Immobili
Veicoli

AlimenTIamoci correttamenteEmorroidi: cause, sintomi e rimedi

10.11.22 - 08:00
Le emorroidi sono un rigonfiamento delle vene, chiamate emorroidarie, presenti nell'ultimo tratto dell'intestino
FN Project
Emorroidi: cause, sintomi e rimedi
Le emorroidi sono un rigonfiamento delle vene, chiamate emorroidarie, presenti nell'ultimo tratto dell'intestino

 Come possono presentarsi?

Le emorroidi possono essere interne o esterne.

Circa il 50% della popolazione adulta soffre di emorroidi, anche solo saltuariamente.

Spesso le cause scatenanti delle emorroidi sono molteplici e dipendono da molti fattori.

Generalmente, le emorroidi creano fastidio durante e dopo l’evacuazione, ma nei casi più gravi possono provocare prurito, dolore e arrivare anche ad un sanguinamento.

Solo in alcuni casi si possono formare dei coaguli di sangue, chiamati emorroidi trombizzate.

FN Project

 Quali sono le cause?

Le cause della formazione delle emorroidi sono date da un aumento della pressione addominale e da alcuni fattori come:

    • Lo sforzo eccessivo, impresso durante l'evacuazione delle feci;
    • L’elevato tempo passato sul water;
    • L’obesità;
    • La gravidanza.

Ci sono poi condizioni cliniche coma la stitichezza, la diarrea cronica e una dieta povera di fibre che possono favorire ulteriormente la comparsa delle emorroidi.

Con l’avanzamento dell'età, i tessuti che sostengono i vasi sanguigni dell'ano e del retto si indeboliscono, si rilassano e favoriscono la fuoriuscita delle emorroidi.

 

Per questo motivo abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire, alleviare problematiche gastrointestinali e ripristinare corretti valori ematici tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario. Puoi contattarci al numero 0763602900 (anche su Whatsapp) oppure inviare una mail a info@fnproject.ch.

Abbiamo scritto un eBook che tratta in maniera approfondita la tematica delle emorroidi. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando sul pulsante QUI.

FN Project

 Quali sono i sintomi?

Le emorroidi possono essere asintomatiche nei casi più lievi, mentre nei casi più gravi si possono presentare sintomi come:

    • Il sanguinamento durante l’evacuazione, 
    • L’irritazione e prurito attorno all’orifizio anale
    • Il dolore e gonfiore attorno all’ano
    • Le vene irritate e dolorose vicino all'ano 

I problemi legati alle emorroidi dipendono dalla loro localizzazione. In particolare se:

    • Le emorroidi sono interne, non si vedono e non si sentono e nella maggior parte dei casi non causano fastidio. Solo successivamente ad uno sforzo o un’irritazione durante l'evacuazione si può causare un danneggiamento della superficie che causa un sanguinamento e del fastidio o dolore. Un’emorroide interna può anche subire un prolasso, e spingersi verso l’apertura dell’ano, provocando dolore e irritazione.

    • Le emorroidi sono esterne e quindi situate sotto la mucosa anale, quando si infiammano possono causare prurito, sanguinamento e dolore. Nel caso si formi un coagulo di sangue che ostacola la normale circolazione del sangue, si potrà avere un gonfiore nella regione anale e accusare molto dolore.

 

 Come vengono diagnosticate le emorroidi?

Per diagnosticare le emorroidi basta sottoporsi ad un semplice esame rettale.

Il medico in alcuni casi potrebbe prescrivere una colonscopia, per poter escludere la presenza di tumori del colon retto.

Le emorroidi possono essere classificate in base alle loro dimensioni e gravità. Quindi ci sono:

    • le emorroidi di primo grado, che sono le emorroidi interne quasi totalmente indolori;
    • le emorroidi di secondo grado, che sono più voluminose, possono subire un prolasso durante l’evacuazione, ma rientrano da sole nel giro di qualche giorno se l’infiammazione diminuisce;
    • le emorroidi di terzo grado, caratterizzate da noduli prolassati, che possono essere fatti rientrare manualmente;
    • le emorroidi di quarto grado, caratterizzate da noduli più grandi che sporgono dall'ano e non rientrano manualmente.

In base al grado e alla dimensione, il medico curante deciderà che terapia seguire.

FN Project

 Quali sono i rimedi?

Il primo rimedio da adottare per ridurre il fastidio e quindi l’infiammazione è quello di effettuare un cambiamento nelle proprie abitudini alimentari.
In particolare per mantenere le feci morbide e prevenire la stitichezza si consiglia di:

    • Aumentare il consumo di alimenti ricchi di fibre, come la frutta, la verdura e i cereali integrali preferibilmente senza glutine.
    • Eliminare latte, latticini e formaggi.
    • Eliminare la carne di maiale in ogni sua forma.
    • Praticare regolarmente dell’attività fisica ed evitare di passare troppo tempo seduti

Per alleviare il fastidio e il gonfiore causato dalle emorroidi spesso bastano alcuni semplici accorgimenti, come:

    • Usare carta igienica umida o salviettine umide evitando di irritare ulteriormente l’area;
    • Usare trattamenti locali come creme o supposte per lenire l’area infiammata.

In caso di bruciore e fastidio persistente, oppure di dolori e sanguinamenti forti, bisogna rivolgersi al proprio medico curante.

Nei casi più gravi in cui le emorroidi sono troppo grandi e i rimedi elencati in precedenza non avessero successo, allora sarà necessario intervenire chirurgicamente con la rimozione.

 

CONTATTI

Tel: 0763602900 (anche su whatsapp)

Per prenotare un primo appuntamento gratuito con il nostro nutrizionista cliccare QUI

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE