mobile report Segnala alla redazione
Amico Animale
23.11.2018 - 10:220

I cani ipoallergenici non “funzionano” con l’asma

Vivere con un esemplare che perde meno pelo non riduce il rischio di sviluppare la malattia  

 

I bambini che vivono con un cane “ipoallergenico” hanno le stesse probabilità di sviluppare l’asma di quelli che possiedono un cane comune. Nella prima categoria rientrano quelli esemplari appartenenti a razze che perdono meno pelo e che dunque sono ritenute più tollerabili per i bambini con allergia.

Lo studio, condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet di Stoccolma, ha analizzato oltre 23mila bambini nati in Svezia tra il 2001 e il 2004, tutti cresciuti in case con dei cani. Gli animali, a loro volta, sono stati classificati per età, razza, sesso, taglia e presunta “ipoallergenicità”. Al termine dello studio, il 5% dei bambini aveva sviluppato entro i 6 anni l’asma, malattia è dovuta ad un’infiammazione cronica causata da una reazione allergica.

I ricercatori hanno rilevato un rischio di asma inferiore del 16% per i bambini che avevano cani femmina, in quanto i cani maschi possono produrre una caduta del pelo maggiore e dunque rilasciare maggiori allergeni. Nessuna differenza, invece, è stata notata nello sviluppo della malattia tra i cani normali e i cosiddetti esemplari “ipoallergenici”.    

Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-12-10 06:10:57 | 91.208.130.87