deposit
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ATED
20 ore
Digital Entertainment: un’evoluzione che segna la convergenza tra musica, gioco e film
Negli ultimi 30 anni grazie al progresso tecnologico è cambiato il modo di fruire contenuti.
ICT ATED
3 gior
Security Lab è al Visionary Day
L’appuntamento organizzato da ated-ICT Ticino vede Security Lab fra le aziende in prima fila con contenuti e webinar
ATED
5 gior
Quelle competenze digitali che possono fare la differenza
Ce ne sono diverse e nell'attuale scenario lavorativo sono fondamentali, ai Visionary Day un webinar per conoscerle
CANTONE
1 sett
Arrivano i Voxxed Days Ticino Workshops e Devoxx4kids2020
L’appuntamento si terrà tra lunedì 28 settembre e giovedì 8 ottobre
ICT ATED
1 sett
Le influencer fanno squadra
Nascono i primi sindacati di categoria in USA e UK
ICT ATED
2 sett
SwissCovid: un’arma contro il Coronavirus
Per controllare i nuovi focolai sono fondamentali le applicazioni di tracciamento dei contatti tramite i cellulari.
ICT ATED
2 sett
La pirateria digitale attacca i VIP
Una maxi truffa digitale ha colpito gli account di personaggi famosi e di aziende note
ATED
2 sett
La trasformazione digitale è di scena al Visionary Day
Visionary Day ritorna per il secondo anno e anima l’Autunno digitale svizzero
ATED
2 sett
La lettura oggi si ascolta
La nuova frontiera è negli audiolibri e nei podcast con cui fruiamo i contenuti
LUGANO
3 sett
A tutto Moodle
Everest Academy Lugano e ated-ICT Ticino promuovono un corso per imparare a usare la piattaforma Moodle
BELLINZONA
3 sett
Ecco i marchi più importanti al mondo
L'innovazione e la creatività sono fattori chiave per la crescita
ATED
3 sett
Instagram Shopping: ecco cosa cambia
Grazie agli ultimi aggiornamenti, vendere su Instagram diventa molto più pratico e veloce
ATED ITC TICINO
1 mese
Autunno Digitale 2020 si accende con Visionary Day
Digital Transformation, formazione, scambio di conoscenze tra imprese, professionisti e appassionati del mondo digitale
ATED ICT TICINO
1 mese
Segway addio: esce di produzione dopo 19 anni
Doveva rivoluzionare la mobilità personale, ma è stato un flop.
MONDO
1 mese
Al via un fondo da due miliardi per l'energia pulita
Il fondo investirà in società che sviluppano prodotti e tecnologie per la protezione del pianeta
ICT ATED
27.07.2020 - 09:160

Cybersecurity: aziende più preparate, ma rischi sempre alti

Ibm rilascia il “Cyber resilient organization report”

IBM Security ha reso noti i risultati dell’ultimo “Cyber Resilient Organization Report”, condotto a livello globale con Ponemon Institute. Si tratta di uno studio annuale che ha coinvolto oltre 3,400 IT e security manager a livello mondiale e volto a rilevare e analizzare il livello di preparazione delle aziende nei confronti dei rischi legati agli attacchi informatici.

Secondo il report negli ultimi 5 anni è migliorata la capacità di pianificare, rilevare e rispondere agli attacchi informatici ma, contestualmente, è diminuita del 13% quella di fronteggiarli. Lo studio ha anche evidenziato che l’utilizzo di un numero eccessivo di tool di sicurezza e la mancanza di linee guida specifiche per contrastare gli attacchi informatici più diffusi rendono le organizzazioni vulnerabili.

A livello di pianificazione, inoltre, le aziende – che pure hanno capito la rilevanza strategica della cybersecurity per il business – risultano ancora indifese nei confronti di attacchi comuni oltre che verso le minacce emergenti.

Se da un lato è lievemente migliorata la capacità di attuare piani di sicurezza, dall’altro la stragrande maggioranza delle organizzazioni intervistate (74%) dispone di piani inefficaci o non ha alcun piano. Ciò può influire negativamente non solo sulla capacità di fronteggiare gli attacchi, ma anche sui costi. Le aziende che dispongono di piani strutturati e risorse dedicate ed effettuano test periodici, infatti, spendono in media 1,2 milioni di dollari in meno, in caso di violazione dei dati, rispetto a quelle che scelgono di rimanere destrutturate per ridurre i costi.

Queste le principali evidenze dell’ultimo “Cyber Resilient Organization Report”:

 Miglioramento lento: negli ultimi 5 anni molte delle organizzazioni intervistate hanno adottato piani di security strutturati: dal 18% nel 2015 si è passati al 26% nell’ultimo anno, con una crescita complessiva del 44% in 5 anni.

 Manuali di sicurezza: tra le aziende che hanno adottato un piano strutturato, solo un terzo (il 17% del totale) ha anche realizzato manuali specifici con le indicazioni per fronteggiare gli attacchi informatici più diffusi; le stesse risultano meno preparate nei confronti di minacce emergenti, come il ransomware. 

• La complessità ostacola la capacità di contrastare gli attacchi: disporre di troppi tool di security crea complessità. Le organizzazioni che ne utilizzano più di 50 hanno una capacità di rilevare un attacco inferiore dell’8% e una capacità di fronteggiarlo inferiore al 7%. 

• Pianificazione efficace, minori problemi: le aziende che dispongono di piani di sicurezza strutturati hanno meno probabilità di subire interruzioni significative in caso di attacco informatico. Negli ultimi due anni, solo il 39% di queste organizzazioni ha subito un attacco significativo, rispetto al 62% di quelle con piani destrutturati.

Lo studio ha poi analizzato che anche tra le organizzazioni che hanno implementato un piano di cybersecurity strutturato, solo il 33% disponeva di procedure dedicate a specifiche tipologie di minacce. Le procedure più diffuse sono quelle dedicate agli attacchi DDoS (64%) e ai malware (57%), ossia quelli storicamente più comuni, anche l’analisi rivela il ransomware quale minaccia in crescita. E negli ultimi anni proprio gli attacchi ransomware sono infatti aumentati di quasi il 70%, ma ciò nonostante solo il 45% degli intervistati ha dichiarato di disporre di piani specifici volti a contrastare queste nuove minacce.

Indicativo anche il fatto che oltre la metà delle aziende che hanno predisposto piani di sicurezza non li abbia mai aggiornati o non abbia previsto collaudi o verifiche periodiche.

Secondo il 61% degli intervistati disporre di personale qualificato, con competenze specifiche, è un requisito fondamentale per sviluppare resilienza agli attacchi informatici. E il 41% delle organizzazioni ha dichiarato di non essere particolarmente resiliente a causa della mancanza di risorse qualificate.

La tecnologia, infine, è risultata un elemento differenziante nell’aiutare le organizzazioni a essere più cyber-resilienti, soprattutto in presenza di particolari complessità. I due principali fattori abilitanti sono l’opportunità di accesso ad applicazioni e dati (57%) e il ricorso a procedure automatizzate (55%).

CHI È ated – ICT Ticino

ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. Dal suo esordio, ated - ICT Ticino organizza manifestazioni e promuove innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all’innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell’attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino si propone come l’associazione di riferimento nell’ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids e da tutte le sue altre iniziative.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-04 05:21:55 | 91.208.130.85