AlimenTIamoci correttamenteSindrome metabolica

22.12.22 - 08:00
La sindrome metabolica si verifica quando si è in presenza di diabete, pressione alta e obesità.
FN Project
Sindrome metabolica
La sindrome metabolica si verifica quando si è in presenza di diabete, pressione alta e obesità.

Queste tre patologie, prese singolarmente mettono già a rischio la salute del sistema cardiovascolare, ancor più quindi, se presenti in concomitanza.

La sindrome metabolica è presente maggiormente nella civiltà moderna a causa di abitudini e stili di vita alimentari sbilanciati. Infatti ad oggi ne soffre circa il 25% delle persone e le prospettive sono in forte aumento.

La sindrome metabolica viene chiamata anche, sindrome da insulino-resistenza, siccome si pensa che la causa principale sia la resistenza delle cellule all’azione dell’insulina.

L’insulina è un ormone prodotto dal pancreas e ha il compito di regolare il trasporto di glucosio dal sangue alle cellule, ed è utilizzata per produrre energia.

Nel caso di insulino-resistenza le cellule non rispondono correttamente a questo ormone e il glucosio non riesce ad entrare nelle cellule. Questo comporta un aumento del glucosio in circolo nel sangue, nonostante il corpo continui a produrre l’insulina, che ha il compito principale di mantenere la glicemia sotto controllo.

FN Project

Quali sono le cause della sindrome metabolica?

La sindrome metabolica può essere la causa di:

    • Una predisposizione genetica all’ insulino-resistenza
    • Una condizione di sovrappeso o obesità
    • Un’eccessiva sedentarietà durante il giorno che però non è bilanciata da un’adeguata attività fisica.

La sindrome metabolica viene associata spesso a problemi di coagulazione del sangue, che portano ad uno stato infiammatorio generale e alla formazione di trombi o emboli.

I fattori di rischio della sindrome metabolica, sono:

    • Un fegato grasso;
    • La sindrome dell’ovaio policistico per le donne, che comporta la formazione di cisti nelle ovaie;
    • I calcoli biliari;
    • Le apnee notturne.

La sindrome metabolica si riscontra soprattutto nelle persone adulte e la percentuale aumenta con l’avanzare dell’età.

 

Abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire, alleviare problematiche gastrointestinali e ripristinare corretti valori ematici tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario. Puoi contattarci al numero 0763602900 (anche su whatsapp) oppure inviare una mail a info@fnproject.ch.

Abbiamo scritto un eBook che tratta in maniera approfondita la tematica del dimagrimento. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando sul QUI.

FN Project

Come viene diagnosticata la sindrome metabolica?

Per poter diagnosticare la sindrome metabolica vengono effettuati i seguenti esami:

    • La misurazione della circonferenza della vita, per valutare il grasso corporeo a livello addominale. I valori non dovranno superare i 102 cm per gli uomini e 88 cm per le donne;
    • La misurazione della pressione, in quanto una pressione alta può favorire il deposito di grassi e la formazione di placche all’interno delle arterie. Stiamo quindi parlando di una pressione superiore a 130/85;
    • Il controllo dei livelli di colesterolo HDL, che ha la funzione di proteggere le arterie e favorire l’eliminazione dei depositi di lipidi, costituiti da colesterolo LDL e trigliceridi. Il colesterolo HDL deve avere valori superiori a 40 mg/dl per gli uomini e 50 mg/dl per le donne;
    • Il controllo dei livelli di trigliceridi nel sangue che dovranno essere inferiori a 150 mg/dl;
    • La misurazione della glicemia sia a digiuno che dopo i pasti. I valori dovranno essere inferiori a 100 a digiuno e inferiori a 140 a 2 ore dal pasto.
FN Project

Quali sono le cure per la sindrome metabolica?

Il primo passo da effettuare per poter curare la sindrome metabolica è cambiare il proprio stile di vita sia a livello di abitudini comportamentali che a livello di alimentazione.

E’ importante quindi una regolare attività fisica che aiuta: a tenere sotto controllo la glicemia, a ridurre la resistenza all’insulina, a tenere sotto controllo i trigliceridi nel sangue, ad alzare i valori del colesterolo HDL, a prevenire l’ipertensione e a tenere sotto controllo il peso corporeo.

Per quanto riguarda l’alimentazione bisogna ridurre l’assunzione di zuccheri, grassi saturi, latte e latticini, che infiammano l’organismo, favoriscono un accumulo di grasso e indeboliscono il sistema immunitario. Per quanto riguarda le bevande bisogna limitare gli alcolici e le bevande zuccherate.

Gli alimenti da prediligere sono: la verdura, la frutta durante l’estate, i legumi, i cereali integrali ricchi di fibre, la carne, il pesce e le uova.

Inoltre sono da preferire i grassi insaturi come l’olio extra vergine d’oliva e tutti gli oli vegetali derivanti dai semi oleosi, consumati possibilmente a crudo.

Se la condizione clinica è grave, il medico può decidere di prescrivere farmaci per tenere sotto controllo la pressione, il colesterolo, i trigliceridi e la glicemia.

Come prevenire la sindrome metabolica?

L’adozione di uno stile di vita salutare fin da giovani è la migliore arma di prevenzione della sindrome metabolica e di molte altre patologie a livello cardiocircolatorio. Questo stile di vita si deve basare su una regolare attività fisica e su un’alimentazione equilibrata, limitando gli eccessi ed effettuando gli esami del sangue almeno una volta all’anno.

Gli esami del sangue sono in grado di dire se bisogna apportare delle modifiche all’alimentazione e allo stile di vita. Se ad esempio si ha un valore elevato di colesterolo LDL, non si avranno sintomi, ma se non curato per tempo, può portare alla formazione di un trombo o un embolo.

 

CONTATTI

Tel: 0763602900 (anche su whatsapp)

Per prenotare un primo appuntamento gratuito con il nostro nutrizionista cliccare QUI

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE