Segnala alla redazione

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
15 ore
Nasce il primo osservatorio privacy in Ticino
L’obiettivo della nuova Associazione è quello di diffondere la cultura della data protection in tutte le realtà economiche e amministrative del cantone
ATED
4 gior
Collaborazione indipendente dalla sede, con Webex si può
Uno scambio sicuro di dati e comunicazione efficiente resi possibili grazie a questa soluzione, Paul Saxer ci racconta i vantaggi
ATED
6 gior
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
ATED
1 sett
L'app della vita? Ci pensa "Progettare Informatica"
Il servizio di InformatiCH si prefigge di ovviare alle problematiche più o meno frequenti, proponendosi come intermediario fra committenti e sviluppatori
LOCARNO
1 sett
E-learning: parte il primo corso ticinese di Moodle
Security Lab, società leader nell’e-Learning e nella Cyber Security, presenta in Ticino la piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
LUGANO
1 sett
#STEM, #Crowfunding, #FakeNews, #Networking
Giovedì 28 novembre all'Hotel Lugano Dante Center, Maria Francesca Corrado, Alex Orlowsky e Paolo Gasperi
LUGANO
1 sett
USI Hackathon 2019
Dal 15 al 17 novembre si terrà il primo USI Hackathon all'Università della Svizzera italiana a Lugano
ICT TICINO
1 sett
Tranquillo Cloud, di nome e di fatto
Anche i dati sono in cerca di adeguata protezione
LUGANO
2 sett
Minecraft4Switzerland debutta a Lugano all’Hackathon dell’USI
Si tiene presso il Campus universitario dal 15 al 17 novembre il primo Hackathon promosso da Code Lounge in collaborazione con ated4kids e la Città di Lugano per il tramite di Lugano Living Lab
ATED
2 sett
Progetto «Estage»: al via la quarta edizione
Forte dell’ottimo e crescente riscontro ottenuto nelle prima tre edizioni, la piattaforma sarà attiva per il quarto anno di fila
ATED
3 sett
A Lugano è Robotmania
La passione per la robotica diventa sempre più contagiosa e anno dopo anno le sfide internazionali si fanno più ambiziose
CANTONE
3 sett
Convertita con riserva
Elena Cavadini è traduttrice diplomata in inglese e tedesco della Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Milano e responsabile del settore traduzioni della ditta SayIT SA di Novazzano
CANTONE
14.10.2019 - 07:000

«I dati sono la moneta del nuovo millennio»

Non solo file da mettere sotto chiave, ma informazioni preziose da sfruttare a fini di business. «Un bene inestimabile» di cui si ha ancora poca consapevolezza: Nicola Moresi ci spiega come trattarli

MELANO - Pensiamo ai vecchi album di fotografie, quelli con le pagine di cartoncino spesso e la velina sopra. Poveri papà, povere mamme e nonne, che per ricordo di se stessi devono farsi bastare pochi scatti; e sulla carta che ingiallisce, oltretutto.

Pensiamo ora ai telefonini, gli hardware esterni o magari il Cloud. Spazi infiniti, o comunque giganteschi; stessa posa in più versioni, a riprendere l’attimo che si tramuta; qualità inattaccabile dal tempo che sbiadisce i colori e la memoria fuori dagli archivi digitali. «I nostri figli hanno migliaia di immagini. Eppure, se non verranno adeguatamente salvaguardate, di tutto ciò potrebbe un giorno non restare niente».

 Paradosso. Nicola Moresi porta spesso questo esempio a chi lo ascolta, negli incontri in cui prova a sensibilizzare la platea sull’importanza dei “data”. Elementi fondamentali in una società moderna e tecnologica, dove però ancora manca adeguata consapevolezza. Beninteso, non conoscenza tecnica: consapevolezza. Del valore e dei pericoli di ciò che viene dato a volte troppo per scontato. Ceo di moresi.com, lui dei dati ha fatto un business ma, assicura, c’è ancora molto da fare perché la gente comprenda il valore reale di ciò che maneggia ormai con agio, ogni giorno, e capisca che niente è ovvio: tanto meno la sicurezza di averlo per sempre, e sempre disponibile.

 Anche per questo Moresi ha cominciato a collaborare con ated – ICT Ticino, diventandone in seguito sponsor. «Per costruire insieme un percorso di alfabetizzazione informatica». E non per mere ragioni egoistiche; non per affari. «Se non si capisce fino a che punto i dati sono determinanti, si corrono rischi grossi. Si può arrivare anche a perdere l’identità personale».

Nel suo data-center a Melano, un bunker di 800 metri quadrati sorvegliato costantemente, stocca ogni tipo di informazioni dei clienti. Aziende per lo più, che affidano a Moresi dati produttivi, archivi digitali, sistemi di produzione, gestione di impianti. «Ma lo stoccaggio è solo uno dei nostri tre pillar. Ci occupiamo anche di come generare dati e condividerli in modo sicuro. E poi c’è la parte analitica. Se il dato rimane lì, fermo, fine a se stesso, è sterile. Se viene elaborato, può essere utile per prendere decisioni di business. Il dato è più di quanto possa sembrare. È un bene inestimabile. È la moneta del nuovo millennio».

Da ciò che era agli albori, si è evoluto; e con esso, inevitabilmente, anche lo slogan che racchiude il senso di un’impresa dove i dati sono al centro. Fino a pochissimo tempo fa Moresi.com era “La banca svizzera dei dati”; un po’ perché i primi clienti, nel 1998, si collocavano in ambito finanziario, un po’ per sottolineare il concetto di sicurezza implicito nel termine banca. «All’inizio si trattava prevalentemente di consulenza informatica». Poi sono arrivati i data center, sempre più grandi, una nuova sede, 25 dipendenti e clienti di ogni tipologia. «Industrie, settore pubblico, associazioni. Il dato oggi è trasversale. Interessa anche l’arte, la blockchain». Così lo slogan è diventato “It’s all about data”.

All: tutto. Al punto che «non so cosa sia peggio: che venga rubato o che sia perso». Per limitare il pericolo, Moresi.com custodisce i dati anche in altre sedi, così che nel peggiore dei casi possano essere comunque accessibili. Ma non c’è certezza assoluta. «Se c’è qualcosa che temo? Una crisi energetica. Oggi tutto dipende dai dati, senza di essi il mondo si ferma». Quanto ai robot, l’intelligenza artificiale, nessuna paura. «L’essere umano, i suoi sentimenti, resteranno ineguagliabili. Almeno ancora a lungo». 

Maggior informazioni dal sito: www.moresi.com

Segui le attività di ated – ICT Ticino attraverso la pagina: www.ated.ch

 

 

Ingrandisci l'immagine
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 02:33:29 | 91.208.130.85