Segnala alla redazione

ated
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
11 ore
ated-ICT Ticino è di scena alla Città dei Mestieri della Svizzera italiana
Si è inaugurata sabato 25 gennaio a Bellinzona. Un progetto innovativo cui partecipiamo con due workshop aperti al pubblico
CANTONE
3 gior
International STEM Awards è ora di candidarsi
Una piattaforma che offre ai giovani l’opportunità di valorizzare competenze e passione per le materie STE(A)M. C’è tempo fino al 1° di febbraio
CANTONE
4 gior
Una jam session lunga un weekend per creare un videogioco dal nulla
Si terrà a Manno dal 31 gennaio al 2 febbraio, è un evento unico e da non perdere
ATED
5 gior
AAA cercasi Mentor per ated4kids
Nell’ultima sfida regionale del torneo di robotica FIRST® LEGO® League erano tre i team supportati da Roboticminds, il programma promosso da ated4kids. Ora ated-ICT Ticino cerca nuovi 100% Mentor per le prossime iniziative
CANTONE
1 sett
Quando lavorare a un videogioco ti fa crescere come professionista
E non solo se siete degli informatici, scopriamo assieme il perché ma anche il come e... il dove
CANTONE
1 sett
Swisscom è in testa nei servizi cloud e di sicurezza
La società di ricerche di mercato indipendente ISG ha valutato i principali fornitori di cloud svizzeri. Swisscom è ancora una volta leader con un portafoglio attraente, completo e una forte posizione competitiva
FOTO
LUGANO
1 sett
Il Ticino “sorride” e tifa per il team Smilebots
Lo scorso fine settimana si sono tenute a Trevano le sfide regionali del torneo di robotica della FIRST LEGO League
LUGANO
1 sett
ated per il 2020 rafforza la squadra e si tinge di rosa
Cristina Giotto assume la carica di Direttrice, Anastasia Gautschi mantiene il ruolo di Relationship e Event Manager Assistant. Iniziano Benedetta Soldati e Simona Miele
SVIZZERA
2 sett
Wikimedia.ch: come si tutela e promuove il sapere svizzero
Wikimedia CH è un'organizzazione non-profit ufficialmente riconosciuta e rappresenta il Capitolo ufficiale svizzero della Wikimedia Foundation.
SECURITYLAB
1 mese
Moodle: in arrivo due nuovi eventi formativi
Dopo il successo del corso di novembre, Security Lab organizza altri due eventi dedicati alla piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
CANTONE
1 mese
Come si svelano le Fake News? La risposta di Alex Orlowski
Grande esperto dei meccanismi che guidano la diffusione di bufale o notizie false sui principali social. Lo abbiamo incontrato e intervistato per carpire qualche segreto e trucco da seguire
ated ICT Ticino
1 mese
Global Game Jam: Ticino presente!
Il più grande evento al mondo dedicato allo sviluppo dei videogiochi si svolge dal 31 gennaio al 2 febbraio 2020 in contemporanea in oltre 100 nazioni, fra cui in Svizzera a Lugano (Manno)
ICT TICINO
1 mese
L'Internet of Things nella vita di tutti i giorni
Si stima che entro il 2025 ci saranno 75 miliardi di dispositivi connessi. Come cambierà la nostra vita conl’IoT?
CANTONE
1 mese
5 Vantaggi grazie all’Outsourcing della Produzione Elettronica in Ticino
Vediamo insieme i vantaggi per I quali il Ticino è il luogo ideale nel quale esternalizzare la propria produzione elettronica
ATED
1 mese
L’incredibile fascino del videogame
L’innovazione pervade e trasforma anche la dimensione del gioco. Grazie alle evoluzioni tecnologiche in ambito videogiochi ora si possono acquisire competenze professionali
CANTONE
2 mesi
Baloise ringrazia la digitalizzazione: «Ora siamo più vicini alla gente»
Così l’innovazione - e la cyber security - hanno cambiato (anche) il mondo assicurativo. «Il nostro compito? Fare informazione»
CANTONE
2 mesi
Buon compleanno ated
L’associazione, che spegne oggi le sue 48 candeline, è una realtà indipendente molto attiva nel territorio ticinese, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie
CANTONE
2 mesi
Nasce il primo osservatorio privacy in Ticino
L’obiettivo della nuova Associazione è quello di diffondere la cultura della data protection in tutte le realtà economiche e amministrative del cantone
ATED
2 mesi
Collaborazione indipendente dalla sede, con Webex si può
Uno scambio sicuro di dati e comunicazione efficiente resi possibili grazie a questa soluzione, Paul Saxer ci racconta i vantaggi
ATED
2 mesi
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
ATED
2 mesi
L'app della vita? Ci pensa "Progettare Informatica"
Il servizio di InformatiCH si prefigge di ovviare alle problematiche più o meno frequenti, proponendosi come intermediario fra committenti e sviluppatori
ICT TICINO
03.01.2020 - 08:220

