Immobili
Veicoli
FN Project
AlimenTIamoci correttamente
23.06.2022 - 08:000

Continue fitte e crampi allo stomaco? Vi spieghiamo come curarli

Circa il 25% della popolazione accusa dolori addominali, i sintomi sono: fitte, crampi, bruciori e oppressione.

Questi sintomi, solitamente scompaiono in pochissimo tempo, ma nel 30% dei casi i fastidi ricompaiono ciclicamente dopo periodi quasi del tutto asintomatici, mentre nel 15% dei casi sono persistenti, ripresentandosi dopo ogni pasto.

In particolari momenti le fitte e i crampi allo stomaco sono talmente forti da non permettere il movimento, costringendo chi ne sta soffrendo a ricercare la posizione che possa dare sollievo velocemente.


FN Project

Cosa succede nello stomaco?

Nel caso di ansia, stress e tensione nervosa con fitte, crampi, nausea e inappetenza, lo stomaco è il primo organo a reagire in quanto è l’organo dell’accettazione o del rifiuto delle emozioni.
Queste tensioni faranno contrarre involontariamente la muscolatura liscia dello stomaco, causando difficoltà digestive.
I problemi possono protrarsi per diversi mesi e causare forti mal di stomaco.
Questi movimenti involontari possono generare una sensazione di pienezza e di sazietà precoce e molte volte sono accompagnati anche da sintomi quali: bruciore di stomacogonfiore addominale, eruttazioni e nausea.

 

Come identificare le fitte allo stomaco?

Esistono 2 tipologie di fitte allo stomaco, in base a dove si presentano.
Se il dolore si presenta nella parte in alto a destra dell'addome, potrebbe essere dovuto a un'infiammazione della cistifellea oppure alla presenza di calcoli o ad un'epatite.
Se il dolore si presenta nella parte in alto a sinistra dell'addome potrebbe essere dovuto ad una gastrite o un'ulcera gastrica.
Altre possibili cause delle fitte allo stomaco sono da ricercarsi nello svuotamento troppo veloce o troppo lento dello stomaco oppure ad un’ipersensibilità ai succhi gastrici in quel momento.

 

Articolo a cura FN Project – Nutrition Centre

Per questo motivo abbiamo ideato il metodo IMMUNE SYSTEM DIET. Il metodo permette di dimagrire e alleviare problematiche gastrointestinali tramite la scelta degli alimenti corretti al proprio sistema immunitario.

Abbiamo scritto un eBook che tratta in maniera approfondita la tematica delle fitte allo stomaco. È possibile scaricarlo gratuitamente cliccando QUI


FN Project

Cosa causano i crampi persistenti?

Quando le fitte dapprima sporadiche, si trasformano in crampi persistenti allo stomaco, la causa potrebbe non essere più solo lo stress o l’ansia, ma patologie ben più delicate, come ad esempio la gastrite, l’ulcera gastrica e il reflusso gastroesofageo.
I crampi inoltre possono essere causati anche da una congestione. Solitamente si presenta con maggior frequenza d’estate, quando si hanno sbalzi termici rilevanti e si indossano vestiti leggeri. Basti pensare all’aria condizionate utilizzata eccessivamente in molti negozi. Se poco prima si è consumato un bel pasto, magari anche pesante da digerire, lo stomaco ne risentirà sicuramente.

Altre possibili cause che portano a crampi improvvisi possono essere:

 

Quali alimenti sono fonte d’infiammazione dello stomaco?

Chi soffre di continue fitte allo stomaco dovrebbe evitare i cibi molto grassi, i fritti, il pomodoro, la caffeina, i latticini, il cioccolato, gli alcolici, le bevande gassate ed i cereali con il glutine.
Nel caso tra i sintomi si riscontra anche la nausea o il vomito, sarebbe meglio evitare i cibi solidi per qualche ora e bere a piccoli sorsi.
Quando la nausea e il vomito passeranno si potrà ritornare a introdurre alimenti solidi come ad esempio il riso integrale bollito e della verdura cruda.
Nei giorni successivi, anche se saranno spariti i sintomi, sarà importante bere molto e fare pasti più frequenti, evitando le abbuffate, in modo da ripristinare il corretto funzionamento dello stomaco.


FN Project

Come intervenire con l’alimentazione?

Succede spesso che nei momenti di stress associati a crampi e fitte, si avrà meno fame e molte persone tenderanno a perdere parecchi liquidi e quindi anche peso. Ciò comporterà una maggiore stanchezza e un calo repentino delle energie.

Il pasto al quale bisognerà prestare maggior attenzione, per evitare di esagerare con le quantità e le combinazioni errate è la cena. Infatti la sera il corpo si prepara al riposo e quindi anche le sue funzioni diventano più lente e difficoltose. Se lo stomaco è eccessivamente pieno o presenta alimenti di difficile digestione sarà molto probabile il verificarsi di fitte, bruciori e anche episodi di reflusso gastro-esofageo.

Ultimo consiglio che vogliamo lasciare è di evitare di coricarsi subito dopo i pasti, ma preferire una passeggiata leggera di mezz’ora.

FN Project
Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-06-27 04:31:45 | 91.208.130.87