che riesce a ridare una vista parziale ai non vedenti
Una sperimentazione medica ha permesso a sei pazienti di riacquistare parzialmente la vista grazie a Orion, un dispositivo che trasmette le immagini da una videocamera direttamente al cervello
STATI UNITI
1 sett
Atlas: il robot umanoide che adesso è in grado di eseguire agili movimenti da ginnasta e da parkour
Il nuovo modello di Atlas, il robot punta di diamante della Boston Dynamics, è capace di usare tutte le parti del suo corpo in maniera più armoniosa, facendo salti, capriole e correndo come un’atleta
SVIZZERA
1 sett
Paraplegici tornano a camminare grazie alla neurotecnologia che ricollega il cervello alle gambe
Alcuni ricercatori svizzeri hanno sviluppato una tecnica rivoluzionaria di stimolazione elettrica che permette alle persone che hanno subito una lesione del midollo spinale di tornare a camminare
BELGIO
2 sett
Industrie 2.0 grazie a robot intelligenti che collaborano e risolvono eventi imprevisti
Si chiama Thomas ed è il progetto finanziato dall’UE per sviluppare un nuovo modello di officine industriali con robot capaci di percepire l’ambiente circostante, collaborare tra loro e con le persone
STATI UNITI
2 sett
Una startup sta lanciando un servizio di backup del cervello che tuttavia è fatale per l’uomo
Nectome è un’azienda in grado di preservare il cervello grazie a una soluzione chimica che può mantenere intatto un corpo per centinaia di anni, ma si tratta di una vera e propria eutanasia
COREA DEL SUD
22.07.2019 - 11:110

I risultati delle origini del DNA possono cambiare senza preavviso mentre i siti raccolgono più dati

Le aziende che si occupano di test genetici modificano i risultati man mano che ottengono più informazioni ma ciò può provocare shock per gli utenti

Se si è provato un test di genealogia genetica fai-da-te attraverso una compagnia come ad esempio 23andMe, si potrebbe rimanere molto delusi.
Questo perché, stando a quanto riporta STAT News, l'azienda, man mano che raccoglie un gran numero di dati e apprende di più sulle tendenze genetiche, può aggiornare i risultati del tuo DNA specifico e cambiare il luogo da dove crede che la tua famiglia provenga.
Mentre sembra logico che queste società provino ad ottenere risultati sempre più accurati, i reports mutevoli possono rappresentare uno shock per le persone che hanno utilizzato l’App per capire la propria identità personale e scoprire in seguito che i risultati del test possono cambiare senza preavviso. Proprio come è accaduto all’utente di 23andMe Leonard Kim.
Lo shock per l’utente, a dire il vero, è stato doppio. La prima volta nel 2016 quando Kim, il quale era cresciuto credendo di essere al 100% coreano, ha provato il test genealogico del DNA e ha scoperto di essere quasi per metà giapponese. La seconda volta nel 2019, mentre era fuori a bere con sua moglie e alcuni amici vicino la sua casa di Los Angeles e qualcuno ha messo in dubbio la sua ascendenza giapponese. Così Kim ha preso il telefono e ha consultato il sito web di 23andMe, apprendendo che la sua identità etnica era cambiata. Il sito, che prima gli diceva che era circa al 40% giapponese, ora posizionava questo dato al 5%. E Kim ha scoperto in un istante di essere di nuovo pienamente coreano.
Quella tra Korea e Giappone è una storia di colonizzazione, oppressione culturale e massacri. Ci sono voluti mesi di negazione e ricerca interiore da parte di Kim per accettare un precedente lignaggio giapponese sconosciuto. Apprenderlo è stato tutto uno spreco sentito come un colpo di frusta esistenziale. «Qual è la mia reale identità?» ha dichiarato Kim a STAT News.
E sembra che la storia di Kim non sia l’unica tra milioni di persone che hanno acquistato i test genetici per avere indizi sui loro antenati.
Le società di ascendenza genetica affermano che i loro test possono rivelare informazioni cruciali sulle storie degli utenti. Ciò può dare l'impressione comprensibile che i test genetici siano più decisivi di quanto non lo siano in realtà.
23andMe, da parte sua, chiarisce che i risultati dei test non sono la stessa cosa dell'identità personale, ma ciò non impedisce alle persone di consultarli.

Ingrandisci l'immagine
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 16:53:23 | 91.208.130.87