Segnala alla redazione

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
ATED
3 gior
Collaborazione indipendente dalla sede, con Webex si può
Uno scambio sicuro di dati e comunicazione efficiente resi possibili grazie a questa soluzione, Paul Saxer ci racconta i vantaggi
ATED
5 gior
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
ATED
6 gior
L'app della vita? Ci pensa "Progettare Informatica"
Il servizio di InformatiCH si prefigge di ovviare alle problematiche più o meno frequenti, proponendosi come intermediario fra committenti e sviluppatori
LOCARNO
1 sett
E-learning: parte il primo corso ticinese di Moodle
Security Lab, società leader nell’e-Learning e nella Cyber Security, presenta in Ticino la piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
LUGANO
1 sett
#STEM, #Crowfunding, #FakeNews, #Networking
Giovedì 28 novembre all'Hotel Lugano Dante Center, Maria Francesca Corrado, Alex Orlowsky e Paolo Gasperi
LUGANO
1 sett
USI Hackathon 2019
Dal 15 al 17 novembre si terrà il primo USI Hackathon all'Università della Svizzera italiana a Lugano
ICT TICINO
1 sett
Tranquillo Cloud, di nome e di fatto
Anche i dati sono in cerca di adeguata protezione
LUGANO
1 sett
Minecraft4Switzerland debutta a Lugano all’Hackathon dell’USI
Si tiene presso il Campus universitario dal 15 al 17 novembre il primo Hackathon promosso da Code Lounge in collaborazione con ated4kids e la Città di Lugano per il tramite di Lugano Living Lab
ATED
2 sett
Progetto «Estage»: al via la quarta edizione
Forte dell’ottimo e crescente riscontro ottenuto nelle prima tre edizioni, la piattaforma sarà attiva per il quarto anno di fila
ATED
2 sett
A Lugano è Robotmania
La passione per la robotica diventa sempre più contagiosa e anno dopo anno le sfide internazionali si fanno più ambiziose
ATED
25.03.2019 - 15:190

Archiviazione di dati digitali. Stanco del solito dubbio on-premise vs cloud?

Bancadati assicura ad ogni cliente il massimo della flessibilità in ambito archiviazione di dati digitali, per creare una soluzione ad hoc che ne rispecchi le esigenze

Qualsiasi sia il settore, la tipologia o la dimensione, ogni azienda ha una necessità incombente in comune: archiviare i propri dati in maniera stabile e sicura. I dati infatti acquisiscono giorno dopo giorno un’importanza maggiore, entrando a far parte di quello che è il vero patrimonio aziendale e come tale ha la necessità di essere salvaguardato al meglio. In un mondo dove gli attacchi informatici aumentano in maniera esponenziale perfezionandosi giorno dopo giorno, tutelare i dati sensibili aziendali diventa quindi la priorità. Inoltre, con la recente legge in ambito protezione dati (GDPR) i severi requisiti per le procedure di gestione, trasparenza, documentazione e il consenso dell'utente, richiedono ulteriori sforzi e modifiche da parte delle aziende.

Quando si vuole garantire il mantenimento dei propri dati e soprattutto gestirne la crescita, l’object storage è un modello imprescindibile per tutte le aziende, in quanto permette l’archiviazione di elevati volumi di dati non strutturati.

L’object storage, associato spesso al public cloud, offre infatti svariate possibilità di accesso tramite web oppure via API che ne costituiscono sicuramente un vantaggio in termini di predisposizione al cloud, inoltre la distribuzione geografica, la ridondanza e la protezione dei dati sono più performanti rispetto ad altri metodi più datati.

In realtà un’importante alternativa da considerare è rappresentata dall'object storage on-premise che permette lo sviluppo di ambienti privati oppure ibridi. In questa configurazione vi sono i vantaggi dell’opzione in public cloud ma, d’altro lato, i dati restano fisicamente all’interno dell’organizzazione.

 In Bancadati siamo ben consapevoli delle sfide e delle difficoltà che un’azienda affronta costantemente per il dubbio tra on-premise, cloud e hybrid-cloud, abbiamo infatti agito di conseguenza mettendo a disposizione singolarmente tutte le opzioni oppure combinandole tra di loro.

  1. Il public cloud è una valida opzione per le aziende che vogliono avere una soluzione che venga resa disponibile velocemente e con una estrema facilità di configurazione e gestione senza effettuare investimenti in termini di hardware.
    Questa opzione consente un modello di tipo “pay-per-usage” (tariffazione a consumo) che consente una spesa mensile in base all’effettiva capacità utilizzata e naturalmente consente la possibilità di aumentare lo spazio a dipendenza delle necessità.
  2. Una soluzione invece on-premise necessita di un investimento iniziale per l’infrastruttura hardware e con essa la necessità di gestione e mantenimento, offre tuttavia la certezza di avere i dati all’interno della propria organizzazione e la medesima semplicità di utilizzo e scalabilità.
  3. Oltre a queste due opzioni, Bancadati oggi offre una terza via, l’hybrid gestito ossia avere un’infrastruttura on-premise per la propria soluzione di archiviazione ma lasciando la gestione interamente a Bancadati come servizio professionale. Questo modello coniuga perfettamente tutti i vantaggi sia tecnici che di costo delle due precedenti opportunità e può essere inteso come un’estensione dell’hybrid cloud riducendone i costi di gestione .

Bancadati lavora quotidianamente per migliorare i servizi assicurando ad ogni singolo cliente il massimo della flessibilità in ambito archiviazione di dati digitali, per creare una soluzione ad hoc che ne rispecchi le esigenze. Per ulteriori informazioni o per una consulenza sul modello migliore per la tua azienda non esitare a contattarci!

www.bancadati.ch

sales@bancadati.ch

+41 (0)91 610 92 60

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-17 22:14:52 | 91.208.130.85