ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
21 ore
EQC 400, anche per Mercedes arriva il “pieno” di corrente
La prima elettrica della Casa sfoggia un carattere a tratti esuberante grazie ai 408 cv dei due motori elettrici, senza trascurare una valida autonomia. Comfort ed accoglienza di qualità.
TEST DRIVE
3 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
5 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
1 sett
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
2 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
NOVITA'
3 sett
Yaris, la compatta Toyota sempre più regina in città
La nuova generazione conserva ingombri “tascabili”, con più abitabilità e look ispirato. Disporrà di tutti gli ausili attivi alla guida, insieme alla variante ibrida ben più potente ed efficiente.
TEST DRIVE
3 sett
718 T: la Porsche Cayman “semplice” sa come farsi adorare
L’allestimento semplificato esalta le doti dinamiche della compatta coupé, attrezzata accuratamente sul piano tecnico: sterzo eccezionale e boxer da 300 cv regalano un “sapore” particolare.
TEST DRIVE
3 sett
Aston Martin Vantage AMR: l'anima prima di tutto
Generosa ed interessantissima la nuova offerta Aston Martin: la nuova Vantage è ora disponibile anche con il cambio manuale. Quale scegliere? La risposta è... dentro di voi.
TEST DRIVE
4 sett
Supra, nuova vita per la sportiva “top” Toyota
Dopo lunga attesa torna in vita la tradizionale coupé sportiva di punta della marca giapponese: forte del sei cilindri da 340 cv, spicca per la guida guizzante, incisiva e rapidissima.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Morde la strada, aggredisce la pista: BMW M8 Competition
La grande coupé bavarese sfrutta tutta la tecnologia della divisione M per offrire un potenziale dinamico capace di renderla davvero rapida ed incisiva. Ma sempre piacevolmente “trattabile”.
TEST DRIVE
1 mese
Kia Sorento, regina di viaggio e di relax
La coreana al vertice della gamma Suv premia i passeggeri con una marcia fluida, versatile e conviviale, all’insegna dell’equilibrio e del comfort. Spazio ed abitabilità in rilievo.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
Turismo di gran carriera per la McLaren GT
Pensata per l’impiego quotidiano e sulle lunghe percorrenze, l’inedita sportiva inglese vanta un look più affusolato con molto più spazio per il bagaglio. Senza rinunciare alla sua anima corsaiola.
PRIME IMPRESSIONI
1 mese
BMW M8 Competition Cabriolet, “pedigree” sportivo anche a cielo aperto
La meccanica di punta della divisione M Sport sprigiona grinta e dinamismo di vertice anche con carrozzeria convertibile: per un raro mix di esuberanza, sportività e coinvolgimento.
TEST DRIVE
1 mese
Ford Focus Active Wagon, la giardinetta veste “offroad”
L’allestimento crossover conferisce più relax e versatilità, grazie all’assetto rialzato e ai programmi aggiuntivi per la gestione della motricità. Vivace ed autorevole il 2.0 turbodiesel.
PROVA SU STRADA
27.02.2014 - 01:010
Aggiornamento : 25.11.2014 - 08:29

VW Jetta Hybrid – Passato prossimo

È basata su una Golf ormai in pensione e dotata di un concetto motoristico obsoleto. Eppure è in vendita da meno di un anno. Cos’è successo? Ve lo spieghiamo noi!

UN CONTESTO DIFFICILE - Nonostante non abbia ancora compiuto un anno di vita commerciale, per una lunga serie di motivi che ora vi elencheremo scrivere della Volkswagen Jetta Ibrida significa inevitabilmente scrivere di qualcosa di vecchio, obsoleto. Innanzitutto perché dall’autunno del 2012 sulla Golf ha fatto il suo debutto il panale modulare MQB da cui è nato e continueranno a nascere una grande quantità di modelli del gruppo tedesco, il quale grazie alle sue eccellenti qualità dinamiche, al peso inferiore, alla nuova generazione di propulsore, alla rinata identità di svariati modelli (in particolare Seat e Skoda) e l’implementazione di una lunga lista di tecnologie innovative ha fatto invecchiare di colpo tutto e tutti. Inclusa le Jetta, appunto, che nasce dalla Golf di sesta e non di settima generazione. In secondo luogo bisogna specificare che nonostante questa sia stata appena la seconda ibrida prodotta dopo la Touareg dalla casa tedesca, con l’arrivo della citata piattaforma MQB a Wolfsburg si è deciso di adottare un drastico e sensato cambio di rotta quanto alle propulsioni ibride proponendo unicamente le “Plug-In”. Questo però non significa per forza che la Jetta non sia una buona ibrida.

TECNOLOGIA “GIUSTA” - Per quanto un sistema del genere sia relativamente antiquato  (o precocemente invecchiato, visto l’improvviso arrivo delle “Plug-In”) la Volkswagen è riuscita nell’intento di confezionare una propulsione ibrida che funzioni come si deve. Ovvero che permetta di risparmiare benzina anche senza accorgersene: per esempio impostando il regolatore di velocità a 100 km/h si può percorrere l’intera galleria del Monte Ceneri in direzione Nord senza utilizzare un solo goccio di benzina. I 27 cavalli del motore elettrico fanno sentire la loro presenza così da non intralciare il traffico nelle partenze ai semafori e, quando la guida diventa volontariamente meno economica, a darvi un bel sovrappiù prestazionale con i 170 cavalli di potenza combinata partendo da i 150 già erogati dall’1,4 litri TSI. In fin dei conti i consumi non sono malvagi: con un minimo di attenzione i 6 litri ogni 100 km/h non facilmente realizzabili sebbene nemmeno miracolosi in confronto a qualche propulsore a gasolio. D’altro canto il piacere di guida è stato curato più che su altre ibride, dai pedali di acceleratore e freno privi di interferenze all’aggravio di peso (130 chili) perfettamente controllato passando per la presenza di un cambio DSG anziché ai CVT, sicché in ripresa si gode di una maggiore silenziosità. La Jetta si muove bene, con un’agilità insospettabile e oltretutto è anche molto comoda nei lunghi viaggi. Soltanto i fondi stradali innevati possono diventare un problema per lei, in quanto l’elettronica non disattivabile rischia di creare qualche grattacapo in determinate manovre.

MOSCA BIANCA - Francamente la Jetta non è mai stata nemmeno lontanamente un successo in Svizzera, accontentandosi di sole 250 unità vendute ogni anno. Accettabile, visto che sin dal principio la Jetta – e a maggior ragione con questa motorizzazione – è stata pensata innanzitutto per il mercato nordamericano. Così in AMAG si é deciso, dal momento dell’arrivo della motorizzazione ibrida, di offrirla unicamente così, ad un prezzo di vendita non proprio economico che parte 43'300 franchi. L’abitacolo ricalca in tutto e per tutto la Golf della sesta generazione, incluse le tecnologie che come già accennato appaiono piuttosto invecchiate (in particolare il sistema di Infotainment), tuttavia la si potrebbe anche impiegare come alternativa a una qualsivoglia Passat visto che le dimensioni generose e le proporzioni non la rendano per nulla inelegante nonché generosa per lo spazio dei passeggeri. L’elettrificazione ha  però in questo caso comportato una rinuncia considerevole quanto a capienza del bagagliaio, il quale si vede privato di quasi 150 litri fermandosi a quota 374.

E QUINDI? - A questo punto è anche difficile trarre una conclusione visto che il concetto motoristico è in fase di pensionamento così come il modello, ormai superato dall’ultima generazione della Golf. Continua a restare un prodotto interessante per quel mercato per cui è stato pensato: gli Stati Uniti d’America. Qui, in Europa, stiamo già aspettando la Golf GTE. Ogni tanto bisogna pur dirlo: automobilisticamente siamo un passo avanti.

 

Modello Volkswagen Jetta
Versione Hybrid Highline
Motore 4 cilindri, benzina, turbo + elettrico
Cilindrata 1'395 cc
Potenza 170 cv @ 5'000 giri/min.
Coppia 250 Nm
Trasmissione Cambio doppia frizione a sette rapporti, trazione anteriore
Massa a vuoto 1'505 kg
Accelerazione 0-100 km/h 8,6 secondi (dichiarato)
Velocità massima 210 km/h (dichiarato)
Consumo medio 4,1 L/100 km (dichiarato)
Prezzo 45'750 CHF
Prezzo esemplare provato  
   
Ci piace Un'ibrida che funziona...
Non ci piace ...ma il meglio deve ancora venire

 

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 04:57:28 | 91.208.130.85