La sfida dei Big Data

Un seminario promosso da ated – ICT Ticino, in collaborazione con AIEA e ISACA CH, si terrà a Lugano il 22 gennaio 2020

Siamo entrati nell’era dei Big Data. Un’espressione questa che sentiamo citare molto spesso dai top manager di aziende non solo tecnologiche nelle loro dichiarazioni sui media. E nel parlare di dati si allude anche al fatto che sono una sorta di nuovo petrolio, per cui il futuro delle imprese si giocherà tutto sulla capacità di portarli in superficie per estrarne valore. Ma si tratta di un compito molto complesso. Anche perché i giacimenti crescono ben oltre le previsioni, al punto che l’ultima analisi di IDC stima che i 41,6 miliardi di dispositivi connessi dall’Internet delle cose (IOT o Internet of Things) produrranno nel 2025 dati pari a 13,3 miliardi di volte quel che è contenuto nella American Library of Congress, ovvero, la biblioteca nazionale degli Stati Uniti d'America, che, con gli oltre 158 milioni di documenti conservati, è la maggiore biblioteca al mondo, seguita dalla British Library di Londra. Facile capire che vince e si afferma sul mercato chi è, appunto, in grado di valorizzare queste biblioteche elettroniche: saper raccogliere, catalogare, gestire, analizzare in tempi sempre più rapidi questi dati è una necessità, ma anche una leva strategica e competenza professionale formidabile.

Poiché si tratta di un tema davvero articolato abbiamo chiesto lumi a Eugenio Corti, già capo del settore della revisione informatica del Controllo delle finanze del Cantone Ticino, e moderatore del seminario “Big Data e Analytics - Sfide e opportunità”, che si terrà a Lugano il prossimo 22 gennaio grazie ad ated – ICT Ticino in collaborazione con AIEA e ISACA.

Se parliamo di BIG DATA il pensiero corre subito alle aziende tecnologiche americane. Ma si tratta di un falso mito o anche altre aziende in altri campi lavorano con le analisi sui dati?

È innegabile che alcune aziende si sono un po’ meglio attrezzate in questi anni nell’utilizzo dei BIG DATA, proprio perché hanno fondato negli algoritmi il loro successo commerciale, come ad esempio i grandi attori del mondo tech. Modelli comportamentali predittivi estremamente accurati permettono, ad esempio a Google, Facebook, Netflix e Amazon di conoscere in modo molto approfondito i nostri gusti in materia di acquisti, ristoranti, film e serie, viaggi. Queste conoscenze mirate sono in grado di far selezionare proposte commerciali sempre più pertinenti, grazie al continuo scambio di dati con i consumatori. Ma la trasformazione digitale guidata dai dati riguarda anche i settori più tradizionali. Utility, telco, case automobilistiche, banche, assicurazioni stanno costruendo una parte fondamentale della loro strategia sull’utilizzo del dato comportamentale del cliente.

Quali possono essere i freni all’utilizzo e adozione dei BIG DATA da parte di aziende che operano in settori più tradizionali?

