Segnala alla redazione

ULTIME NOTIZIE ated ICT Ticino
CANTONE
2 gior
Baloise ringrazia la digitalizzazione: «Ora siamo più vicini alla gente»
Così l’innovazione - e la cyber security - hanno cambiato (anche) il mondo assicurativo. «Il nostro compito? Fare informazione»
CANTONE
3 gior
Buon compleanno ated
L’associazione, che spegne oggi le sue 48 candeline, è una realtà indipendente molto attiva nel territorio ticinese, aperta a tutte le persone, aziende e organizzazioni interessate alle tecnologie
CANTONE
4 gior
Nasce il primo osservatorio privacy in Ticino
L’obiettivo della nuova Associazione è quello di diffondere la cultura della data protection in tutte le realtà economiche e amministrative del cantone
ATED
1 sett
Collaborazione indipendente dalla sede, con Webex si può
Uno scambio sicuro di dati e comunicazione efficiente resi possibili grazie a questa soluzione, Paul Saxer ci racconta i vantaggi
ATED
1 sett
Anche la tecnologia ha un cuore
A che cosa dovrebbe servire, se non a migliorare la vita dell’uomo? È la filosofia alla base del successo di Dell Technologies, da sempre animata da un nobile fine: «Il progresso dell’umanità»
ATED
1 sett
L'app della vita? Ci pensa "Progettare Informatica"
Il servizio di InformatiCH si prefigge di ovviare alle problematiche più o meno frequenti, proponendosi come intermediario fra committenti e sviluppatori
LOCARNO
2 sett
E-learning: parte il primo corso ticinese di Moodle
Security Lab, società leader nell’e-Learning e nella Cyber Security, presenta in Ticino la piattaforma open source di Learning Management System più diffusa al mondo
LUGANO
2 sett
#STEM, #Crowfunding, #FakeNews, #Networking
Giovedì 28 novembre all'Hotel Lugano Dante Center, Maria Francesca Corrado, Alex Orlowsky e Paolo Gasperi
LUGANO
2 sett
USI Hackathon 2019
Dal 15 al 17 novembre si terrà il primo USI Hackathon all'Università della Svizzera italiana a Lugano
ICT TICINO
2 sett
Tranquillo Cloud, di nome e di fatto
Anche i dati sono in cerca di adeguata protezione
LUGANO
2 sett
Minecraft4Switzerland debutta a Lugano all’Hackathon dell’USI
Si tiene presso il Campus universitario dal 15 al 17 novembre il primo Hackathon promosso da Code Lounge in collaborazione con ated4kids e la Città di Lugano per il tramite di Lugano Living Lab
ATED
3 sett
Progetto «Estage»: al via la quarta edizione
Forte dell’ottimo e crescente riscontro ottenuto nelle prima tre edizioni, la piattaforma sarà attiva per il quarto anno di fila
ATED
3 sett
A Lugano è Robotmania
La passione per la robotica diventa sempre più contagiosa e anno dopo anno le sfide internazionali si fanno più ambiziose
CANTONE
1 mese
Convertita con riserva
Elena Cavadini è traduttrice diplomata in inglese e tedesco della Scuola Superiore per Interpreti e Traduttori di Milano e responsabile del settore traduzioni della ditta SayIT SA di Novazzano
CANTONE
1 mese
Nuove competenze digitali per il lavoro che cambia: dove trovarle?
ATED DIGITAL ACADEMY propone alcuni percorsi di formazione tecnici insieme ad altri sulle competenze emotive o soft skill
ATED
1 mese
La sicurezza è un abito cucito su misura
Contro le minacce, le soluzioni standardizzate non bastano. Ogni azienda è un caso a sé e deve studiare un percorso ad hoc: parola del team di Security Lab, che ne ha fatto una missione
CANTONE
1 mese
«I dati sono la moneta del nuovo millennio»
Non solo file da mettere sotto chiave, ma informazioni preziose da sfruttare a fini di business. «Un bene inestimabile» di cui si ha ancora poca consapevolezza: Nicola Moresi ci spiega come trattarli
CANTONE
1 mese
Viaggio al centro della rivoluzione digitale
File ordinate di server, luci, cavi colorati: benvenuti nel datacenter di Tinext a Morbio Inferiore, dove aziende ed enti pubblici vengono traghettati nel futuro
ATED
02.11.2018 - 07:000

Il coding come nuova materia didattica nelle scuole

La tecnologia sta interessando tutti gli ambiti della nostra vita, essa incide sul successo dell’alunno in tutti i gradi scolastici allo sviluppo delle competenze di cittadinanza digitale

Avete mai sentito parlare di coding? Significa “programmazione informatica” e potrebbe diventare nei prossimi anni una vera e propria materia di studio a scuola.

La scuola sta cambiando, da qualche tempo, sta cambiando strategie e metodi didattici: la tecnologia in tutte le sue forme sta entrando a pieno titolo tra gli strumenti utili per realizzare lezioni innovative e confacente alle esigenze formative del momento.

Coding e pensiero computazionale: cosa significano questi due termini, come stanno cambiando i metodi di insegnamento e di apprendimento a partire dalla scuola primaria e dell’infanzia e perché ne sentiremo parlare sempre più di frequente? 

