ULTIME NOTIZIE AvanTI
CANADA
19 ore
La possibilità del viaggio nel tempo senza paradossi
Un nuovo studio ipotizza la possibilità di viaggiare nel passato senza paradossi grazie agli universi paralleli
REGNO UNITO
3 gior
WideSee, la tecnologia wireless per droni per le operazioni di emergenza
Una nuova tecnologia permette di scandagliare gli edifici dall’esterno per rilevare la presenza di persone intrappolate
STATI UNITI
6 gior
Una nuova Intelligenza Artificiale in grado di decodificare l’attività del cervello
Negli Usa si testa un algoritmo che traduce le onde cerebrali in frasi compiute con una precisione del 97 per cento
VIDEO
ZURIGO
1 sett
Il DNA delle cose, ovvero oggetti al cui interno vi sono le istruzioni per realizzarli
Stampato un coniglio in 3D in cui sono inseriti sotto forma di molecole di DNA i dati per creare conigli identici
VIDEO
STATI UNITI
1 sett
Una struttura metallica che respinge l’acqua renderà le navi del futuro inaffondabili
Un team di ricercatori ha sviluppato la struttura metallica superidrofobica che potrebbe rivoluzionare il settore navale
MONDO
1 sett
Per la ripresa economica bisognerebbe puntare sull’idrogeno verde?
Molti esperti e imprenditori stanno premendo affinché si investa sull’idrogeno verde per il periodo post-Covid 19
ZURIGO
1 sett
Il primo cervello “ibrido” connesso tramite internet
Un team di scienziati ha fatto comunicare via internet una rete neuronale formata da elementi biologici e artificiali
STATI UNITI
2 sett
La NASA svela il suo Space Launch System, il razzo più potente mai costruito
Dopo anni di ritardi la NASA ha finalmente mostrato il razzo che riporterà gli astronauti sulla Luna entro il 2024
EMIRATI ARABI
2 sett
L’edificio più grande del mondo stampato in 3D
È stato realizzato a Dubai, con una superficie di 640 metri quadrati, l’edificio stampato in 3D più grande del mondo
STATI UNITI
2 sett
Tesla Cybertruck: come sarà la versione definitiva del pick-up elettrico del futuro
Elon Musk ha svelato su Twitter nuovi particolari rispetto al prototipo mostrato lo scorso novembre
CANTONE
3 sett
Le aziende ticinesi di fronte alla pandemia
Esploriamo i diversi modi in cui i nostri imprenditori stanno (o non stanno) rispondendo alla crisi
STATI UNITI
3 sett
Una turbina che sfrutta le onde del mare trasformandole in energia
OE Buoy è una turbina da 800 tonnellate in grado di catturare le onde del mare e generare energia 100% green
LUGANO
18.08.2017 - 18:060

Imparare una lingua in 3 mesi: funziona davvero?

L'esperienza è fondamentale. Si viaggia, si impara, ci si diverte, si conoscono persone nuove e soprattutto si staccano gli occhi dallo schermo del computer

LUGANO - Da un anno a questa parte sono moltiplicati a dismisura i siti, le app e gli insegnanti che garantiscono l’apprendimento di una lingua straniera in pochissimo tempo, alcuni addirittura in poche settimane. Noi di AvanTi, come nostro uso, siamo stati parecchio incuriositi da questa tendenza e abbiamo cercato di andare un po’ a fondo. In questo articolo non troverete recensioni o anteprime, né tantomeno valutazioni sui singoli metodi. Però qualche spunto di riflessione interessante magari sì.

Parlare una lingua straniera in pochi giorni: cosa hanno in comune.

Per quello che abbiamo potuto vedere (o capire), ciò che hanno in comune la maggior parte dei programmi di apprendimento linguistico rapido è la tecnica di associazione di idee. A una singola parola o frase della lingua straniera viene associata un’immagine, frase o parola in lingua madre che in qualche modo la ricordi, a livello sonoro o concettuale. In realtà questo metodo ha origini lontane: il precursore più celebre è stato Pico della Mirandola poco più di 600 anni fa! Ovviamente nel frattempo ci sono stati aggiornamenti e ottimizzazioni varie, anche attraverso lo sviluppo della moderna psicologia.
Per tornare al punto, pare che funzioni, in misura diversa a seconda delle persone. Una precisazione è doverosa per evitare misunderstanding: non pensate di cominciare a parlare in maniera fluente grazie a una bacchetta magica. Questo tipo di apprendimento consente di imparare espressioni e acquisire la capacità di abbozzare una conversazione, non di tenere una conferenza…

Rapido, rapido: tutta colpa della snack culture.

Sinceramente, non è che proprio ci perdessimo il sonno per scoprire i dettagli dei diversi stratagemmi linguistici. Ciò che più ha catturato la nostra attenzione è stata una domanda: da dove viene l’esigenza di imparare una lingua in 3 settimane?
Cioè, è vero che il mondo va più veloce, che il lavoro è cambiato e che le tempistiche si sono sempre più ristrette, però l’esigenza è davvero così stringente? Secondo noi no. La nuova tendenza dell’apprendimento linguistico rapido non è che l’ennesimo riflesso di quella che qualcuno ha sapientemente chiamato snack culture. La tecnologia ha quasi totalmente eliminato la pazienza: pretendiamo di imparare con la stessa velocità con cui eseguiamo un download, alle e-mail e alle notifiche bisogna rispondere immediatamente, i progetti hanno deadline disumane. Insomma, ci si è dimenticati che purtroppo, velocità non fa rima con qualità, anche se sembra di sì. Chi scrive in questo momento, che ha meno confidenza con il pc di quello che si possa credere, ha un po’ di nostalgia per i tempi in cui all’impara veloce
si preferiva l’impara bene.

Il nostro suggerimento: sostituisci rapido con divertente.

Occhei, detto tutto quello che abbiamo scritto nelle righe sopra, ci tengo a sottolineare che qui nella redazione di AvanTi non siamo bacchettoni, tantomeno poco realisti. E’ naturale che magari una persona di 40 o 50 anni, che non mastica l’inglese, e che la sera dopo il lavoro non ha tempo per piegare la schiena sui libri, deve trovare strade alternative per imparare una lingua straniera, meno impegnative e più adatte al suo profilo. Credo che, nel processo di apprendimento, l’esperienza sia fondamentale, soprattutto se piacevole. Infatti, pare che la memoria funzioni meglio quando è connessa a cose o fatti che ricordiamo con piacere e gioia. Alcuni esempi che abbiamo testato di persona sono delle simpaticissime iniziative promosse da un’associazione no-profit Ticinese: il Centro di Competenze per l’apprendimento delle Lingue (CCAL). Cene, pizzate o aperitivi durante i quali è vietatissimo parlare italiano ma anche viaggi all’estero dove vale la stessa regola e si partecipa a sfide di sopravvivenza quotidiana come riuscire a chiedere un consiglio gastronomico ad un abitante del posto visitato o intavolare una discussione approfondita con uno/a sconosciuto/a.
Si viaggia, si impara, ci si diverte, si conoscono persone nuove e soprattutto si staccano gli occhi dallo schermo del computer.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-29 03:31:00 | 91.208.130.89