Ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ICT ATED TICINO
1 gior
I primi 40 anni di Pac Man
Lanciato sul mercato in Giappone nel maggio 1980 è il videogame più popolare di tutti i tempi insieme a Super Mario
ATED
3 gior
I Bachelor SUPSI in Ingegneria gestionale e informatica PAP anche in modalità blended learning
Da settembre una nuova opportunità di formazione universitaria professionale che coniuga studio e lavoro
ATED
5 gior
Da Apple un nuovo aggiornamento IOS contro il Covid-19
Dal contact-tracing al miglioramento del FaceId quando si indossa la mascherina, ecco le novità del sistema operativo Ap
ICT ATED TICINO
1 sett
Google Maps ha compiuto 15 anni
Oltre 1 miliardo di persone gli utilizzatori mensili delle mappe di Google (preCovid), nate a inizio 2005
ATED
1 sett
L’obbligo di comunicazione delle violazioni di sicurezza: da FINMA alla futura Legge federale sulla protezione dei dati
Contributo dell’avv. Gianni Cattaneo, Studio legale CBM (www.cbm-lex.ch)
FOTO
ICT ATED TICINO
1 sett
#Coronavirus: terreno fertile per le mail di phishing
Quali sono gli attacchi più diffusi, come riconoscerli e arginarli?
ATED
2 sett
Introduzione allo sviluppo di videogiochi con Construct 3
Vuoi costruirti da solo un tuo videogame? Trovi nella guida di Michel Palucci le fasi per realizzarlo in autonomia
CANTONE
2 sett
Il #coronavirus spopola sui social
Un'analisi di intarget ha fotografato da dicembre a fine aprile come sui social svizzeri si è parlato della pandemia.
ICT ATED TICINO
2 sett
La tecnologia al servizio del post pandemia
Con DOS Group soluzioni di business complete e affidabili per rinnovare strumenti e processi aziendali
ATED ICT TICINO
3 sett
RSI tra tecnologia e informazione
Maurizio Canetta ci spiega come la pandemia abbia ridefinito il ruolo dei media e della comunicazione di qualità
ATED
3 sett
Il lockdown triplica i nuovi consumatori online in Italia
Sono 2 milioni i nuovi consumatori online in Italia e l’ecommerce è il settore che crescerà di più a livello mondiale
ATED ICT TICINO
3 sett
La notte del racconto (anche) in veste digitale
Podcast per l’ascolto di audiostorie sul sito www.solidarietadigitaleated.ch e al via un concorso per bambini e ragazzi
ATED ICT TICINO
1 mese
Anche la formazione migra online
Al via i webinar targati Ated Academy per i professionisti
SPONSOR
1 mese
Servizi indispensabili tra sicurezza e tecnologia
AIL porta nelle case ticinesi l’elettricità e i servizi fondamentali per tutte le nostre attività domestiche
ATED
14.04.2020 - 08:470

Se le maschere sanitarie si stampano in 3D

Un’iniziativa del FabLab della SUPSI sostenuta da www.solidarietadigitaleated.ch per aiutare gli operatori sanitari

Da alcuni giorni al FabLab del Dipartimento ambiente costruzioni e design, il laboratorio di fabbricazione digitale e open innovation della SUPSI, si stampano in 3D maschere protettive per il settore sanitario in collaborazione con un gruppo di volontari ticinesi. Si tratta di
un’iniziativa che come ated-ICT Ticino ospitiamo e promuoviamo sulla piattaforma www.solidarietadigitaleated.ch e che si collega all’attività di donazione di tablet e computer per ospedali e case di riposo per anziani, che ha avuto un grande successo. Grazie alla generosità di privati e aziende ticinesi, infatti, sono stati raccolti circa 60 tablet e 40 laptop donati a oltre 20 case anziani. Mentre agli ospedali di Lugano e Locarno sono arrivati circa un centinaio di iPad sanificati e ricondizionati.