Programmazione informatica: è questo il significato della parola inglese “coding ”. E non si tratta solo di insegnamenti per informatici e ingegneri: il coding è anche alla portata dei bambini.

Parliamo di programmazione informatica ovviamente ma non nel senso più tradizionale dell’espressione. Il coding a scuola è una scoperta – se così possiamo definirla – recente. Parliamo di un approccio che mette la programmazione al centro di un percorso dove l’apprendimento, già a partire dai primi anni di vita, percorre strade nuove ed è al centro di un progetto più ampio che abbatte le barriere dell’informatica, stimola un approccio votato alla risoluzione dei problemi.
Parliamo di pensiero computazionale, ovvero di un approccio inedito alla soluzione dei problemi.

Con il coding bambini e ragazzi sviluppano il pensiero computazionale, l’attitudine a risolvere problemi più o meno complessi. Non imparano solo a programmare ma programmano per apprendere.

Con il processo di digitalizzazione che le istituzioni scolastiche stanno avviando il coding dovrebbe essere inserito come materia obbligatoria.

Il coding possiamo intenderlo come una nuova lingua che permette di “dialogare” con il computer per assegnargli dei compiti e dei comandi in modo semplice.

L’insegnamento della programmazione a bambini avviene tramite l’utilizzo di giochi interattivi, come i robot che obbediscono a comandi in codice, oppure, tramite apposite applicazioni, come ad esempio Scratch: un «tool» di programmazione visuale che permette di creare il proprio gioco virtuale o speciali animazioni o come lo sono ancora gli esercizi del sito code.org. Più che esercizi sembrano giochi. E in effetti sotto un certo punto di vista lo sono.

I bambini giocano e vincere ogni sfida significa risolvere problemi. Piccoli problemi come evitare un ostacolo o di farsi catturare da uno dei personaggi cattivi della storia, giusto per fare un paio di esempi. Per risolvere il problema devono impegnarsi per capire quale possa essere la possibile soluzione, e se raggiungono l’obiettivo hanno imparato come fare. Intanto inconsapevolmente hanno scritto righe di codice informatico, anche se materialmente non ne hanno scritto nemmeno una e hanno spostato solo dei blocchetti rettangolari a ciascuno dei quali corrisponde una funzione e un codice. Stiamo parlando della programmazione a blocchi, detta anche programmazione visuale.

Come fanno gli studenti ad apprendere e a divertirsi? Bambini e ragazzi si trovano davanti a quello che più li diverte: un tablet, il monitor di un pc, un robot. Sta a loro animare, far prendere vita, imparare a fare muovere i loro personaggi in un certo modo, siano essi virtuali o meno (come nel caso della robotica educativa). In sintesi imparano a raggiungere un obiettivo. E come si raggiunge un obiettivo se non risolvendo il problema che si frappone fra noi e la meta?

Il Coding e pensiero computazionale, nella scuola primaria o in altri contesti, sono fratelli della robotica educativa, la possibilità cioè che i ragazzi possano imparare assemblando un kit robot da costruire, come il progetto “Robot Street Challangeideato da ated4Kids e dopo averlo costruito programmino il loro robot. Nel coding si usano strumenti che consentono di visualizzare i risultati su uno schermo. Nella robotica educativa i bambini apprendono un approccio nuovo alle materie scientifiche attraverso la robotica. 

I principi sono del tutto simili a quelli sui quali si fonda la robotica educativa, sono strettamente legati a essa e in alcuni casi sono un tutt’uno. Bambini e ragazzi si cimentano in attività nuove come la programmazione, imparano i linguaggi di programmazione divertendosi. Imparano facendo. Quindi niente più lezioni lunghe e noiose su temi lunghi e noiosi. Si può imparare facendo cose che piacciono.

Il coding a scuola può essere tutto questo!

Un modo diverso di aggiungere cose nuove al proprio bagaglio di conoscenze, percorrendo strade nuove per apprendere (i ragazzi) e per insegnare (i docenti). E attraverso il coding imparare i concetti base di altre materie come scienze, matematica, nel caso dei più piccoli anche ad applicare la logica nella risoluzione di problemi più o meno complessi.

Così come la storia, l’inglese e la matematica, secondo alcuni il “coding” è una materia fondamentale per le nuove generazioni di studenti.

ated4kids, sperimenta tutto questo da oltre cinque anni con grande successo con bambine e bambini, ragazze e ragazzi, dai 5 ai 15 anni.
“ated4kids potrebbe essere un valido interlocutore per il territorio, grazie ai molti specialisti volontari che mettono a disposizione il loro tempo senza alcuna pretesa, per affiancare le istituzioni e le scuole del Cantone Ticino in questo grande momento di cambiamenti, offrendo il proprio sostegno nella formazione di adulti e ragazzi e nel creare nuove sinergie di carattere interdisciplinare.” racconta Cristina Giotto.

Tra le tante attività di ated4kids anche gli incontri gratuiti di Coderdojo Lugano con il quale i ragazzi possono sperimentare proprio la programmazione informatica divertendosi!

Guarda le 3 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-22 22:47:44 | 91.208.130.87