Il freno principale dichiarato dalle aziende all’implementazione di progetti di Analytics è stato finora la mancanza di competenze e figure organizzative interne in grado di gestire le analisi sui dati, una barriera questa accentuata dalle difficoltà nel reperire tali skill anche all’esterno. E per questa ragione, diventa un fattore fondamentale la formazione e la possibilità di avere in azienda professionisti preparati nelle analisi dei BIG DATA. Si tratta di una sfida e nel contempo di un’opportunità enorme per la sopravvivenza delle imprese. Infatti, alla complessità della gestione di volumi di dati sempre più grandi e alle relative questioni quali la sicurezza e la privacy, si affianca la possibilità di utilizzare i dati per prendere decisioni che possono costituire un vantaggio competitivo per l’organizzazione e migliorare il governo e la gestione aziendale, per esempio nel monitoraggio dell’attività, nella gestione dei rischi aziendali e nella decisione di entrare o meno in nuovi mercati.

Nel seminario che si terrà a Lugano su quali elementi si focalizzeranno gli interventi dei professionisti e docenti coinvolti?

Il workshop promosso da ated – ICT Ticino in collaborazione con AIEA e ISACA si pone l’obiettivo di mostrare come i sistemi aziendali o le piattaforme internet, che concentrano un’enorme ed eterogenea mole di dati, siano l’ambiente ideale in cui utilizzare strumenti di analisi dati o far operare algoritmi di estrazione dei dati (tecnicamente data mining), proprio per estrarre conoscenza dai dati e sostenere una presa di decisione (automatica o meno) informata. Notiamo, infatti, che la crescente necessità di gestione di grandi aggregazioni di dati digitali, la cui complessità richiede infrastrutture specifiche di hardware/software e competenze più avanzate rispetto a quelle tradizionali, spinge le aziende a rivolgersi a specialisti del settore, capaci di offrire una consulenza adeguata per una corretta gestione di tutte le fasi del processo, dall’acquisizione all’analisi dei dati per finire con la visualizzazione dei dati e dei risultati.

Quali figure professionali operano nell’analisi dei BIG DATA?

I profili che operano in questo ambito hanno definizioni che provengono dalla lingua inglese. Parliamo di Data Analyst, ovvero professionisti che ricercano, analizzano e interpretano i dati, ma si stanno diffondendo anche altre figure, come il Data Scientist, che riescono a elaborare e gestire progetti anche molto complessi dedicati all’intelligenza artificiale, dati non strutturati, analisi in tempo reale, oppure Data Engineer, che hanno il compito di garantire la disponibilità, la qualità e la fruibilità dei dati a chi li utilizza per metterli al servizio del business aziendale, e, infine, il Data Visualizer, che presidia l’area definita con l'esplorazione visuale, interattiva e la relativa rappresentazione grafica di dati di qualunque dimensione, natura e origine. Figure queste molto rare sul mercato e difficili da reperire anche in Ticino.

Ulteriori informazioni sul seminario BIG DATA E ANALYTICS a questo link. Iscrizioni per formalizzare la propria iscrizione (gratuita per i Soci ated, AIEA e ISACA CH) a questo link.

CHI è ated – ICT Ticino

Fondata il 19 novembre 1971 a Lugano, ated - ICT Ticino è un’Associazione indipendente attiva nel Canton Ticino, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie dell'informazione e comunicazione (ICT). Dalla sua fondazione ated - ICT Ticino ha organizzato oltre 1.000 manifestazioni con più di 13.000 partecipanti, ha inoltre promosso conferenze, giornate di studio, visite e viaggi tematici, corsi settimanali. Da diverso tempo l'associazione collabora con l’Università della Svizzera Italiana (USI), la Scuola universitaria professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), con la Scuola Superiore di Informatica di Gestione (SSIG) con l’obiettivo di promuovere la formazione dei soci. Grazie alla serietà dell'attività svolta sull'arco di quasi mezzo secolo, ated – ICT Ticino è diventata un riferimento nel settore per le forze economiche, politiche ed istituzionali, favorendo il dibattito attorno alle tecnologie della informazione e ravvivandone l'interesse presso i giovani.

Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-27 19:32:37 | 91.208.130.89