Segnala alla redazione
+1
ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
6 ore
Appello delle maggiori associazioni del digitale al Consiglio di Stato
Per riconoscere il ruolo strategico per lo sviluppo del Canton Ticino dell’Industria ICT, Digitale e Tecnologica
ATED
13 ore
Regala un iPad agli ospedali ticinesi!
Continua la campagna solidale per raccogliere tablet da donare agli ospedali ticinesi: www.solidarietadigitaleated.ch
ATED
2 gior
Coronavirus e privacy personale
Di Zulay Menotti, European lawyer, privacy and legal advisor
ATED
4 gior
Remoto io, remoti tu, conviviamo 4.0
Di Luca Tenzi, esperto in corporate Security e Resilienza, consulente all’Agenzia Internazionale Energia Atomica
ATED
1 sett
WellD quando il digitale non si ferma col Covid-19
Chi opera nel digitale può lavorare da remoto per gestire i propri clienti, anche in periodi critici come quelli attuali
ATED
1 sett
Quando la tecnologia si scopre vulnerabile
In tempi di Coronavirus anche nei programmi informatici di Microsoft si scoprono alcune falle
ATED
1 sett
L’analisi dei dati per prevedere i contagi da Coronavirus
www.solidarietadigitaleated.ch abbraccia il progetto no-profit www.Data4Covid19.com
ATED
1 sett
Ated cerca Mentor per Minecraft4Switzerland
Al via la ricerca di Mentor per aggregare i giovani nello sviluppo e programmazione di un progetto digitale comune
ARTICOLO SPONSOR
2 sett
e-learning: nasce in Ticino l’e-learning Atelier!
Nuovo centro di competenza sul territorio per formazione a distanza
LUGANO
2 sett
A Lugano la scuola continua grazie al digitale
Everest Academy non “chiude”… ma “migra” online e sostiene un'iniziativa promossa da ated-ICT Ticino
ARTICOLO SPONSOR
2 sett
Lo smart working da opportunità a necessità
Rendere accessibili i propri sistemi Informatici da remoto ai collaboratori è semplice e veloce
ATED
25.07.2019 - 09:550

Progetto audio cabina

Riciclare un telefono in disuso e dargli nuova vita? Lo hanno fatto insieme Libera il Libro Serravalle e ated4kids

«La tecnologia per noi deve essere “al servizio dell’umano” e migliorare laddove è possibile la qualità di vita, ottimizzando lo svolgimento di un lavoro magari pericoloso. Ma non solo. Può essere anche uno strumento che offre alle persone qualcosa di speciale» racconta Cristina Giotto Boggia di ated4kids. «Quando siamo stati contattati da Lorena Scettrini di Libera il Libro Serravalle abbiamo deciso subito di raccogliere la sfida che prevedeva di dare nuova vita alle “vecchie” cabine del telefono, che per decenni sono state testimoni di tante “storie”. Il vecchio telefono a monete infatti per anni è stato uno dei grandi protagonisti della vita quotidiana di tutti noi e in fondo già nella sua “funzione ufficiale” qualche storia l’ha raccontata (!); ma ora le cose sono molto diverse e il prossimo 30 agosto inaugureremo la prima audio cabina ticinese!».

Questo progetto è nato principalmente dal desiderio dei promotori di mantenere attiva questa postazione, dando l’opportunità anche ai docenti che lo vorranno, di intraprendere con i propri allievi dei percorsi di scrittura e lettura volti a portare nuove narrazioni registrate e trasmesse dall’audio cabina.

La “trasformazione tecnologica” è avvenuta grazie a Daniele Madama e Federico Yankelevich, aiutati anche dai 100% mentor junior di ated4kids. Daniele ci racconta che «implementare la prima versione per le storielle è stato abbastanza semplice, alla fine grazie alla potenza ed alla integrazione di una piattaforma come quella di Raspberry PI è bastato capire come connettere correttamente i cavi per interagire con la tastiera e scrivere qualche riga di codice. La prossima sfida sarà quella di visualizzare le informazioni sul display originale o sostituirlo con uno più moderno».

«La scheda interna del telefono è stata modificata in modo tale da permettere la riproduzione dei racconti, una volta registrati i file audio ed aver digitato il rispettivo codice numerico», ci racconta ancora Daniele Madama.

L’iniziativa è rivolta anche ai ragazzi più grandi in quanto sarà possibile creare testi che cambiano il destino dei loro protagonisti, componendo numeri diversi a dipendenza del percorso che si vuol far compiere ai personaggi. La durata media delle storie è di circa tre minuti e possono anche essere registrate in altre lingue.

Questa idea proposta da “Libera il Libro Serravalle” ha offerto un’imperdibile occasione per iniziare una bella e nuova collaborazione; una riconferma che testimonia quanto attraverso la condivisione di progetti e obiettivi qualsiasi attività ed obiettivo diventino più belli ed importanti.
Perché lavorare insieme significa vincere insieme.

Hanno creduto nel progetto anche molte personalità conosciute a livello ticinese che con grande generosità hanno traslocato la loro voce all’interno della nuova struttura, raccontando storie a volte anche inedite.

La cabina è diventata un grande condominio, creato da una famiglia di persone che l’hanno adottata e creduto in un progetto che fa da ponte tra passato e futuro. E come ogni palazzina che si rispetti, la tastiera del telefono può diventare un grande ed infinito citofono. Componendo i vari numeri si potranno incontrare Pietro Aiani, Fabrizio Casati, Franco Lazzarotto, Monica Piffaretti, Nick Antik, Federico Soldati e tanti altri inquilini. Attraverso le loro voci vivremo le avventure delle galline di Malerba, immagineremo il Lonfo di Maraini, capiremo l’origine che Corona dà ad ogni animaletto del bosco. E tanto, tanto altro. Un viaggio completamente gratuito, in mondi davvero
spettacolari! Quindi, a questo punto, è proprio il caso di dire… “Pronto”?

L’inaugurazione ufficiale, si terrà venerdì 30 agosto 2019 alle ore 17.00 in piazza a Ludiano.

Guarda tutte le 5 immagini
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-04-03 22:36:11 | 91.208.130.87