ULTIME NOTIZIE Motori
TEST DRIVE
2 gior
V60 D4 Cross Country, oltre i confini
L’accogliente wagon svedese declinata nell’allestimento crossover si lascia apprezzare per l’isolamento aggiuntivo, senza perdere le conosciute ad apprezzate qualità stradali delle altre versioni.
TEST DRIVE
4 gior
Mazda3 Skyactiv-X, arriva la rivoluzione nel motore a scoppio
La nuova media giapponese porta in dote il 2.0 benzina con accensione spontanea da 180 cv, che promette più efficienza e minori consumi. Abitacolo accogliente, bagagliaio sufficiente.
TEST DRIVE
6 gior
Ford Ranger Raptor, fascino e qualità d’Oltreoceano
Allestito da Ford Performance, è rinforzato, allargato, rialzato per un look tutto muscoli: in 4x4 è spettacolare, ma va bene anche su asfalto. Forte di un 2.0 TD da 213 cv con cambio a 10 marce.
TEST DRIVE
1 sett
Porsche 911 GT2 RS, in pista a Misano Adriatico
Una giornata da piloti: abbiamo provato la più potente delle 911 affrontando cordoli e staccate, gestione delle gomme ed esuberanza dei 700 cv del suo boxer 3.8 biturbo. Ecco come è andata.
PRIME IMPRESSIONI
1 sett
Renault Captur, cambia tutto tranne lo stile
La seconda generazione del crossover segue la scia della Clio e conserva un design “di casa”, in verità evoluto per stile e dimensioni accresciute. Con comfort e accoglienza in evidenza.
Novità
1 sett
Anche Mazda si dà all’elettrico: arriva il crossover MX-30
Strizza l’occhio al fuoristrada ma insiste sulla linea sportiva, ispirata alle coupé. Sotto il cofano un’unità elettrica da 143 cv. Sarà in vendita dalla seconda metà dell’anno prossimo.
TEST DRIVE
2 sett
Hyundai i30 Fastback N, gustosa e pure “cattiva” a comando
Alla grinta del 2 litri turbo da 275 cv, la due volumi con allestimento sportivo N Performance abbina una guida notevolmente reattiva ed incisiva: il coinvolgimento è assicurato.
TEST DRIVE
2 sett
Ford Mondeo Hybrid Wagon, l’economia è servita
La versione ibrida permette una marcia docile e briosa con consumi sempre piacevolmente contenuti. Spazio ed accoglienza generosi ne accompagnano il carattere fluido e rilassante.
PRIMA PROVA
12.10.2012 - 10:010
Aggiornamento : 14.11.2014 - 21:44

Il Biturbo sbarca sulla Opel Astra

Eredita il motore dalla sorella maggiore Insignia e si guadagna una piacevole caratterizzazione estetica. Una bella combinazione.

TUTTO IN FAMIGLIA - Il motore non ci è nuovo e, in tutta franchezza, è un motore che ci piace abbastanza. All'incirca mezzo anno dopo aver debuttato sull'ammiraglia Insignia, il quattro cilindri Diesel più potente attualmente sul mercato debutta anche sulla più piccola Astra. Si tratta quindi del noto due litri Biturbo, il cui funzionamento in tre fasi ve l'avevamo già spiegato in occasione del primo contatto avvenuto lo scorso febbraio, ma per rinfrescarvi la memoria eccolo di nuovo: fino a 1'500 giri/min. funziona unicamente la turbina piccola, da 1'500 a 3'000 lavorano entrambe, mentre superati i 3'000 quella piccola viene bypassata lasciando solo alla più grande il compito di fornire il massimo della potenza possibile.

QUALCHE CHILO DI TROPPO - Tradotto in sensazioni provate al volante significa avere un propulsore molto corposo già ai bassi regimi, dall'erogazione regolare e un allungo che arriva senza incertezze a 5'000 giri/min. Guidarlo sulla Astra risulta ancora più piacevole in quanto, senza la "zavorra" della Insignia, riesce ad esprimersi ancora al meglio pur non essendo la Astra un peso piuma della categoria. La citata massa offusca in parte le potenziali prestazioni di questo Biturbo da 195 cavalli e 400 Newtonmetri, che si deve accontentare di 8,6 secondi per scattare da 0 a 100 km/h e di 226 km/h di velocità massima. I consumi, invece, sono dichiarati a ottimi 4,9 L/100 km.

PIÙ CARATTERE - Nonostante questa parentesi l'Astra Biturbo è più piacevole di quanto i numeri sulle prestazioni potrebbero far intendere. A questo contribuisce come sempre l'ottimo assetto che tramite il FlexRide può passare con un pulsante da una berlina tutta comfort ad una discreta dinamicità che non guasta mai. Dinamicità peraltro sottolineata dall'azzeccata caratterizzazione estetica che la posiziona abilmente tra una normalissima Astra e la potente OPC, e questo anche all'interno dell'abitacolo. Una via di mezzo che è disponibile con la carrozzeria cinque porte, GTC e Sports Tourer (familiare); quest'ultima quella che secondo noi meglio si addice al concetto della vettura. Il tutto è disponibile da questo autunno ma i prezzi, al momento, non sono ancora noti.

 

ARTICOLI COLLEGATI:

Prima prova Opel Insignia Biturbo
Prima prova Opel Astra GTC
Prova su strada Opel Astra GTC
Prova su strada Opel Astra Sports Tourer

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:54:53 | 91.208.130.87