Ma tornando al programma avviato dal FabLab, va osservato che non è l’unico laboratorio che ha aderito all’iniziativa: centinaia di volontari, maker, privati e università in Svizzera e nel mondo stanno, infatti, collaborando per dare una mano a superare l’emergenza COVID-19, fornendo competenze e tecnologie di cui al momento c’è forte richiesta e necessità. E per capire come funziona in modo concreto questa iniziativa virtuosa, in cui ancora una volta la tecnologia è di supporto e sostegno per quanti negli ospedali si trovano a fronteggiare la lotta quotidiana contro la pandemia, abbiamo intervistato Serena Cangiano, Ricercatrice del Laboratorio cultura visiva della SUPSI e responsabile del FabLab.

Ci può spiegare in primo luogo da dove provengono le maschere in 3D?
«Alcune aziende specializzate in stampa 3D e un gruppo di volontari in Ticino attivi nei laboratori di fabbricazione digitale hanno avviato la ricerca e lo sviluppo di maschere protettive, le cosiddette “facial shields”, che possono essere stampate in 3D e realizzate con materiali semplici. Diverse versioni sono ora disponibili gratuitamente in rete in tutti i formati possibili di stampa. E quindi come FabLab della SUPSI abbiamo risposto alla chiamata di alcune comunità online, poiché disponiamo di macchine e attrezzature pensate per questo tipo di produzione digitale, che viene distribuita in modo collaborativo e open source. Siamo, infatti, connessi con altri laboratori e iniziative anche tramite chat e forum. E abbiamo cercato di coordinarci tra di noi per accertarci soprattutto sulla sicurezza del design e sul materiale. Sulle piattaforme digitali di scambio di file, come Wikifactory e Careables, sono nati moltissimi gruppi di persone che si sono organizzate per produrre localmente materiale sanitario e anche altre soluzioni più complesse, come i respiratori per la terapia intensiva a basso costo».

Quali sono ad oggi le università che si stanno maggiormente adoperando per realizzare questo tipo di maschere ad uso sanitario?
«Dal MIT di Boston all’ETH di Zurigo, sono molte le università che stanno offrendo le loro competenze per dare risposte immediate attraverso metodi open source e transdisciplinari. Sul modello della cooperazione globale, con Marco Lurati del FabLab DACD insieme alla volontaria Leyla Tawfik, abbiamo prodotto 30 maschere in due giorni, che sono state consegnate ad una casa per anziani di Agno, il cui personale ci aveva dichiarato una urgente necessità. E tramite la rete dei volontari si sta attualmente verificando quali strutture abbiano bisogno di queste forniture, perché il nostro Laboratorio è in dialogo continuo con enti e associazioni per meglio rispondere alle necessità più acute. Per ulteriori informazioni si può accedere alla seguente pagina: https://fabmanager.supsi.ch/#!/projects/stampa-3d-di-maschere-protettive-iniziativa-in-ticino

***

CHI È ated – ICT Ticino
ated - ICT Ticino è un’associazione indipendente, fondata e attiva nel Canton Ticino dal 1971, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie e alla trasformazione digitale. 
Dal suo esordio, ated - ICT Ticino ha organizzato oltre 1.000 manifestazioni e promosso innumerevoli conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, workshop e corsi. ated - ICT Ticino collabora con le principali istituzioni pubbliche e private, enti e aziende di riferimento, nonché altre associazioni vicine al settore tecnologico e all'innovazione. Grazie alla costante crescita qualitativa dell'attività svolta sul territorio, ated – ICT Ticino è riconosciuta come un'associazione di riferimento nell'ambito economico, politico ed istituzionale del cantone, in grado di favorire il dibattito tra aziende e professionisti e capace di coinvolgere le giovani generazioni, grazie ai percorsi promossi dal programma ated4kids.

Per ulteriori informazioni
ated – ICT Ticino
CP 1261 – 6502 Bellinzona 
Email: cristina.giotto@ated.ch
Phone: +41 79 253 79 52


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-05-31 03:43:03 | 91.208.130.87